VALUTAZIONE DELLA COMPLIANCE E DELLA PERSISTENZA NELLA TERAPIADELL’OSTEOPOROSI CON ALENDRONATO: NOSTRA ESPERIENZA

Giulia Letizia Mauro, Chiara Asaro, Giuseppe D'Angelo, Lorenza Lauricella, Luigi Giuseppe Tumminelli

Risultato della ricerca: Other

Abstract

Tra le molteplici patologie cronico-degenerative, l’osteoporosi è una di quelle a maggiore impatto sanitario,economico e sociale. Si tratta di una malattia sistemica dello scheletro, caratterizzata dalla progressiva diminuzionedella massa ossea e dal deterioramento della microarchitettura, processo che comporta un’aumentato rischio difrattura. Il corretto trattamento prevede l’aderenza terapeutica, definita come combinazione di compliance (rispettodelle indicazioni nell’assunzione del farmaco, valutata mediante il Medication Possession Ratio cioè il numerocumulativo di giorni di copertura farmacologica) e di persistenza (proseguimento del trattamento per tutta la durataprescritta). I bisfosfonati rappresentano indubbiamente la classe di farmaci più ampiamente utilizzata, con un profilodi efficacia e sicurezza ben studiato e documentato. Scopo principale degli studi finora condotti è stato quello diidentificare la migliore formulazione farmacologica da utilizzare al fine di migliorare l’aderenza terapeutica.L’alendronato è stata la prima molecola ad essere registrata con azione anti-fratturativa ed è ancora oggi il farmacopiù prescritto. Studi internazionali dimostrano come circa il 50-60% dei pazienti interrompe il trattamento entro unanno. Una maggiore percentuale di adesione alla terapia potrebbe essere legata alla recente formulazione solubilesia per la semplicità nella somministrazione che per la possibile riduzione di eventi avversi, specie gastrolesivi.
Lingua originaleItalian
Pagine88-88
Numero di pagine1
Stato di pubblicazionePublished - 2017

Cita questo