Welcome back, my Friends, to the show that never ends

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

Il saggio affronta le questioni relative all'accoglienza dei migranti a New York e alle modificazioni urbane fino agli anni Trenta. La città di New York, a ridosso della seconda metà del XIX secolo, inizia a presentare un volto multiplo, dinamico, soggetto a cambiamenti e contraddittorio. Che dà vita a una realtà urbana che si trasforma velocemente, in stretta relazione con il sistema geografico circostante, e in assenza di una pianificazione che fornisce “modelli” stringenti (sia della forma urbis, che della forma e funzione degli edifici, come dei fronti e delle altezze) diversamente da quanto accadeva nelle città europee.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)1-8
Numero di pagine8
RivistaDIALOGHI MEDITERRANEI
Stato di pubblicazionePublished - 2016

Cita questo