Un parco per la ricerca e il lavoro a Bovisa

Torricelli, A; Acuto, F

Risultato della ricerca: Other contribution

Abstract

Nel progetto per il nuovo insediamento della Bovisa prende corpo il confronto tra due scale, due misure del progetto di architettura. La prima, quella dell’ “idea di città” riferita al principio ordinatore della direttrice nord-ovest; infatti, come già altrove rimarcato, Milano è da sempre città di dimensioni contenute ma di rapporti territoriali estesi, storicamente radicata a un sistema di itinerari e direttrici di lunga e breve distanza, che si riflette nella compresenza delle diverse scale, appunto, con progetti e realizzazioni che evocano i grandi spazi congeniali a questo carattere di portualità. Ma soprattutto, ben al di là delle questioni stilistiche e delle pur notevoli sperimentazioni progettuali che Milano ha proposto, si sottolinea il valore ideologico e dimostrativo di una interpretazione coerente della forma urbis, intesa come espressione originale di civiltà, il cui studio ha valore di principio nell’accezione autenticamente cattaneiana del termine. Proprio nella dimensione urbana del progetto si vuole rintracciare anche quel senso di possibilità, quella suscettibilità alle trasformazioni future che nella sola prospettiva locale possono sembrare inattendibili. La seconda misura si ritrova nelle relazioni minute della prossimità, o del “quartiere” nella terminologia del Movimento moderno, fortemente radicata nella municipalità suburbana prima, nel rione, poi nella zona del decentramento amministrativo, che per Bovisa continuano a giocare un ruolo di principale importanza.
Lingua originaleItalian
Numero di pagine7
Stato di pubblicazionePublished - 2016

Cita questo

Torricelli, A; Acuto, F (2016). Un parco per la ricerca e il lavoro a Bovisa.

Un parco per la ricerca e il lavoro a Bovisa. / Torricelli, A; Acuto, F.

7 pag. 2016, .

Risultato della ricerca: Other contribution

Torricelli, A; Acuto, F 2016, Un parco per la ricerca e il lavoro a Bovisa..
Torricelli, A; Acuto, F. Un parco per la ricerca e il lavoro a Bovisa. 2016. 7 pag.
Torricelli, A; Acuto, F. / Un parco per la ricerca e il lavoro a Bovisa. 2016. 7 pag.
@misc{c6f9ce99c6ac458fb1be0bb4004fe025,
title = "Un parco per la ricerca e il lavoro a Bovisa",
abstract = "Nel progetto per il nuovo insediamento della Bovisa prende corpo il confronto tra due scale, due misure del progetto di architettura. La prima, quella dell’ “idea di citt{\`a}” riferita al principio ordinatore della direttrice nord-ovest; infatti, come gi{\`a} altrove rimarcato, Milano {\`e} da sempre citt{\`a} di dimensioni contenute ma di rapporti territoriali estesi, storicamente radicata a un sistema di itinerari e direttrici di lunga e breve distanza, che si riflette nella compresenza delle diverse scale, appunto, con progetti e realizzazioni che evocano i grandi spazi congeniali a questo carattere di portualit{\`a}. Ma soprattutto, ben al di l{\`a} delle questioni stilistiche e delle pur notevoli sperimentazioni progettuali che Milano ha proposto, si sottolinea il valore ideologico e dimostrativo di una interpretazione coerente della forma urbis, intesa come espressione originale di civilt{\`a}, il cui studio ha valore di principio nell’accezione autenticamente cattaneiana del termine. Proprio nella dimensione urbana del progetto si vuole rintracciare anche quel senso di possibilit{\`a}, quella suscettibilit{\`a} alle trasformazioni future che nella sola prospettiva locale possono sembrare inattendibili. La seconda misura si ritrova nelle relazioni minute della prossimit{\`a}, o del “quartiere” nella terminologia del Movimento moderno, fortemente radicata nella municipalit{\`a} suburbana prima, nel rione, poi nella zona del decentramento amministrativo, che per Bovisa continuano a giocare un ruolo di principale importanza.",
author = "{Torricelli, A; Acuto, F} and Marcella Aprile and Marco Beccali",
year = "2016",
language = "Italian",
type = "Other",

}

TY - GEN

T1 - Un parco per la ricerca e il lavoro a Bovisa

AU - Torricelli, A; Acuto, F

AU - Aprile, Marcella

AU - Beccali, Marco

PY - 2016

Y1 - 2016

N2 - Nel progetto per il nuovo insediamento della Bovisa prende corpo il confronto tra due scale, due misure del progetto di architettura. La prima, quella dell’ “idea di città” riferita al principio ordinatore della direttrice nord-ovest; infatti, come già altrove rimarcato, Milano è da sempre città di dimensioni contenute ma di rapporti territoriali estesi, storicamente radicata a un sistema di itinerari e direttrici di lunga e breve distanza, che si riflette nella compresenza delle diverse scale, appunto, con progetti e realizzazioni che evocano i grandi spazi congeniali a questo carattere di portualità. Ma soprattutto, ben al di là delle questioni stilistiche e delle pur notevoli sperimentazioni progettuali che Milano ha proposto, si sottolinea il valore ideologico e dimostrativo di una interpretazione coerente della forma urbis, intesa come espressione originale di civiltà, il cui studio ha valore di principio nell’accezione autenticamente cattaneiana del termine. Proprio nella dimensione urbana del progetto si vuole rintracciare anche quel senso di possibilità, quella suscettibilità alle trasformazioni future che nella sola prospettiva locale possono sembrare inattendibili. La seconda misura si ritrova nelle relazioni minute della prossimità, o del “quartiere” nella terminologia del Movimento moderno, fortemente radicata nella municipalità suburbana prima, nel rione, poi nella zona del decentramento amministrativo, che per Bovisa continuano a giocare un ruolo di principale importanza.

AB - Nel progetto per il nuovo insediamento della Bovisa prende corpo il confronto tra due scale, due misure del progetto di architettura. La prima, quella dell’ “idea di città” riferita al principio ordinatore della direttrice nord-ovest; infatti, come già altrove rimarcato, Milano è da sempre città di dimensioni contenute ma di rapporti territoriali estesi, storicamente radicata a un sistema di itinerari e direttrici di lunga e breve distanza, che si riflette nella compresenza delle diverse scale, appunto, con progetti e realizzazioni che evocano i grandi spazi congeniali a questo carattere di portualità. Ma soprattutto, ben al di là delle questioni stilistiche e delle pur notevoli sperimentazioni progettuali che Milano ha proposto, si sottolinea il valore ideologico e dimostrativo di una interpretazione coerente della forma urbis, intesa come espressione originale di civiltà, il cui studio ha valore di principio nell’accezione autenticamente cattaneiana del termine. Proprio nella dimensione urbana del progetto si vuole rintracciare anche quel senso di possibilità, quella suscettibilità alle trasformazioni future che nella sola prospettiva locale possono sembrare inattendibili. La seconda misura si ritrova nelle relazioni minute della prossimità, o del “quartiere” nella terminologia del Movimento moderno, fortemente radicata nella municipalità suburbana prima, nel rione, poi nella zona del decentramento amministrativo, che per Bovisa continuano a giocare un ruolo di principale importanza.

UR - http://hdl.handle.net/10447/177135

M3 - Other contribution

ER -