Una dimensione "insulare" per l'Energia

Risultato della ricerca: Article

Abstract

Il presente contributo affronta il tema dell’energia nel contesto insulare, nodale sia per le numerose implicazioni di varia natura, sia per il riconoscimento della specificità della condizione insulare in relazione alla problematica energetica. Quest’ultima rientra nel dibattito, sì tecnologico – per l’esauribilità delle fonti fossili, per le direttive dell’UE circa l’uso delle fonti rinnovabili per i cambiamenti climatici, connessi all’elevato tasso di emissioni di CO2 nell’ambiente – ma, seguendo un ragionamento logico, in merito alle strette e documentate connessioni tra ambiente urbano e consumi energetici, è parte anche del dibattito urbanistico per il supporto che la disciplina può offrire con i propri strumenti. Circa il 3,5% dei cittadini europei vive nelle Isole (dai Eurostat 2011), una percentuale che cresce, in maniera significativa, durante la stagione turistica, quando aumentano anche le pressioni sull'ecosistema, sul sistema dei trasporti, sul sistema energetico e la richiesta idrica. E' noto, inoltre, che molte isole europee soffrono di svantaggi strutturali causa di una riduzione della popolazione residente, in particolare l’esodo dei giovani in cerca di lavoro. Al fine di uscire da una inevitabile emarginazione cui potrebbero relegarle un ecosistema fragile e le deboli economie locali, le comunità insulari europee devono agire in termini di lotta ai consumi energetici e ai cambiamenti climatici. In quest’ottica deve essere traguardata l’iniziativa Patto delle Isole e il suo strumento di attuazione, il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile delle Isole. Un discorso che, naturalmente, riguarda anche l’Italia.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)20-23
Numero di pagine4
RivistaURBANISTICA INFORMAZIONI
Volume257
Stato di pubblicazionePublished - 2014

Cita questo

Una dimensione "insulare" per l'Energia. / Prestia, Gerlandina.

In: URBANISTICA INFORMAZIONI, Vol. 257, 2014, pag. 20-23.

Risultato della ricerca: Article

@article{e8071fdf514b4e3b95c3f0a08c22efdc,
title = "Una dimensione {"}insulare{"} per l'Energia",
abstract = "Il presente contributo affronta il tema dell’energia nel contesto insulare, nodale sia per le numerose implicazioni di varia natura, sia per il riconoscimento della specificit{\`a} della condizione insulare in relazione alla problematica energetica. Quest’ultima rientra nel dibattito, s{\`i} tecnologico – per l’esauribilit{\`a} delle fonti fossili, per le direttive dell’UE circa l’uso delle fonti rinnovabili per i cambiamenti climatici, connessi all’elevato tasso di emissioni di CO2 nell’ambiente – ma, seguendo un ragionamento logico, in merito alle strette e documentate connessioni tra ambiente urbano e consumi energetici, {\`e} parte anche del dibattito urbanistico per il supporto che la disciplina pu{\`o} offrire con i propri strumenti. Circa il 3,5{\%} dei cittadini europei vive nelle Isole (dai Eurostat 2011), una percentuale che cresce, in maniera significativa, durante la stagione turistica, quando aumentano anche le pressioni sull'ecosistema, sul sistema dei trasporti, sul sistema energetico e la richiesta idrica. E' noto, inoltre, che molte isole europee soffrono di svantaggi strutturali causa di una riduzione della popolazione residente, in particolare l’esodo dei giovani in cerca di lavoro. Al fine di uscire da una inevitabile emarginazione cui potrebbero relegarle un ecosistema fragile e le deboli economie locali, le comunit{\`a} insulari europee devono agire in termini di lotta ai consumi energetici e ai cambiamenti climatici. In quest’ottica deve essere traguardata l’iniziativa Patto delle Isole e il suo strumento di attuazione, il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile delle Isole. Un discorso che, naturalmente, riguarda anche l’Italia.",
author = "Gerlandina Prestia",
year = "2014",
language = "Italian",
volume = "257",
pages = "20--23",
journal = "URBANISTICA INFORMAZIONI",
issn = "0392-5005",

