Valutazione sperimentale della durabilità delle coperture discontinue. Un’applicazione al pannello sandwich.

Risultato della ricerca: Book

Abstract

Il lavoro riporta i risultati finali della ricerca “Metodologie di progettazione e di valutazione sperimentale della durabilità di coperture discontinue” e si inquadra nel programma biennale di ricerca di rilevante interesse nazionale cofinanziata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (PRIN 2003).La ricerca, vede coinvolte oltre a quella di Palermo, anche le Unità di ricerca del Politecnico di Milano, del Politecnico di Torino, dell’Università di Brescia, dell’Università di Napoli e dell’Università di Catania. La metodologia seguita nella ricerca prevede la valutazione dei due parametri essenziali della durabilità e cioè l’affidabilità e la durata, con procedure distinte e complementari.L’affidabilità è stata stimata attraverso un metodo teorico che consente una valutazione qualitativa della propensione all’affidabilità, secondo una procedura comparativa condotta tra gli elementi di un repertorio di soluzioni tecniche della stessa classe, considerati fuori sistema e fuori contesto (P34 e P42).La durata viene indagata invece attraverso prove sperimentali su campioni di elementi tecnici esposti agli agenti naturali e a prove di invecchiamento accelerato in laboratorio. Il presente lavoro finale contiene, sulla base delle ipotesi di studio, i risultati sperimentali della ricerca condotta su campioni di “pannello sandwich” cui si è giunti attraverso le seguenti fasi: individuazione dei parametri da monitorare sulla base dei requisiti connotanti la classe di elementi tecnici; analisi delle prestazioni iniziali; esposizione in esterno e monitoraggio dei parametri meteorologici relativi; studio del quadro degli agenti-azioni-effetti del contesto; messa a punto del ciclo di invecchiamento accelerato sulla base delle caratteristiche del contesto climatico; monitoraggio delle caratteristiche prestazionali dei campioni durante l’invecchiamento (in esterno e in laboratorio); rescaling temporale, elaborazione dei risultati e conclusioni finali sui modelli di previsione del comportamento nel tempo del pannello (vita utile di riferimento).Le caratteristiche prestazionali monitorate sono l’aspetto, il peso, il colore, la conducibilità, la resistenza meccanica.Per completezza di esposizione, assieme ai nuovi contributi, il lavoro contiene una sintesi (capitoli 3 e 4) delle premesse e dei risultati della fase teorica.Anche se la ricerca necessita di alcuni approfondimenti è stato possibile fare un rescaling temporale tra l’invecchiamento naturale e quello accelerato, registrare comportamenti interessanti delle diverse caratteristiche indagate, individuare punti critici sia sotto l’aspetto produttivo che normativo.
Lingua originaleItalian
EditoreediTecnica
ISBN (stampa)88-7454-035-3
Stato di pubblicazionePublished - 2006

Cita questo

@book{be0506a48a16499b8a904789f2a495e2,
title = "Valutazione sperimentale della durabilit{\`a} delle coperture discontinue. Un’applicazione al pannello sandwich.",
abstract = "Il lavoro riporta i risultati finali della ricerca “Metodologie di progettazione e di valutazione sperimentale della durabilit{\`a} di coperture discontinue” e si inquadra nel programma biennale di ricerca di rilevante interesse nazionale cofinanziata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Universit{\`a} e della Ricerca (PRIN 2003).La ricerca, vede coinvolte oltre a quella di Palermo, anche le Unit{\`a} di ricerca del Politecnico di Milano, del Politecnico di Torino, dell’Universit{\`a} di Brescia, dell’Universit{\`a} di Napoli e dell’Universit{\`a} di Catania. La metodologia seguita nella ricerca prevede la valutazione dei due parametri essenziali della durabilit{\`a} e cio{\`e} l’affidabilit{\`a} e la durata, con procedure distinte e complementari.L’affidabilit{\`a} {\`e} stata stimata attraverso un metodo teorico che consente una valutazione qualitativa della propensione all’affidabilit{\`a}, secondo una procedura comparativa condotta tra gli elementi di un repertorio di soluzioni tecniche della stessa classe, considerati fuori sistema e fuori contesto (P34 e P42).La durata viene indagata invece attraverso prove sperimentali su campioni di elementi tecnici esposti agli agenti naturali e a prove di invecchiamento accelerato in laboratorio. Il presente lavoro finale contiene, sulla base delle ipotesi di studio, i risultati sperimentali della ricerca condotta su campioni di “pannello sandwich” cui si {\`e} giunti attraverso le seguenti fasi: individuazione dei parametri da monitorare sulla base dei requisiti connotanti la classe di elementi tecnici; analisi delle prestazioni iniziali; esposizione in esterno e monitoraggio dei parametri meteorologici relativi; studio del quadro degli agenti-azioni-effetti del contesto; messa a punto del ciclo di invecchiamento accelerato sulla base delle caratteristiche del contesto climatico; monitoraggio delle caratteristiche prestazionali dei campioni durante l’invecchiamento (in esterno e in laboratorio); rescaling temporale, elaborazione dei risultati e conclusioni finali sui modelli di previsione del comportamento nel tempo del pannello (vita utile di riferimento).Le caratteristiche prestazionali monitorate sono l’aspetto, il peso, il colore, la conducibilit{\`a}, la resistenza meccanica.Per completezza di esposizione, assieme ai nuovi contributi, il lavoro contiene una sintesi (capitoli 3 e 4) delle premesse e dei risultati della fase teorica.Anche se la ricerca necessita di alcuni approfondimenti {\`e} stato possibile fare un rescaling temporale tra l’invecchiamento naturale e quello accelerato, registrare comportamenti interessanti delle diverse caratteristiche indagate, individuare punti critici sia sotto l’aspetto produttivo che normativo.",
author = "Giuseppe Alaimo",
year = "2006",
language = "Italian",
isbn = "88-7454-035-3",
publisher = "ediTecnica",

}

TY - BOOK

T1 - Valutazione sperimentale della durabilità delle coperture discontinue. Un’applicazione al pannello sandwich.

