Abstract

Obiettivo: valutare e confrontare l’efficacia dei più comuni tipi di disinfettanti per la disinfezione dei coni tonometrici e trarre alcune indicazioni sulla applicabilità alla realtà clinico-diagnostica in campo oftalmologico. Materiali e metodi: coni tonometrici monouso sterili, previamente contaminati con ceppi standard di Staphylococcus aureus, Bacillus subtilis, Pseudomonas aeruginosa e Candida albicans sono stati testati, dopo semplice detersione o disinfezione con acqua ossigenata al 3%, benzalconio cloruro allo 0.5%, Minuten wipes (Alpro® ), Pantasept® allo 0.5% secondo le linee guida del CDC di Atlanta. Risultati: la semplice detersione è stata inefficace contro tutte le specie testate mentre Minuten Wipes è risultato efficace ad eccezione del B. subtilis. Il Pantasept® agiva dopo un minuto, mentre con Benzalconio cloruro l’eliminazione del B. Subtilis richiedeva tempi non inferiori a cinque minuti. L’acqua ossigenata è risultata efficace solo con tempi superiori ai cinque minuti. Conclusioni: la necessità di effettuare in oculistica numerosi e frequenti controlli, potrebbe condurre ad una carenza nella disinfezione dello strumentario, e al rischio di infezioni crociate. Ciò prevede la opportunità di trovare sistemi alternativi come l'uso di coni tonometrici monouso che prevedano un buon rapporto costo/beneficio a favore della sicurezza del paziente.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2006

Cita questo

@conference{f5c4b749c1f94eb187d063f7454c6180,
title = "Uso del tonometro e rischio infettivo ; valutazione dell'efficacia di differenziali tipi di disinfettanti.",
abstract = "Obiettivo: valutare e confrontare l’efficacia dei pi{\`u} comuni tipi di disinfettanti per la disinfezione dei coni tonometrici e trarre alcune indicazioni sulla applicabilit{\`a} alla realt{\`a} clinico-diagnostica in campo oftalmologico. Materiali e metodi: coni tonometrici monouso sterili, previamente contaminati con ceppi standard di Staphylococcus aureus, Bacillus subtilis, Pseudomonas aeruginosa e Candida albicans sono stati testati, dopo semplice detersione o disinfezione con acqua ossigenata al 3{\%}, benzalconio cloruro allo 0.5{\%}, Minuten wipes (Alpro{\circledR} ), Pantasept{\circledR} allo 0.5{\%} secondo le linee guida del CDC di Atlanta. Risultati: la semplice detersione {\`e} stata inefficace contro tutte le specie testate mentre Minuten Wipes {\`e} risultato efficace ad eccezione del B. subtilis. Il Pantasept{\circledR} agiva dopo un minuto, mentre con Benzalconio cloruro l’eliminazione del B. Subtilis richiedeva tempi non inferiori a cinque minuti. L’acqua ossigenata {\`e} risultata efficace solo con tempi superiori ai cinque minuti. Conclusioni: la necessit{\`a} di effettuare in oculistica numerosi e frequenti controlli, potrebbe condurre ad una carenza nella disinfezione dello strumentario, e al rischio di infezioni crociate. Ci{\`o} prevede la opportunit{\`a} di trovare sistemi alternativi come l'uso di coni tonometrici monouso che prevedano un buon rapporto costo/beneficio a favore della sicurezza del paziente.",
keywords = "Cono tonometrico, tonometro di Goldmann, Staphylococcus aureus, Bacillus subtilis, Pseudomonas aeruginosa , Candida albicans , acqua ossigenata, Pantasept{\circledR}, Benzalconio cloruro",
author = "Gaetano Lodato and Alessandra Casuccio and {Di Pace}, Francesco and Salvatore Cillino and {Morreale Bubella}, Daniele",
year = "2006",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - Uso del tonometro e rischio infettivo ; valutazione dell'efficacia di differenziali tipi di disinfettanti.

AU - Lodato, Gaetano

AU - Casuccio, Alessandra

AU - Di Pace, Francesco

AU - Cillino, Salvatore

AU - Morreale Bubella, Daniele

PY - 2006

Y1 - 2006

N2 - Obiettivo: valutare e confrontare l’efficacia dei più comuni tipi di disinfettanti per la disinfezione dei coni tonometrici e trarre alcune indicazioni sulla applicabilità alla realtà clinico-diagnostica in campo oftalmologico. Materiali e metodi: coni tonometrici monouso sterili, previamente contaminati con ceppi standard di Staphylococcus aureus, Bacillus subtilis, Pseudomonas aeruginosa e Candida albicans sono stati testati, dopo semplice detersione o disinfezione con acqua ossigenata al 3%, benzalconio cloruro allo 0.5%, Minuten wipes (Alpro® ), Pantasept® allo 0.5% secondo le linee guida del CDC di Atlanta. Risultati: la semplice detersione è stata inefficace contro tutte le specie testate mentre Minuten Wipes è risultato efficace ad eccezione del B. subtilis. Il Pantasept® agiva dopo un minuto, mentre con Benzalconio cloruro l’eliminazione del B. Subtilis richiedeva tempi non inferiori a cinque minuti. L’acqua ossigenata è risultata efficace solo con tempi superiori ai cinque minuti. Conclusioni: la necessità di effettuare in oculistica numerosi e frequenti controlli, potrebbe condurre ad una carenza nella disinfezione dello strumentario, e al rischio di infezioni crociate. Ciò prevede la opportunità di trovare sistemi alternativi come l'uso di coni tonometrici monouso che prevedano un buon rapporto costo/beneficio a favore della sicurezza del paziente.

AB - Obiettivo: valutare e confrontare l’efficacia dei più comuni tipi di disinfettanti per la disinfezione dei coni tonometrici e trarre alcune indicazioni sulla applicabilità alla realtà clinico-diagnostica in campo oftalmologico. Materiali e metodi: coni tonometrici monouso sterili, previamente contaminati con ceppi standard di Staphylococcus aureus, Bacillus subtilis, Pseudomonas aeruginosa e Candida albicans sono stati testati, dopo semplice detersione o disinfezione con acqua ossigenata al 3%, benzalconio cloruro allo 0.5%, Minuten wipes (Alpro® ), Pantasept® allo 0.5% secondo le linee guida del CDC di Atlanta. Risultati: la semplice detersione è stata inefficace contro tutte le specie testate mentre Minuten Wipes è risultato efficace ad eccezione del B. subtilis. Il Pantasept® agiva dopo un minuto, mentre con Benzalconio cloruro l’eliminazione del B. Subtilis richiedeva tempi non inferiori a cinque minuti. L’acqua ossigenata è risultata efficace solo con tempi superiori ai cinque minuti. Conclusioni: la necessità di effettuare in oculistica numerosi e frequenti controlli, potrebbe condurre ad una carenza nella disinfezione dello strumentario, e al rischio di infezioni crociate. Ciò prevede la opportunità di trovare sistemi alternativi come l'uso di coni tonometrici monouso che prevedano un buon rapporto costo/beneficio a favore della sicurezza del paziente.

KW - Cono tonometrico, tonometro di Goldmann, Staphylococcus aureus, Bacillus subtilis, Pseudomonas aeruginosa , Candida albicans , acqua ossigenata, Pantasept®, Benzalconio cloruro

UR - http://hdl.handle.net/10447/56672

M3 - Paper

ER -