Volte in pietra. Alcune riflessioni sulla stereotomia tra Italia Meridionale e Mediterraneo in età moderna

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Per chi fa storia, la stereotomia non costituisce un fenomeno da studiare solo nei meccanismi della rappresentazione, del funzionamento meccanico delle strutture o nei risvolti geometrici e tecnologici; per chi fa questo mestiere nel meridione d’Italia questa pratica individua una chiave per reinterpretare i molteplici nessi che legano nei secoli architettura e scienza e in definitiva costituisce uno strumento adatto a restituire con maggior nitidezza il ritratto complesso di una civiltà costruttiva.Chi si accinga a studiare l’architettura di età moderna nel meridione ha spesso l’impressione di trovarsi davanti a modalità di comportamento inerziali e a improvvisi sviluppi di seconda mano, ma non sempre si riesce a giungere alle solide ragioni che stanno dietro la mutazione o la persistenza delle forme. Le radici di molti giudizi sono note, coinvolgono argomenti più ampi di quelli trattati in queste pagine.In realtà negli ultimi tempi gli studi in questo campo si sono incrementati, il lavoro di analisi e di conoscenza ha fatto grandi passi in avanti, ma il prevalente interesse operativo (finalizzato cioè a studi sui materiali, sulla riappropriazione di tecniche costruttive, sul restauro) ha lasciato molti quesiti inevasi. Nel Sud ci sono molteplici prove di un’operatività che contempla anche la perizia nel taglio della pietra, ma le ragioni storiche di queste consuetudini sono quasi sempre affidate a determinismi generici (la sapienza artigianale) e all’unico fattore che dovrebbe sempre spiegare tutto: la tradizione. Proverò in queste pagine a offrire qualche ipotesi per superare la circolarità del discorso e uscire dal labirinto di vicoli ciechi prodotto dai cliché.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteLA STEREOTOMIA IN SICILIA E NEL MEDITERRANEO
Pagine7-56
Numero di pagine50
Stato di pubblicazionePublished - 2013

Cita questo

Volte in pietra. Alcune riflessioni sulla stereotomia tra Italia Meridionale e Mediterraneo in età moderna. / Nobile, Rosario.

LA STEREOTOMIA IN SICILIA E NEL MEDITERRANEO. 2013. pag. 7-56.

Risultato della ricerca: Chapter

@inbook{143fb0682825483781193d143f49ec00,
title = "Volte in pietra. Alcune riflessioni sulla stereotomia tra Italia Meridionale e Mediterraneo in et{\`a} moderna",
abstract = "Per chi fa storia, la stereotomia non costituisce un fenomeno da studiare solo nei meccanismi della rappresentazione, del funzionamento meccanico delle strutture o nei risvolti geometrici e tecnologici; per chi fa questo mestiere nel meridione d’Italia questa pratica individua una chiave per reinterpretare i molteplici nessi che legano nei secoli architettura e scienza e in definitiva costituisce uno strumento adatto a restituire con maggior nitidezza il ritratto complesso di una civilt{\`a} costruttiva.Chi si accinga a studiare l’architettura di et{\`a} moderna nel meridione ha spesso l’impressione di trovarsi davanti a modalit{\`a} di comportamento inerziali e a improvvisi sviluppi di seconda mano, ma non sempre si riesce a giungere alle solide ragioni che stanno dietro la mutazione o la persistenza delle forme. Le radici di molti giudizi sono note, coinvolgono argomenti pi{\`u} ampi di quelli trattati in queste pagine.In realt{\`a} negli ultimi tempi gli studi in questo campo si sono incrementati, il lavoro di analisi e di conoscenza ha fatto grandi passi in avanti, ma il prevalente interesse operativo (finalizzato cio{\`e} a studi sui materiali, sulla riappropriazione di tecniche costruttive, sul restauro) ha lasciato molti quesiti inevasi. Nel Sud ci sono molteplici prove di un’operativit{\`a} che contempla anche la perizia nel taglio della pietra, ma le ragioni storiche di queste consuetudini sono quasi sempre affidate a determinismi generici (la sapienza artigianale) e all’unico fattore che dovrebbe sempre spiegare tutto: la tradizione. Prover{\`o} in queste pagine a offrire qualche ipotesi per superare la circolarit{\`a} del discorso e uscire dal labirinto di vicoli ciechi prodotto dai clich{\'e}.",
author = "Rosario Nobile",
year = "2013",
language = "Italian",
isbn = "978-88-98546-02-2",
pages = "7--56",
booktitle = "LA STEREOTOMIA IN SICILIA E NEL MEDITERRANEO",

