Un monastero palermitano per le monache senza dote: S. Maria delle Grazie in S. Vito e il seicentesco ostensorio in corallo

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Il contributo illustra la fondazione del monastero di S. Vito di Palermo, segnata dalla peculiare vocazione ad accogliere monache senza dote. In realtà in poco tempo anche questa sede monacale divenne molto ricca e frequentata da illustri esponenti delle principali famiglie aristocratiche del viceregno. Le consanguineità tra le consorelle dei diversi monasteri e i loro congiunti, l’emulazione e la competizione tra le case religiose, specchio delle rivalità familiari, hanno condotto a proporre in questa sede l’ipotesi di studio che la committenza dell’ostensorio di corallo di cui si tratta possa ricondursi al suor Elisabetta Maria della Passione, figlia del principe di Trabia e vedova del marchese di Gibellina con una datazione e manifattura assimilabile a quelle dell’ostensorio di corallo proveniente dal monastero dell’Assunta e oggi al Museo Diocesano di Palermo.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteSacra et Pretiosa. Oreficeria dai monasteri di Palermo Capitale
Pagine129-132
Numero di pagine4
Stato di pubblicazionePublished - 2019

Cita questo

Palazzotto, P. (2019). Un monastero palermitano per le monache senza dote: S. Maria delle Grazie in S. Vito e il seicentesco ostensorio in corallo. In Sacra et Pretiosa. Oreficeria dai monasteri di Palermo Capitale (pagg. 129-132)

Un monastero palermitano per le monache senza dote: S. Maria delle Grazie in S. Vito e il seicentesco ostensorio in corallo. / Palazzotto, Pierfrancesco.

Sacra et Pretiosa. Oreficeria dai monasteri di Palermo Capitale. 2019. pag. 129-132.

Risultato della ricerca: Chapter

Palazzotto, P 2019, Un monastero palermitano per le monache senza dote: S. Maria delle Grazie in S. Vito e il seicentesco ostensorio in corallo. in Sacra et Pretiosa. Oreficeria dai monasteri di Palermo Capitale. pagg. 129-132.
Palazzotto P. Un monastero palermitano per le monache senza dote: S. Maria delle Grazie in S. Vito e il seicentesco ostensorio in corallo. In Sacra et Pretiosa. Oreficeria dai monasteri di Palermo Capitale. 2019. pag. 129-132
@inbook{7f4d939ce8cb4aa8a8ddca6127911c44,
title = "Un monastero palermitano per le monache senza dote: S. Maria delle Grazie in S. Vito e il seicentesco ostensorio in corallo",
abstract = "Il contributo illustra la fondazione del monastero di S. Vito di Palermo, segnata dalla peculiare vocazione ad accogliere monache senza dote. In realt{\`a} in poco tempo anche questa sede monacale divenne molto ricca e frequentata da illustri esponenti delle principali famiglie aristocratiche del viceregno. Le consanguineit{\`a} tra le consorelle dei diversi monasteri e i loro congiunti, l’emulazione e la competizione tra le case religiose, specchio delle rivalit{\`a} familiari, hanno condotto a proporre in questa sede l’ipotesi di studio che la committenza dell’ostensorio di corallo di cui si tratta possa ricondursi al suor Elisabetta Maria della Passione, figlia del principe di Trabia e vedova del marchese di Gibellina con una datazione e manifattura assimilabile a quelle dell’ostensorio di corallo proveniente dal monastero dell’Assunta e oggi al Museo Diocesano di Palermo.",
author = "Pierfrancesco Palazzotto",
year = "2019",
language = "Italian",
isbn = "978-88-5509-030-8",
pages = "129--132",
booktitle = "Sacra et Pretiosa. Oreficeria dai monasteri di Palermo Capitale",

}

TY - CHAP

T1 - Un monastero palermitano per le monache senza dote: S. Maria delle Grazie in S. Vito e il seicentesco ostensorio in corallo

AU - Palazzotto, Pierfrancesco

PY - 2019

Y1 - 2019

N2 - Il contributo illustra la fondazione del monastero di S. Vito di Palermo, segnata dalla peculiare vocazione ad accogliere monache senza dote. In realtà in poco tempo anche questa sede monacale divenne molto ricca e frequentata da illustri esponenti delle principali famiglie aristocratiche del viceregno. Le consanguineità tra le consorelle dei diversi monasteri e i loro congiunti, l’emulazione e la competizione tra le case religiose, specchio delle rivalità familiari, hanno condotto a proporre in questa sede l’ipotesi di studio che la committenza dell’ostensorio di corallo di cui si tratta possa ricondursi al suor Elisabetta Maria della Passione, figlia del principe di Trabia e vedova del marchese di Gibellina con una datazione e manifattura assimilabile a quelle dell’ostensorio di corallo proveniente dal monastero dell’Assunta e oggi al Museo Diocesano di Palermo.

AB - Il contributo illustra la fondazione del monastero di S. Vito di Palermo, segnata dalla peculiare vocazione ad accogliere monache senza dote. In realtà in poco tempo anche questa sede monacale divenne molto ricca e frequentata da illustri esponenti delle principali famiglie aristocratiche del viceregno. Le consanguineità tra le consorelle dei diversi monasteri e i loro congiunti, l’emulazione e la competizione tra le case religiose, specchio delle rivalità familiari, hanno condotto a proporre in questa sede l’ipotesi di studio che la committenza dell’ostensorio di corallo di cui si tratta possa ricondursi al suor Elisabetta Maria della Passione, figlia del principe di Trabia e vedova del marchese di Gibellina con una datazione e manifattura assimilabile a quelle dell’ostensorio di corallo proveniente dal monastero dell’Assunta e oggi al Museo Diocesano di Palermo.

UR - http://hdl.handle.net/10447/389745

M3 - Chapter

SN - 978-88-5509-030-8

SP - 129

EP - 132

BT - Sacra et Pretiosa. Oreficeria dai monasteri di Palermo Capitale

ER -