XX Colloquio AISCOM

Risultato della ricerca: Paper

Abstract

In questi ultimi decenni la ricerca scientifica ha fornito numerose innovazioni applicabili nel campo della conservazione e del restauro dei beni culturali e, come presentato nel congresso internazionale Molecular Biology and Cultural Heritage (Seville-2003, ES), le biotecnologie possono fornire numerosi protocolli applicativi. In particolare, le indagini molecolari implementano e completano la rivelazione e identificazione delle specie microbiche presenti sia sulla superficie dei manufatti sia nell’aerosol dogli ambienti in cui sono conservati/esposti. Alcune specie batteriche e fungine, sono in grado di rilasciare sui manufatti e nell’ambiente circostante, i prodotti delle loro attività metaboliche inducendone il biodeterioramento. Inoltre, la ricerca biotecnologica ha permesso di purificare nuove molecole bioattive1 o isolare taxa batterici in grado di idrolizzare e facilitare la rimozione di strati indesiderati presenti sulla superficie di manufatti (biocleaning) e, ancora, batteri utilizzabili per consolidare (bioreinforcing) manufatti lapidei degradati. Infine, permettono di identificare le specie batteriche e fungine potenzialmente pericolose per la salute di operatori/fruitori, perché in grado di rilasciare macromolecole (frammenti cellulari, pro-tossine) nell’aerosol di ambienti espositivi o preposti alla conservazione.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2015

Cita questo

XX Colloquio AISCOM. / Palla, Franco.

2015.

Risultato della ricerca: Paper

@conference{a1238e623f384c4084fc44655bfb47a4,
title = "XX Colloquio AISCOM",
abstract = "In questi ultimi decenni la ricerca scientifica ha fornito numerose innovazioni applicabili nel campo della conservazione e del restauro dei beni culturali e, come presentato nel congresso internazionale Molecular Biology and Cultural Heritage (Seville-2003, ES), le biotecnologie possono fornire numerosi protocolli applicativi. In particolare, le indagini molecolari implementano e completano la rivelazione e identificazione delle specie microbiche presenti sia sulla superficie dei manufatti sia nell’aerosol dogli ambienti in cui sono conservati/esposti. Alcune specie batteriche e fungine, sono in grado di rilasciare sui manufatti e nell’ambiente circostante, i prodotti delle loro attivit{\`a} metaboliche inducendone il biodeterioramento. Inoltre, la ricerca biotecnologica ha permesso di purificare nuove molecole bioattive1 o isolare taxa batterici in grado di idrolizzare e facilitare la rimozione di strati indesiderati presenti sulla superficie di manufatti (biocleaning) e, ancora, batteri utilizzabili per consolidare (bioreinforcing) manufatti lapidei degradati. Infine, permettono di identificare le specie batteriche e fungine potenzialmente pericolose per la salute di operatori/fruitori, perch{\'e} in grado di rilasciare macromolecole (frammenti cellulari, pro-tossine) nell’aerosol di ambienti espositivi o preposti alla conservazione.",
author = "Franco Palla",
year = "2015",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - XX Colloquio AISCOM

AU - Palla, Franco

PY - 2015

Y1 - 2015

N2 - In questi ultimi decenni la ricerca scientifica ha fornito numerose innovazioni applicabili nel campo della conservazione e del restauro dei beni culturali e, come presentato nel congresso internazionale Molecular Biology and Cultural Heritage (Seville-2003, ES), le biotecnologie possono fornire numerosi protocolli applicativi. In particolare, le indagini molecolari implementano e completano la rivelazione e identificazione delle specie microbiche presenti sia sulla superficie dei manufatti sia nell’aerosol dogli ambienti in cui sono conservati/esposti. Alcune specie batteriche e fungine, sono in grado di rilasciare sui manufatti e nell’ambiente circostante, i prodotti delle loro attività metaboliche inducendone il biodeterioramento. Inoltre, la ricerca biotecnologica ha permesso di purificare nuove molecole bioattive1 o isolare taxa batterici in grado di idrolizzare e facilitare la rimozione di strati indesiderati presenti sulla superficie di manufatti (biocleaning) e, ancora, batteri utilizzabili per consolidare (bioreinforcing) manufatti lapidei degradati. Infine, permettono di identificare le specie batteriche e fungine potenzialmente pericolose per la salute di operatori/fruitori, perché in grado di rilasciare macromolecole (frammenti cellulari, pro-tossine) nell’aerosol di ambienti espositivi o preposti alla conservazione.

AB - In questi ultimi decenni la ricerca scientifica ha fornito numerose innovazioni applicabili nel campo della conservazione e del restauro dei beni culturali e, come presentato nel congresso internazionale Molecular Biology and Cultural Heritage (Seville-2003, ES), le biotecnologie possono fornire numerosi protocolli applicativi. In particolare, le indagini molecolari implementano e completano la rivelazione e identificazione delle specie microbiche presenti sia sulla superficie dei manufatti sia nell’aerosol dogli ambienti in cui sono conservati/esposti. Alcune specie batteriche e fungine, sono in grado di rilasciare sui manufatti e nell’ambiente circostante, i prodotti delle loro attività metaboliche inducendone il biodeterioramento. Inoltre, la ricerca biotecnologica ha permesso di purificare nuove molecole bioattive1 o isolare taxa batterici in grado di idrolizzare e facilitare la rimozione di strati indesiderati presenti sulla superficie di manufatti (biocleaning) e, ancora, batteri utilizzabili per consolidare (bioreinforcing) manufatti lapidei degradati. Infine, permettono di identificare le specie batteriche e fungine potenzialmente pericolose per la salute di operatori/fruitori, perché in grado di rilasciare macromolecole (frammenti cellulari, pro-tossine) nell’aerosol di ambienti espositivi o preposti alla conservazione.

UR - http://hdl.handle.net/10447/133972

M3 - Paper

ER -