Variazione della pressione intraoculare durante le procedure diagnostiche endoscopiche

Risultato della ricerca: Article

Abstract

Obiettivo. Obiettivo del presente studio è stato quello di rilevare qualsiasi possibile variazione nella pressione intraoculare (PIO) in soggetti non glaucomatosi sottoposti a esami endoscopici come la gastroscopia o la colonscopia, al fine di valutare il ruolo della tensione mentale in tali cambiamenti.Metodi. La frequenza cardiaca e il tono oculare sono stati misurati prima e subito dopo le procedure endoscopiche e 30’ dopo la somministrazione di un antagonista delle benzodiazepine in 100 soggetti, 52 uomini e 48 donne, sottoposti a gastroscopia, colonscopia o entrambi gli esami nella stessa occasione.Risultati. La frequenza cardiaca è diminuita da 82,10±14,41 a 76,11±10,96 30’ dopo la somministrazione di flumazenil con una riduzione significativa (P>0,001). Anche la PIO è diminuita in maniera considerevole, da 15,25±2,88 mmHg prima dell’esame a 12,98±2,16 mmHg 30’ dopo la somministrazione dell’antagonista delle benzodiazepine (P=0,001).Conclusioni. Sulla base dei risultati del nostro studio, siamo in grado di affermare che la tensione mentale generata dalle procedure diagnostiche invasive comporta un aumento della PIO che, in alcuni soggetti, può raggiungere livelli patologici.
Lingua originaleEnglish
pagine (da-a)47-52
Numero di pagine6
RivistaMINERVA OFTALMOLOGICA
Volume54
Stato di pubblicazionePublished - 2012

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Variazione della pressione intraoculare durante le procedure diagnostiche endoscopiche'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo