Traslazioni dalla teoria al progetto

Risultato della ricerca: Book

Abstract

Questo saggio illustra la complessità del rapporto che esiste tra teoria dell’architettura, progetto e architettura realizzata. L’argomento, data la sua vastità, viene affrontato solo parzialmente, tracciandone alcuni aspetti generali e soffermandosi su alcuni casi particolari. Il libro risulta dalla elaborazione di scritti prodotti in varie occasioni abbastanza diverse tra di loro: lezioni, seminari, riunioni. Sebbene gli scritti appartengano a tempi talora distanti tra loro, essi sono attraversati da medesimi filoni di pensiero. Uno di essi è la questione, a nostro avviso, fondamentale, dello svuotamento di contenuto metaforico e simbolico cui l’architettura è soggetta. Rispetto a questa tematica culturale, che certo non riguarda solo l’architettura ma è generale, le riflessioni elaborate da Edmund Husserl e Martin Heidegger rimangono centrali e sempre più valide rispetto a una cultura che accresce incessantemente il suo atteggiamento tecnocratico. Numerose questioni in cui si dibatte la progettazione architettonica contemporanea non possono essere correttamente affrontate se non alla luce delle meditazioni di questi pensatori. Ci riferiamo all’avvento delle tecnologie informatiche, alla pragmatizzazione del progetto di architettura, ai sempre più frequenti tentativi – vedi valutazione di impatto ambientale, certificazioni di qualità, analisi costi-benefici –- di inscrivere il progetto in una dimensione quantitativa e misurabile e, illusoriamente, razionalizzabile. Per questi fini risulta fondamentale enucleare alcune tappe particolarmente significative nell’evoluzione del pensiero architettonico. In relazione a ciò un secondo filone di pensiero permea lo sviluppo di questo testo: è quello che riconosce queste tappe sintomatiche nei contributi di Leon Battista Alberti, Claude Perrault e Jean Nicolas Luis Durand. Rimane nostra convinzione che solo un appropriato riconoscimento delle loro posizioni può proficuamente introdurre il dibattito sul progetto di architettura contemporaneo. Il primo capitolo affronta un argomento relativamente circoscritto: il rapporto che esiste tra princìpi costitutivi e progetto, tracciando, per sommi capi, il percorso che conduce dai princìpi fino alla costruzione. Nel secondo capitolo lo stesso tema viene riproposto ma, questa volta, non nella sua essenzialità; di esso, piuttosto, si indagano le complicazioni, contaminazioni e specificità. Quanto era stato linearmente descritto nel primo capitolo viene, nel secondo, problematizzato. Il terzo capitolo affronta un tema più specifico e sposta l’attenzione anche sul modo rappresentativo dell’architettura. In questo capitolo è descritta una questione centrale e sintomatica dei riflessi teorici sulla rappresentazione architettonica, quella della «linearità». Il quarto capitolo è quello che, più di tutti, affronta le traslazioni di pensiero dalla cultura generale alla progettazione architettonica, più che quelle più specifiche dalla teoria al progetto: ciò viene visto attraverso il caso della progettazione ospedaliera. Un caso locale molto specifico di traslazioni tra pensiero ed edificio, tra teoria e costruzione, quello palermitano, è l’argomento dell’ultimo capitolo.
Lingua originaleItalian
EditoreUnknown Publisher
Volume4
ISBN (stampa)887704-5558
Stato di pubblicazionePublished - 2005

Cita questo

Traslazioni dalla teoria al progetto. / Sbacchi, Michele.

Unknown Publisher, 2005.

