Un esperimento di politica urbana

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

C’è un luogo dove è ancora possibile costruire una società migliore di quella attuale, dove vivere in armonia con la natura, dove costruire una città più bella di quella che abitiamo. Molti hanno immaginato questo luogo, lo hanno descritto e qualcuno lo ha persino disegnato nei particolari. Aristotele, Tommaso Moro, Fourier, solo per citare i casi più famosi. Quel luogo si chiama Utopia.Secondo Lewis Mumford esistono due tipi di utopie, l’utopia della fuga e l’utopia della ricostruzione. «La prima lascia il mondo così com’è; la seconda tenta di cambiarlo per mettersi in relazione con esso alle condizioni desiderate». L’utopia della fuga va fondata altrove, e in questo i due significati at- tribuiti alla parola coincidono, il buon posto (eutopia) è in nessun posto (outopia).L’utopia della ricostruzione ammette una realizzabilità a patto che questa venga sempre spostata in avanti «meta a cui tendere costantemente». «Insomma l’utopia come città che non potrà essere fon- data da noi ma fondare se stessa dentro di noi, costruirsi pezzo per pezzo nella nostra capacità di immaginarla, di pensarla fino in fondo, città che pretende di abitare noi, non d’essere abitata, e così fare di noi i possibili abitanti di una terza città, diversa dall’utopia e diversa da tutte le città bene o male abitabili oggi, nata dall’urto tra nuovi condizionamenti interiori ed esteriori».
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospitePASQUALE CULOTTA L’ARTE DI COSTRUIRE LA CITTÀ
Pagine98-104
Numero di pagine7
Stato di pubblicazionePublished - 2018

Cita questo

Guerrera, G. (2018). Un esperimento di politica urbana. In PASQUALE CULOTTA L’ARTE DI COSTRUIRE LA CITTÀ (pagg. 98-104)

Un esperimento di politica urbana. / Guerrera, Giuseppe.

PASQUALE CULOTTA L’ARTE DI COSTRUIRE LA CITTÀ. 2018. pag. 98-104.

Risultato della ricerca: Chapter

Guerrera, G 2018, Un esperimento di politica urbana. in PASQUALE CULOTTA L’ARTE DI COSTRUIRE LA CITTÀ. pagg. 98-104.
Guerrera G. Un esperimento di politica urbana. In PASQUALE CULOTTA L’ARTE DI COSTRUIRE LA CITTÀ. 2018. pag. 98-104
Guerrera, Giuseppe. / Un esperimento di politica urbana. PASQUALE CULOTTA L’ARTE DI COSTRUIRE LA CITTÀ. 2018. pagg. 98-104
@inbook{4a6d2c5362dd4505bb1a1fcf40ca8169,
title = "Un esperimento di politica urbana",
abstract = "C’{\`e} un luogo dove {\`e} ancora possibile costruire una societ{\`a} migliore di quella attuale, dove vivere in armonia con la natura, dove costruire una citt{\`a} pi{\`u} bella di quella che abitiamo. Molti hanno immaginato questo luogo, lo hanno descritto e qualcuno lo ha persino disegnato nei particolari. Aristotele, Tommaso Moro, Fourier, solo per citare i casi pi{\`u} famosi. Quel luogo si chiama Utopia.Secondo Lewis Mumford esistono due tipi di utopie, l’utopia della fuga e l’utopia della ricostruzione. «La prima lascia il mondo cos{\`i} com’{\`e}; la seconda tenta di cambiarlo per mettersi in relazione con esso alle condizioni desiderate». L’utopia della fuga va fondata altrove, e in questo i due significati at- tribuiti alla parola coincidono, il buon posto (eutopia) {\`e} in nessun posto (outopia).L’utopia della ricostruzione ammette una realizzabilit{\`a} a patto che questa venga sempre spostata in avanti «meta a cui tendere costantemente». «Insomma l’utopia come citt{\`a} che non potr{\`a} essere fon- data da noi ma fondare se stessa dentro di noi, costruirsi pezzo per pezzo nella nostra capacit{\`a} di immaginarla, di pensarla fino in fondo, citt{\`a} che pretende di abitare noi, non d’essere abitata, e cos{\`i} fare di noi i possibili abitanti di una terza citt{\`a}, diversa dall’utopia e diversa da tutte le citt{\`a} bene o male abitabili oggi, nata dall’urto tra nuovi condizionamenti interiori ed esteriori».",
author = "Giuseppe Guerrera",
year = "2018",
language = "Italian",
isbn = "978-88-904849-2-6",
pages = "98--104",
booktitle = "PASQUALE CULOTTA L’ARTE DI COSTRUIRE LA CITT{\`A}",