}

TY - CHAP

T1 - Volte in pietra. Alcune riflessioni sulla stereotomia tra Italia Meridionale e Mediterraneo in età moderna

AU - Nobile, Rosario

PY - 2013

Y1 - 2013

N2 - Per chi fa storia, la stereotomia non costituisce un fenomeno da studiare solo nei meccanismi della rappresentazione, del funzionamento meccanico delle strutture o nei risvolti geometrici e tecnologici; per chi fa questo mestiere nel meridione d’Italia questa pratica individua una chiave per reinterpretare i molteplici nessi che legano nei secoli architettura e scienza e in definitiva costituisce uno strumento adatto a restituire con maggior nitidezza il ritratto complesso di una civiltà costruttiva.Chi si accinga a studiare l’architettura di età moderna nel meridione ha spesso l’impressione di trovarsi davanti a modalità di comportamento inerziali e a improvvisi sviluppi di seconda mano, ma non sempre si riesce a giungere alle solide ragioni che stanno dietro la mutazione o la persistenza delle forme. Le radici di molti giudizi sono note, coinvolgono argomenti più ampi di quelli trattati in queste pagine.In realtà negli ultimi tempi gli studi in questo campo si sono incrementati, il lavoro di analisi e di conoscenza ha fatto grandi passi in avanti, ma il prevalente interesse operativo (finalizzato cioè a studi sui materiali, sulla riappropriazione di tecniche costruttive, sul restauro) ha lasciato molti quesiti inevasi. Nel Sud ci sono molteplici prove di un’operatività che contempla anche la perizia nel taglio della pietra, ma le ragioni storiche di queste consuetudini sono quasi sempre affidate a determinismi generici (la sapienza artigianale) e all’unico fattore che dovrebbe sempre spiegare tutto: la tradizione. Proverò in queste pagine a offrire qualche ipotesi per superare la circolarità del discorso e uscire dal labirinto di vicoli ciechi prodotto dai cliché.

AB - Per chi fa storia, la stereotomia non costituisce un fenomeno da studiare solo nei meccanismi della rappresentazione, del funzionamento meccanico delle strutture o nei risvolti geometrici e tecnologici; per chi fa questo mestiere nel meridione d’Italia questa pratica individua una chiave per reinterpretare i molteplici nessi che legano nei secoli architettura e scienza e in definitiva costituisce uno strumento adatto a restituire con maggior nitidezza il ritratto complesso di una civiltà costruttiva.Chi si accinga a studiare l’architettura di età moderna nel meridione ha spesso l’impressione di trovarsi davanti a modalità di comportamento inerziali e a improvvisi sviluppi di seconda mano, ma non sempre si riesce a giungere alle solide ragioni che stanno dietro la mutazione o la persistenza delle forme. Le radici di molti giudizi sono note, coinvolgono argomenti più ampi di quelli trattati in queste pagine.In realtà negli ultimi tempi gli studi in questo campo si sono incrementati, il lavoro di analisi e di conoscenza ha fatto grandi passi in avanti, ma il prevalente interesse operativo (finalizzato cioè a studi sui materiali, sulla riappropriazione di tecniche costruttive, sul restauro) ha lasciato molti quesiti inevasi. Nel Sud ci sono molteplici prove di un’operatività che contempla anche la perizia nel taglio della pietra, ma le ragioni storiche di queste consuetudini sono quasi sempre affidate a determinismi generici (la sapienza artigianale) e all’unico fattore che dovrebbe sempre spiegare tutto: la tradizione. Proverò in queste pagine a offrire qualche ipotesi per superare la circolarità del discorso e uscire dal labirinto di vicoli ciechi prodotto dai cliché.

UR - http://hdl.handle.net/10447/95169

M3 - Chapter

SN - 978-88-98546-02-2

SP - 7

EP - 56

BT - LA STEREOTOMIA IN SICILIA E NEL MEDITERRANEO

ER -