Risultato della ricerca: Book

Sbacchi, M 2005, Traslazioni dalla teoria al progetto. vol. 4, Unknown Publisher.
@book{9ee1559264514faa9fe6f807767973a7,
title = "Traslazioni dalla teoria al progetto",
abstract = "Questo saggio illustra la complessit{\`a} del rapporto che esiste tra teoria dell’architettura, progetto e architettura realizzata. L’argomento, data la sua vastit{\`a}, viene affrontato solo parzialmente, tracciandone alcuni aspetti generali e soffermandosi su alcuni casi particolari. Il libro risulta dalla elaborazione di scritti prodotti in varie occasioni abbastanza diverse tra di loro: lezioni, seminari, riunioni. Sebbene gli scritti appartengano a tempi talora distanti tra loro, essi sono attraversati da medesimi filoni di pensiero. Uno di essi {\`e} la questione, a nostro avviso, fondamentale, dello svuotamento di contenuto metaforico e simbolico cui l’architettura {\`e} soggetta. Rispetto a questa tematica culturale, che certo non riguarda solo l’architettura ma {\`e} generale, le riflessioni elaborate da Edmund Husserl e Martin Heidegger rimangono centrali e sempre pi{\`u} valide rispetto a una cultura che accresce incessantemente il suo atteggiamento tecnocratico. Numerose questioni in cui si dibatte la progettazione architettonica contemporanea non possono essere correttamente affrontate se non alla luce delle meditazioni di questi pensatori. Ci riferiamo all’avvento delle tecnologie informatiche, alla pragmatizzazione del progetto di architettura, ai sempre pi{\`u} frequenti tentativi – vedi valutazione di impatto ambientale, certificazioni di qualit{\`a}, analisi costi-benefici –- di inscrivere il progetto in una dimensione quantitativa e misurabile e, illusoriamente, razionalizzabile. Per questi fini risulta fondamentale enucleare alcune tappe particolarmente significative nell’evoluzione del pensiero architettonico. In relazione a ci{\`o} un secondo filone di pensiero permea lo sviluppo di questo testo: {\`e} quello che riconosce queste tappe sintomatiche nei contributi di Leon Battista Alberti, Claude Perrault e Jean Nicolas Luis Durand. Rimane nostra convinzione che solo un appropriato riconoscimento delle loro posizioni pu{\`o} proficuamente introdurre il dibattito sul progetto di architettura contemporaneo. Il primo capitolo affronta un argomento relativamente circoscritto: il rapporto che esiste tra princ{\`i}pi costitutivi e progetto, tracciando, per sommi capi, il percorso che conduce dai princ{\`i}pi fino alla costruzione. Nel secondo capitolo lo stesso tema viene riproposto ma, questa volta, non nella sua essenzialit{\`a}; di esso, piuttosto, si indagano le complicazioni, contaminazioni e specificit{\`a}. Quanto era stato linearmente descritto nel primo capitolo viene, nel secondo, problematizzato. Il terzo capitolo affronta un tema pi{\`u} specifico e sposta l’attenzione anche sul modo rappresentativo dell’architettura. In questo capitolo {\`e} descritta una questione centrale e sintomatica dei riflessi teorici sulla rappresentazione architettonica, quella della «linearit{\`a}». Il quarto capitolo {\`e} quello che, pi{\`u} di tutti, affronta le traslazioni di pensiero dalla cultura generale alla progettazione architettonica, pi{\`u} che quelle pi{\`u} specifiche dalla teoria al progetto: ci{\`o} viene visto attraverso il caso della progettazione ospedaliera. Un caso locale molto specifico di traslazioni tra pensiero ed edificio, tra teoria e costruzione, quello palermitano, {\`e} l’argomento dell’ultimo capitolo.",
author = "Michele Sbacchi",
year = "2005",
language = "Italian",
isbn = "887704-5558",
volume = "4",
publisher = "Unknown Publisher",

}

TY - BOOK

T1 - Traslazioni dalla teoria al progetto

AU - Sbacchi, Michele

PY - 2005

Y1 - 2005

N2 - Questo saggio illustra la complessità del rapporto che esiste tra teoria dell’architettura, progetto e architettura realizzata. L’argomento, data la sua vastità, viene affrontato solo parzialmente, tracciandone alcuni aspetti generali e soffermandosi su alcuni casi particolari. Il libro risulta dalla elaborazione di scritti prodotti in varie occasioni abbastanza diverse tra di loro: lezioni, seminari, riunioni. Sebbene gli scritti appartengano a tempi talora distanti tra loro, essi sono attraversati da medesimi filoni di pensiero. Uno di essi è la questione, a nostro avviso, fondamentale, dello svuotamento di contenuto metaforico e simbolico cui l’architettura è soggetta. Rispetto a questa tematica culturale, che certo non riguarda solo l’architettura ma è generale, le riflessioni elaborate da Edmund Husserl e Martin Heidegger rimangono centrali e sempre più valide rispetto a una cultura che accresce incessantemente il suo atteggiamento tecnocratico. Numerose questioni in cui si dibatte la progettazione architettonica contemporanea non possono essere correttamente affrontate se non alla luce delle meditazioni di questi pensatori. Ci riferiamo all’avvento delle tecnologie informatiche, alla pragmatizzazione del progetto di architettura, ai sempre più frequenti tentativi – vedi valutazione di impatto ambientale, certificazioni di qualità, analisi costi-benefici –- di inscrivere il progetto in una dimensione quantitativa e misurabile e, illusoriamente, razionalizzabile. Per questi fini risulta fondamentale enucleare alcune tappe particolarmente significative nell’evoluzione del pensiero architettonico. In relazione a ciò un secondo filone di pensiero permea lo sviluppo di questo testo: è quello che riconosce queste tappe sintomatiche nei contributi di Leon Battista Alberti, Claude Perrault e Jean Nicolas Luis Durand. Rimane nostra convinzione che solo un appropriato riconoscimento delle loro posizioni può proficuamente introdurre il dibattito sul progetto di architettura contemporaneo. Il primo capitolo affronta un argomento relativamente circoscritto: il rapporto che esiste tra princìpi costitutivi e progetto, tracciando, per sommi capi, il percorso che conduce dai princìpi fino alla costruzione. Nel secondo capitolo lo stesso tema viene riproposto ma, questa volta, non nella sua essenzialità; di esso, piuttosto, si indagano le complicazioni, contaminazioni e specificità. Quanto era stato linearmente descritto nel primo capitolo viene, nel secondo, problematizzato. Il terzo capitolo affronta un tema più specifico e sposta l’attenzione anche sul modo rappresentativo dell’architettura. In questo capitolo è descritta una questione centrale e sintomatica dei riflessi teorici sulla rappresentazione architettonica, quella della «linearità». Il quarto capitolo è quello che, più di tutti, affronta le traslazioni di pensiero dalla cultura generale alla progettazione architettonica, più che quelle più specifiche dalla teoria al progetto: ciò viene visto attraverso il caso della progettazione ospedaliera. Un caso locale molto specifico di traslazioni tra pensiero ed edificio, tra teoria e costruzione, quello palermitano, è l’argomento dell’ultimo capitolo.