}

TY - CHAP

T1 - Un esperimento di politica urbana

AU - Guerrera, Giuseppe

PY - 2018

Y1 - 2018

N2 - C’è un luogo dove è ancora possibile costruire una società migliore di quella attuale, dove vivere in armonia con la natura, dove costruire una città più bella di quella che abitiamo. Molti hanno immaginato questo luogo, lo hanno descritto e qualcuno lo ha persino disegnato nei particolari. Aristotele, Tommaso Moro, Fourier, solo per citare i casi più famosi. Quel luogo si chiama Utopia.Secondo Lewis Mumford esistono due tipi di utopie, l’utopia della fuga e l’utopia della ricostruzione. «La prima lascia il mondo così com’è; la seconda tenta di cambiarlo per mettersi in relazione con esso alle condizioni desiderate». L’utopia della fuga va fondata altrove, e in questo i due significati at- tribuiti alla parola coincidono, il buon posto (eutopia) è in nessun posto (outopia).L’utopia della ricostruzione ammette una realizzabilità a patto che questa venga sempre spostata in avanti «meta a cui tendere costantemente». «Insomma l’utopia come città che non potrà essere fon- data da noi ma fondare se stessa dentro di noi, costruirsi pezzo per pezzo nella nostra capacità di immaginarla, di pensarla fino in fondo, città che pretende di abitare noi, non d’essere abitata, e così fare di noi i possibili abitanti di una terza città, diversa dall’utopia e diversa da tutte le città bene o male abitabili oggi, nata dall’urto tra nuovi condizionamenti interiori ed esteriori».

AB - C’è un luogo dove è ancora possibile costruire una società migliore di quella attuale, dove vivere in armonia con la natura, dove costruire una città più bella di quella che abitiamo. Molti hanno immaginato questo luogo, lo hanno descritto e qualcuno lo ha persino disegnato nei particolari. Aristotele, Tommaso Moro, Fourier, solo per citare i casi più famosi. Quel luogo si chiama Utopia.Secondo Lewis Mumford esistono due tipi di utopie, l’utopia della fuga e l’utopia della ricostruzione. «La prima lascia il mondo così com’è; la seconda tenta di cambiarlo per mettersi in relazione con esso alle condizioni desiderate». L’utopia della fuga va fondata altrove, e in questo i due significati at- tribuiti alla parola coincidono, il buon posto (eutopia) è in nessun posto (outopia).L’utopia della ricostruzione ammette una realizzabilità a patto che questa venga sempre spostata in avanti «meta a cui tendere costantemente». «Insomma l’utopia come città che non potrà essere fon- data da noi ma fondare se stessa dentro di noi, costruirsi pezzo per pezzo nella nostra capacità di immaginarla, di pensarla fino in fondo, città che pretende di abitare noi, non d’essere abitata, e così fare di noi i possibili abitanti di una terza città, diversa dall’utopia e diversa da tutte le città bene o male abitabili oggi, nata dall’urto tra nuovi condizionamenti interiori ed esteriori».

UR - http://hdl.handle.net/10447/292550

M3 - Chapter

SN - 978-88-904849-2-6

SP - 98

EP - 104

BT - PASQUALE CULOTTA L’ARTE DI COSTRUIRE LA CITTÀ

ER -