Una monografia sulle proposte dello studio ABDR

Risultato della ricerca: Review articlepeer review

Abstract

In un contesto in cui le professioni sono sempre più settoriali e gli architetti realizzano pochissime opere, il lavoro di Maria Laura Arlotti, Michele Beccu, Paolo Desideri e Filippo Raimondo è un’eccezione incoraggiante.La collezione dei loro progetti, di cui molti inediti o poco conosciuti, trasmette fiducia nella possibilità di una sintesi ancora praticabile fra struttura e forma, teoria e pratica, ricerca universitaria e professionale. Dario Costi, in un volume edito da Electa nella Collana “Documenti di architettura”, ritesse questi termini dialettici incrociando le memorie e gli scritti del gruppo con la loro consistente produzione architettonica che spazia dalla scala territoriale a quella degli allestimenti museali. L’interpretazione dei progetti svela una dimensione culturale complessa nella ricostruzione del percorso che avvicina il contesto della formazione romana negli anni Settanta a quello internazionale attuale. Così, se il saggio di Claudia Conforti in apertura tratteggia i primi anni di condivisione a partire dai banchi di Valle Giulia, lo scritto critico di Costi li collega ad oggi individuando temi permanenti e trovando corrispondenze stringenti tra esperienza di vita, elaborazione teorica, riflessione operativa e attività professionale, evidenziando il ruolo culturale, la profondità di senso e l’ampiezza di azione dei singoli e del gruppo.
Lingua originaleItalian
Numero di pagine1
RivistaAREA
Volumen.143
Stato di pubblicazionePublished - 2015

Cita questo