USO DEL BISTURI AD ULTRASUONI IN UN CASO DI DISSEZIONE "DIFFICILE" DEI VASI ILIACI IN CORSO DI TRAPIANTO DI RENE

Risultato della ricerca: Other contribution

Abstract

Introduzione: La preparazione “difficile” dei vasi iliaci nel ricevente causata da uno stato di fibrosi serrata periavventiziale con linfoadenomegalia satellite a volte è gravata da complicanze nel post trapianto ( linfocele, sieroma ed ematoma). Le aderenze tra l’asse vascolare iliaco e soprattutto la linfoadenomegalia sono spesso dovute al cateterismo femorale.Materiali e metodi: Il caso clinico riguarda una paziente di 60 anni, da circa 4 anni in dialisi per insufficienza renale cronica di n.d.d. con fibrosi periavventiziale dell’asse iliaco e linfoadenomegalia satellite da cateterismo femorale bilaterale. In corso di trapianto di rene la preparazione dei vasi iliaci è stata effettuata con bisturi ad ultrasuoni. Risultati: Nel caso da noi trattato non vi è stata alcuna incidenza di complicanze sia nell’immediato post operatorio che a medio e lungo termine con una riduzione notevole dei tempi operatori nella dissezione vascolare effettuata senza alcuna legatura.Conclusioni: Spesso la lunga età dialitica, la nefropatia di base, il cateterismo femorale determinano fibrosi periavventiziale dell’asse iliaco e linfoadenomegalia consensuale. In questi casi, alla luce della iniziale esperienza, l’utilizzo del bisturi ad ultrasuoni consente un’agevole dissezione chirurgica attraverso la sintesi coagulativa non solo del comparto vascolare ma anche dei linfatici la cui beanza altrimenti, specie in tali casi, crea una condizione favorevole alla comparsa di ematomi e/o linfoceli. Tali complicanze, nonostante raramente mettano a rischio la vita del paziente, tuttavia possono pregiudicare l’outcome del trapianto in termini di morbilità e sopravvivenza dell’organo. L’uso del bisturi ad ultrasuoni garantisce il controllo totale della coagulazione del comparto vascolare e linfatico, parallelamente ad una riduzione dei tempi di dissezione chirurgica
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2009

Cita questo

@misc{269a8d1d10f64b0a9bd0f80452b35bee,
title = "USO DEL BISTURI AD ULTRASUONI IN UN CASO DI DISSEZIONE {"}DIFFICILE{"} DEI VASI ILIACI IN CORSO DI TRAPIANTO DI RENE",
abstract = "Introduzione: La preparazione “difficile” dei vasi iliaci nel ricevente causata da uno stato di fibrosi serrata periavventiziale con linfoadenomegalia satellite a volte {\`e} gravata da complicanze nel post trapianto ( linfocele, sieroma ed ematoma). Le aderenze tra l’asse vascolare iliaco e soprattutto la linfoadenomegalia sono spesso dovute al cateterismo femorale.Materiali e metodi: Il caso clinico riguarda una paziente di 60 anni, da circa 4 anni in dialisi per insufficienza renale cronica di n.d.d. con fibrosi periavventiziale dell’asse iliaco e linfoadenomegalia satellite da cateterismo femorale bilaterale. In corso di trapianto di rene la preparazione dei vasi iliaci {\`e} stata effettuata con bisturi ad ultrasuoni. Risultati: Nel caso da noi trattato non vi {\`e} stata alcuna incidenza di complicanze sia nell’immediato post operatorio che a medio e lungo termine con una riduzione notevole dei tempi operatori nella dissezione vascolare effettuata senza alcuna legatura.Conclusioni: Spesso la lunga et{\`a} dialitica, la nefropatia di base, il cateterismo femorale determinano fibrosi periavventiziale dell’asse iliaco e linfoadenomegalia consensuale. In questi casi, alla luce della iniziale esperienza, l’utilizzo del bisturi ad ultrasuoni consente un’agevole dissezione chirurgica attraverso la sintesi coagulativa non solo del comparto vascolare ma anche dei linfatici la cui beanza altrimenti, specie in tali casi, crea una condizione favorevole alla comparsa di ematomi e/o linfoceli. Tali complicanze, nonostante raramente mettano a rischio la vita del paziente, tuttavia possono pregiudicare l’outcome del trapianto in termini di morbilit{\`a} e sopravvivenza dell’organo. L’uso del bisturi ad ultrasuoni garantisce il controllo totale della coagulazione del comparto vascolare e linfatico, parallelamente ad una riduzione dei tempi di dissezione chirurgica",
keywords = "trapianto di rene, ultrasuoni",
author = "Gioviale, {Maria Concetta} and Giuseppe Buscemi and Giuseppe Damiano and Giorgio Romano and Palumbo, {Vincenzo Davide} and {Lo Monte}, {Attilio Ignazio} and Maurizio Romano and Gerlando Cocchiara",
year = "2009",
language = "Italian",
type = "Other",