}

TY - JOUR

T1 - Una dimensione "insulare" per l'Energia

AU - Prestia, Gerlandina

PY - 2014

Y1 - 2014

N2 - Il presente contributo affronta il tema dell’energia nel contesto insulare, nodale sia per le numerose implicazioni di varia natura, sia per il riconoscimento della specificità della condizione insulare in relazione alla problematica energetica. Quest’ultima rientra nel dibattito, sì tecnologico – per l’esauribilità delle fonti fossili, per le direttive dell’UE circa l’uso delle fonti rinnovabili per i cambiamenti climatici, connessi all’elevato tasso di emissioni di CO2 nell’ambiente – ma, seguendo un ragionamento logico, in merito alle strette e documentate connessioni tra ambiente urbano e consumi energetici, è parte anche del dibattito urbanistico per il supporto che la disciplina può offrire con i propri strumenti. Circa il 3,5% dei cittadini europei vive nelle Isole (dai Eurostat 2011), una percentuale che cresce, in maniera significativa, durante la stagione turistica, quando aumentano anche le pressioni sull'ecosistema, sul sistema dei trasporti, sul sistema energetico e la richiesta idrica. E' noto, inoltre, che molte isole europee soffrono di svantaggi strutturali causa di una riduzione della popolazione residente, in particolare l’esodo dei giovani in cerca di lavoro. Al fine di uscire da una inevitabile emarginazione cui potrebbero relegarle un ecosistema fragile e le deboli economie locali, le comunità insulari europee devono agire in termini di lotta ai consumi energetici e ai cambiamenti climatici. In quest’ottica deve essere traguardata l’iniziativa Patto delle Isole e il suo strumento di attuazione, il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile delle Isole. Un discorso che, naturalmente, riguarda anche l’Italia.

AB - Il presente contributo affronta il tema dell’energia nel contesto insulare, nodale sia per le numerose implicazioni di varia natura, sia per il riconoscimento della specificità della condizione insulare in relazione alla problematica energetica. Quest’ultima rientra nel dibattito, sì tecnologico – per l’esauribilità delle fonti fossili, per le direttive dell’UE circa l’uso delle fonti rinnovabili per i cambiamenti climatici, connessi all’elevato tasso di emissioni di CO2 nell’ambiente – ma, seguendo un ragionamento logico, in merito alle strette e documentate connessioni tra ambiente urbano e consumi energetici, è parte anche del dibattito urbanistico per il supporto che la disciplina può offrire con i propri strumenti. Circa il 3,5% dei cittadini europei vive nelle Isole (dai Eurostat 2011), una percentuale che cresce, in maniera significativa, durante la stagione turistica, quando aumentano anche le pressioni sull'ecosistema, sul sistema dei trasporti, sul sistema energetico e la richiesta idrica. E' noto, inoltre, che molte isole europee soffrono di svantaggi strutturali causa di una riduzione della popolazione residente, in particolare l’esodo dei giovani in cerca di lavoro. Al fine di uscire da una inevitabile emarginazione cui potrebbero relegarle un ecosistema fragile e le deboli economie locali, le comunità insulari europee devono agire in termini di lotta ai consumi energetici e ai cambiamenti climatici. In quest’ottica deve essere traguardata l’iniziativa Patto delle Isole e il suo strumento di attuazione, il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile delle Isole. Un discorso che, naturalmente, riguarda anche l’Italia.

UR - http://hdl.handle.net/10447/103616

UR - http://www.urbanisticainformazioni.it/-257-.html

M3 - Article

VL - 257

SP - 20

EP - 23

JO - URBANISTICA INFORMAZIONI

JF - URBANISTICA INFORMAZIONI

SN - 0392-5005

ER -