AB - Questo saggio illustra la complessità del rapporto che esiste tra teoria dell’architettura, progetto e architettura realizzata. L’argomento, data la sua vastità, viene affrontato solo parzialmente, tracciandone alcuni aspetti generali e soffermandosi su alcuni casi particolari. Il libro risulta dalla elaborazione di scritti prodotti in varie occasioni abbastanza diverse tra di loro: lezioni, seminari, riunioni. Sebbene gli scritti appartengano a tempi talora distanti tra loro, essi sono attraversati da medesimi filoni di pensiero. Uno di essi è la questione, a nostro avviso, fondamentale, dello svuotamento di contenuto metaforico e simbolico cui l’architettura è soggetta. Rispetto a questa tematica culturale, che certo non riguarda solo l’architettura ma è generale, le riflessioni elaborate da Edmund Husserl e Martin Heidegger rimangono centrali e sempre più valide rispetto a una cultura che accresce incessantemente il suo atteggiamento tecnocratico. Numerose questioni in cui si dibatte la progettazione architettonica contemporanea non possono essere correttamente affrontate se non alla luce delle meditazioni di questi pensatori. Ci riferiamo all’avvento delle tecnologie informatiche, alla pragmatizzazione del progetto di architettura, ai sempre più frequenti tentativi – vedi valutazione di impatto ambientale, certificazioni di qualità, analisi costi-benefici –- di inscrivere il progetto in una dimensione quantitativa e misurabile e, illusoriamente, razionalizzabile. Per questi fini risulta fondamentale enucleare alcune tappe particolarmente significative nell’evoluzione del pensiero architettonico. In relazione a ciò un secondo filone di pensiero permea lo sviluppo di questo testo: è quello che riconosce queste tappe sintomatiche nei contributi di Leon Battista Alberti, Claude Perrault e Jean Nicolas Luis Durand. Rimane nostra convinzione che solo un appropriato riconoscimento delle loro posizioni può proficuamente introdurre il dibattito sul progetto di architettura contemporaneo. Il primo capitolo affronta un argomento relativamente circoscritto: il rapporto che esiste tra princìpi costitutivi e progetto, tracciando, per sommi capi, il percorso che conduce dai princìpi fino alla costruzione. Nel secondo capitolo lo stesso tema viene riproposto ma, questa volta, non nella sua essenzialità; di esso, piuttosto, si indagano le complicazioni, contaminazioni e specificità. Quanto era stato linearmente descritto nel primo capitolo viene, nel secondo, problematizzato. Il terzo capitolo affronta un tema più specifico e sposta l’attenzione anche sul modo rappresentativo dell’architettura. In questo capitolo è descritta una questione centrale e sintomatica dei riflessi teorici sulla rappresentazione architettonica, quella della «linearità». Il quarto capitolo è quello che, più di tutti, affronta le traslazioni di pensiero dalla cultura generale alla progettazione architettonica, più che quelle più specifiche dalla teoria al progetto: ciò viene visto attraverso il caso della progettazione ospedaliera. Un caso locale molto specifico di traslazioni tra pensiero ed edificio, tra teoria e costruzione, quello palermitano, è l’argomento dell’ultimo capitolo.

UR - http://hdl.handle.net/10447/30802

M3 - Book

SN - 887704-5558

VL - 4

BT - Traslazioni dalla teoria al progetto

PB - Unknown Publisher

ER -