}

TY - GEN

T1 - USO DEL BISTURI AD ULTRASUONI IN UN CASO DI DISSEZIONE "DIFFICILE" DEI VASI ILIACI IN CORSO DI TRAPIANTO DI RENE

AU - Gioviale, Maria Concetta

AU - Buscemi, Giuseppe

AU - Damiano, Giuseppe

AU - Romano, Giorgio

AU - Palumbo, Vincenzo Davide

AU - Lo Monte, Attilio Ignazio

AU - Romano, Maurizio

AU - Cocchiara, Gerlando

PY - 2009

Y1 - 2009

N2 - Introduzione: La preparazione “difficile” dei vasi iliaci nel ricevente causata da uno stato di fibrosi serrata periavventiziale con linfoadenomegalia satellite a volte è gravata da complicanze nel post trapianto ( linfocele, sieroma ed ematoma). Le aderenze tra l’asse vascolare iliaco e soprattutto la linfoadenomegalia sono spesso dovute al cateterismo femorale.Materiali e metodi: Il caso clinico riguarda una paziente di 60 anni, da circa 4 anni in dialisi per insufficienza renale cronica di n.d.d. con fibrosi periavventiziale dell’asse iliaco e linfoadenomegalia satellite da cateterismo femorale bilaterale. In corso di trapianto di rene la preparazione dei vasi iliaci è stata effettuata con bisturi ad ultrasuoni. Risultati: Nel caso da noi trattato non vi è stata alcuna incidenza di complicanze sia nell’immediato post operatorio che a medio e lungo termine con una riduzione notevole dei tempi operatori nella dissezione vascolare effettuata senza alcuna legatura.Conclusioni: Spesso la lunga età dialitica, la nefropatia di base, il cateterismo femorale determinano fibrosi periavventiziale dell’asse iliaco e linfoadenomegalia consensuale. In questi casi, alla luce della iniziale esperienza, l’utilizzo del bisturi ad ultrasuoni consente un’agevole dissezione chirurgica attraverso la sintesi coagulativa non solo del comparto vascolare ma anche dei linfatici la cui beanza altrimenti, specie in tali casi, crea una condizione favorevole alla comparsa di ematomi e/o linfoceli. Tali complicanze, nonostante raramente mettano a rischio la vita del paziente, tuttavia possono pregiudicare l’outcome del trapianto in termini di morbilità e sopravvivenza dell’organo. L’uso del bisturi ad ultrasuoni garantisce il controllo totale della coagulazione del comparto vascolare e linfatico, parallelamente ad una riduzione dei tempi di dissezione chirurgica

AB - Introduzione: La preparazione “difficile” dei vasi iliaci nel ricevente causata da uno stato di fibrosi serrata periavventiziale con linfoadenomegalia satellite a volte è gravata da complicanze nel post trapianto ( linfocele, sieroma ed ematoma). Le aderenze tra l’asse vascolare iliaco e soprattutto la linfoadenomegalia sono spesso dovute al cateterismo femorale.Materiali e metodi: Il caso clinico riguarda una paziente di 60 anni, da circa 4 anni in dialisi per insufficienza renale cronica di n.d.d. con fibrosi periavventiziale dell’asse iliaco e linfoadenomegalia satellite da cateterismo femorale bilaterale. In corso di trapianto di rene la preparazione dei vasi iliaci è stata effettuata con bisturi ad ultrasuoni. Risultati: Nel caso da noi trattato non vi è stata alcuna incidenza di complicanze sia nell’immediato post operatorio che a medio e lungo termine con una riduzione notevole dei tempi operatori nella dissezione vascolare effettuata senza alcuna legatura.Conclusioni: Spesso la lunga età dialitica, la nefropatia di base, il cateterismo femorale determinano fibrosi periavventiziale dell’asse iliaco e linfoadenomegalia consensuale. In questi casi, alla luce della iniziale esperienza, l’utilizzo del bisturi ad ultrasuoni consente un’agevole dissezione chirurgica attraverso la sintesi coagulativa non solo del comparto vascolare ma anche dei linfatici la cui beanza altrimenti, specie in tali casi, crea una condizione favorevole alla comparsa di ematomi e/o linfoceli. Tali complicanze, nonostante raramente mettano a rischio la vita del paziente, tuttavia possono pregiudicare l’outcome del trapianto in termini di morbilità e sopravvivenza dell’organo. L’uso del bisturi ad ultrasuoni garantisce il controllo totale della coagulazione del comparto vascolare e linfatico, parallelamente ad una riduzione dei tempi di dissezione chirurgica

KW - trapianto di rene

KW - ultrasuoni

UR - http://hdl.handle.net/10447/43214

M3 - Other contribution

ER -