Verga e il sentire mafioso. Altre annotazioni tra storia e letteratura

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

Alcuni studiosi hanno isolato, nel corpus verghiano, luoghi nei quali è possibile riconoscereriferimenti impliciti a dinamiche mafiose o “protomafiose”, ovvero acodici culturali e antropologici ascrivibili a un più generico “sentire mafioso” (in alcuniepisodi del Mastro-don Gesualdo o in novelle come Cavalleria rusticana e La chiaved’oro). Anche grazie al contributo di alcuni studi recenti, questo intervento intendeprovare ad aggiornare il dibattito, rinnovando l’attenzione al contesto politico eculturale in cui maturò la svolta verista verghiana e tornando a riflettere sulle oscillazionitra pittoresco e antipittoresco del Verga siciliano.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)189-201
Numero di pagine13
RivistaANNALI DELLA FONDAZIONE VERGA
Volume9
Stato di pubblicazionePublished - 2016

Cita questo