Una nuova mutazione nell’esone 4 del gene del FVIII causa un quadro di emofilia moderata.

Risultato della ricerca: Other

Abstract

INTRODUZIONE. L’emofilia su scala mondiale rappresenta la più comune diatesi emorragica X linked.In Sicilia circa 140 famiglie sono soggette a tale condizione.Clinicamente l’emofilia è distinta in forma severa, moderata e lieve in base all’attività del fattore VIII(F8). La forma grave dell’emofilia A è caratterizzata dalla assenza di fattore VIII plasmatico edall’attività del fattore VIII plasmatico < 1% ed è causata per il 50 % dalla inversione dell’introne 22del gene del fattore VIII e per il 5% dalla inversione dell’introne 1. La restante parte di alterazionigenetiche riguarda numerose mutazioni puntiformi tipo missense, non-sense e frameshift. La formamoderata è dovuta più frequentemente ad una serie di mutazioni puntiformi responsabili della genesi diun fenotipo biologicamente alterato e di scarsa attività plasmatica.Il gene del F8, localizzato nel cromosoma X (Xq28) consiste in 26 esoni e codifica per un precursore di2351 aminoacidi. Per il gene del F8 sono state descritte in letteratura più di 500 mutazioni puntiformiche riguardano sia la regione codificante sia la regione promoter. Nel corso del nostro studio suipazienti emofilici abbiamo identificato una nuova mutazione in un soggetto maschio di originesiciliana affetto da emofilia moderata (attività del fattore VIII plasmatica è pari al 7%).MATERIALI E METODI. Il DNA del paziente è stato estratto con la metodica del Salting-out.L’intero gene del fattore VIII e la regione promoter sono stati amplificati compiendo 23 reazioni diPCR. I prodotti di PCR sono stati utilizzati come templati per la reazione di sequenza. I 26 esoni, laregione promoter e le regioni di giunzione introne-esone sono stati sequenziati mediante la metodica diSanger utilizzando Kit di sequenza Big-Dye Terminator Cicle Sequencing TM . L’analisi dellamutazione è stata compiuta comparando la sequenza del paziente con quella wild type ottenuta dal sitoweb http://www.ncbi.nlm.nih.gov/entrez/, (N° di accesso: NG 005114 GI: 67083285). Talecomparazione è stata realizzata mediante il programma ABI SeqScape TM.RISULTATI E DISCUSSIONE. Lo studio della mutazione ha evidenziato una nuova transizione T!Cnel codone 173 (esone 4). In posizione aminoacidica 173, tale mutazione missense crea uno cambio delcodone ATT, codificante per una Isoleucina, in ACT, codificante per una Treonina. La I173T fino adora mai descritta nel database internazionale HGMD (the Human Gene Mutation Database Cardiff)genera un fenotipo Fattore VIII aberrante che ne riduce sensibilmente l’attività catalitica.
Lingua originaleItalian
Pagine36-
Numero di pagine1
Stato di pubblicazionePublished - 2006

Cita questo