Tipi da spiaggia: la costruzione del paesaggio balneare e dell’immagine turistica della sicilia

Risultato della ricerca: Other

Abstract

La nascita del concetto stesso di paesaggio e del suo godimento è legata all’esistenza di uno sguardo esterno, che inquadra un campo e, come dice Alain Roger, vede improvvisamente un paesaggio dove gli altri vedevano solo il paese. In questo senso nella storia e nelle trasformazioni del paesaggio il turismo occupa un posto rilevante e molto caratterizzato. Attraverso alcuni casi significativi, si vogliono ripercorrere le modalità di insediamento e i caratteri delle architetture turistiche legate alla costa e alla balneazione nel Sud Italia, e in particolare in Sicilia: dalle trasformazioni leggere, dove l’architettura quasi scompare, a quelle eterotopiche fatte di piccole enclave, isole di paesaggio nel paesaggio. Le contraddizioni insite in questi fenomeni esplodono col tempo nell’invasione delle seconde case e delle strutture ricettive, che occupano le coste con architettura speculativa di modesta qualità, rendendo turismo e paesaggio i termini di un binomio paradossale, che si rincorrono e rischiano spesso di ostacolarsi a vicenda.
Lingua originaleItalian
Pagine336-341
Numero di pagine6
Stato di pubblicazionePublished - 2012

Cita questo

@conference{07c6025a17204ac0b9f1891d3f3927a1,
title = "Tipi da spiaggia: la costruzione del paesaggio balneare e dell’immagine turistica della sicilia",
abstract = "La nascita del concetto stesso di paesaggio e del suo godimento {\`e} legata all’esistenza di uno sguardo esterno, che inquadra un campo e, come dice Alain Roger, vede improvvisamente un paesaggio dove gli altri vedevano solo il paese. In questo senso nella storia e nelle trasformazioni del paesaggio il turismo occupa un posto rilevante e molto caratterizzato. Attraverso alcuni casi significativi, si vogliono ripercorrere le modalit{\`a} di insediamento e i caratteri delle architetture turistiche legate alla costa e alla balneazione nel Sud Italia, e in particolare in Sicilia: dalle trasformazioni leggere, dove l’architettura quasi scompare, a quelle eterotopiche fatte di piccole enclave, isole di paesaggio nel paesaggio. Le contraddizioni insite in questi fenomeni esplodono col tempo nell’invasione delle seconde case e delle strutture ricettive, che occupano le coste con architettura speculativa di modesta qualit{\`a}, rendendo turismo e paesaggio i termini di un binomio paradossale, che si rincorrono e rischiano spesso di ostacolarsi a vicenda.",
author = "Isabella Fera",
year = "2012",
language = "Italian",
pages = "336--341",

}

TY - CONF

T1 - Tipi da spiaggia: la costruzione del paesaggio balneare e dell’immagine turistica della sicilia

AU - Fera, Isabella

PY - 2012

Y1 - 2012

N2 - La nascita del concetto stesso di paesaggio e del suo godimento è legata all’esistenza di uno sguardo esterno, che inquadra un campo e, come dice Alain Roger, vede improvvisamente un paesaggio dove gli altri vedevano solo il paese. In questo senso nella storia e nelle trasformazioni del paesaggio il turismo occupa un posto rilevante e molto caratterizzato. Attraverso alcuni casi significativi, si vogliono ripercorrere le modalità di insediamento e i caratteri delle architetture turistiche legate alla costa e alla balneazione nel Sud Italia, e in particolare in Sicilia: dalle trasformazioni leggere, dove l’architettura quasi scompare, a quelle eterotopiche fatte di piccole enclave, isole di paesaggio nel paesaggio. Le contraddizioni insite in questi fenomeni esplodono col tempo nell’invasione delle seconde case e delle strutture ricettive, che occupano le coste con architettura speculativa di modesta qualità, rendendo turismo e paesaggio i termini di un binomio paradossale, che si rincorrono e rischiano spesso di ostacolarsi a vicenda.

AB - La nascita del concetto stesso di paesaggio e del suo godimento è legata all’esistenza di uno sguardo esterno, che inquadra un campo e, come dice Alain Roger, vede improvvisamente un paesaggio dove gli altri vedevano solo il paese. In questo senso nella storia e nelle trasformazioni del paesaggio il turismo occupa un posto rilevante e molto caratterizzato. Attraverso alcuni casi significativi, si vogliono ripercorrere le modalità di insediamento e i caratteri delle architetture turistiche legate alla costa e alla balneazione nel Sud Italia, e in particolare in Sicilia: dalle trasformazioni leggere, dove l’architettura quasi scompare, a quelle eterotopiche fatte di piccole enclave, isole di paesaggio nel paesaggio. Le contraddizioni insite in questi fenomeni esplodono col tempo nell’invasione delle seconde case e delle strutture ricettive, che occupano le coste con architettura speculativa di modesta qualità, rendendo turismo e paesaggio i termini di un binomio paradossale, che si rincorrono e rischiano spesso di ostacolarsi a vicenda.

UR - http://hdl.handle.net/10447/75451

M3 - Other

SP - 336

EP - 341

ER -