AU - Alaimo, Giuseppe

PY - 2006

Y1 - 2006

N2 - Il lavoro riporta i risultati finali della ricerca “Metodologie di progettazione e di valutazione sperimentale della durabilità di coperture discontinue” e si inquadra nel programma biennale di ricerca di rilevante interesse nazionale cofinanziata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (PRIN 2003).La ricerca, vede coinvolte oltre a quella di Palermo, anche le Unità di ricerca del Politecnico di Milano, del Politecnico di Torino, dell’Università di Brescia, dell’Università di Napoli e dell’Università di Catania. La metodologia seguita nella ricerca prevede la valutazione dei due parametri essenziali della durabilità e cioè l’affidabilità e la durata, con procedure distinte e complementari.L’affidabilità è stata stimata attraverso un metodo teorico che consente una valutazione qualitativa della propensione all’affidabilità, secondo una procedura comparativa condotta tra gli elementi di un repertorio di soluzioni tecniche della stessa classe, considerati fuori sistema e fuori contesto (P34 e P42).La durata viene indagata invece attraverso prove sperimentali su campioni di elementi tecnici esposti agli agenti naturali e a prove di invecchiamento accelerato in laboratorio. Il presente lavoro finale contiene, sulla base delle ipotesi di studio, i risultati sperimentali della ricerca condotta su campioni di “pannello sandwich” cui si è giunti attraverso le seguenti fasi: individuazione dei parametri da monitorare sulla base dei requisiti connotanti la classe di elementi tecnici; analisi delle prestazioni iniziali; esposizione in esterno e monitoraggio dei parametri meteorologici relativi; studio del quadro degli agenti-azioni-effetti del contesto; messa a punto del ciclo di invecchiamento accelerato sulla base delle caratteristiche del contesto climatico; monitoraggio delle caratteristiche prestazionali dei campioni durante l’invecchiamento (in esterno e in laboratorio); rescaling temporale, elaborazione dei risultati e conclusioni finali sui modelli di previsione del comportamento nel tempo del pannello (vita utile di riferimento).Le caratteristiche prestazionali monitorate sono l’aspetto, il peso, il colore, la conducibilità, la resistenza meccanica.Per completezza di esposizione, assieme ai nuovi contributi, il lavoro contiene una sintesi (capitoli 3 e 4) delle premesse e dei risultati della fase teorica.Anche se la ricerca necessita di alcuni approfondimenti è stato possibile fare un rescaling temporale tra l’invecchiamento naturale e quello accelerato, registrare comportamenti interessanti delle diverse caratteristiche indagate, individuare punti critici sia sotto l’aspetto produttivo che normativo.

AB - Il lavoro riporta i risultati finali della ricerca “Metodologie di progettazione e di valutazione sperimentale della durabilità di coperture discontinue” e si inquadra nel programma biennale di ricerca di rilevante interesse nazionale cofinanziata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (PRIN 2003).La ricerca, vede coinvolte oltre a quella di Palermo, anche le Unità di ricerca del Politecnico di Milano, del Politecnico di Torino, dell’Università di Brescia, dell’Università di Napoli e dell’Università di Catania. La metodologia seguita nella ricerca prevede la valutazione dei due parametri essenziali della durabilità e cioè l’affidabilità e la durata, con procedure distinte e complementari.L’affidabilità è stata stimata attraverso un metodo teorico che consente una valutazione qualitativa della propensione all’affidabilità, secondo una procedura comparativa condotta tra gli elementi di un repertorio di soluzioni tecniche della stessa classe, considerati fuori sistema e fuori contesto (P34 e P42).La durata viene indagata invece attraverso prove sperimentali su campioni di elementi tecnici esposti agli agenti naturali e a prove di invecchiamento accelerato in laboratorio. Il presente lavoro finale contiene, sulla base delle ipotesi di studio, i risultati sperimentali della ricerca condotta su campioni di “pannello sandwich” cui si è giunti attraverso le seguenti fasi: individuazione dei parametri da monitorare sulla base dei requisiti connotanti la classe di elementi tecnici; analisi delle prestazioni iniziali; esposizione in esterno e monitoraggio dei parametri meteorologici relativi; studio del quadro degli agenti-azioni-effetti del contesto; messa a punto del ciclo di invecchiamento accelerato sulla base delle caratteristiche del contesto climatico; monitoraggio delle caratteristiche prestazionali dei campioni durante l’invecchiamento (in esterno e in laboratorio); rescaling temporale, elaborazione dei risultati e conclusioni finali sui modelli di previsione del comportamento nel tempo del pannello (vita utile di riferimento).Le caratteristiche prestazionali monitorate sono l’aspetto, il peso, il colore, la conducibilità, la resistenza meccanica.Per completezza di esposizione, assieme ai nuovi contributi, il lavoro contiene una sintesi (capitoli 3 e 4) delle premesse e dei risultati della fase teorica.Anche se la ricerca necessita di alcuni approfondimenti è stato possibile fare un rescaling temporale tra l’invecchiamento naturale e quello accelerato, registrare comportamenti interessanti delle diverse caratteristiche indagate, individuare punti critici sia sotto l’aspetto produttivo che normativo.

UR - http://hdl.handle.net/10447/20321

M3 - Book

SN - 88-7454-035-3

BT - Valutazione sperimentale della durabilità delle coperture discontinue. Un’applicazione al pannello sandwich.

PB - ediTecnica

ER -