Abstract

Il genere Thymus appartiene alla famiglia delle Lamiacaee e comprende numerose specie distribuite nell’area mediterranea. Il nome deriva dal greco “δίμοσ” (profumo) per sottolineare l’intenso e gradevole aroma che la pianta produce. Secondo altri autori il nome trae origine dalla parola egiziana “tham”, che si riferisce ad una pianta profumata usata per le imbalsamazioni.In Italia il Pignatti descrive 17 specie di timo, delle quali quelle maggiormente interessanti da un punto di vista erboristico sono: T. vulgaris L. (timo comune), T. capitatus (L.) Hoffman et Link (timo capitato), T. serpyllum L. (timo serpillo) e T. zygis L. (timo rosso).Allo stato spontaneo sono presenti varie forme di timo, differenti, oltre che per le caratteristiche morfologiche, anche per la variabilità nella composizione degli oli essenziali. Sulla base delle caratteristiche degli oli vengono generalmente classificati 7 chemiotipi di timo, non interamente riconosciuti dalla F.U.Il timo è una specie tipica degli ambienti caldo-temperati mediterranei, ma è presente anche nelle zone orientali dell’Europa e nel centro-sud dell’arcipelago delle Baleari.In Italia, si trova allo stato spontaneo lungo le zone costiere, nelle pendici assolate e rocciose e in luoghi aridi in prossimità del mare. Si ritrova in ambienti con altitudine variabile da 0 a 1.500 metri s.l.m..
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospitePiante officinali in Sicilia. Studio agronomico, fitochimico e farmacologico mirato alla loro valorizzazione e allo sfruttamento agro-industriale.
Pagine141-146
Numero di pagine6
Stato di pubblicazionePublished - 2009

Cita questo

Virga, G., & La Bella, S. (2009). Timo. In Piante officinali in Sicilia. Studio agronomico, fitochimico e farmacologico mirato alla loro valorizzazione e allo sfruttamento agro-industriale. (pagg. 141-146)

Timo. / Virga, Giuseppe; La Bella, Salvatore.

Piante officinali in Sicilia. Studio agronomico, fitochimico e farmacologico mirato alla loro valorizzazione e allo sfruttamento agro-industriale.. 2009. pag. 141-146.

Risultato della ricerca: Chapter

Virga, G & La Bella, S 2009, Timo. in Piante officinali in Sicilia. Studio agronomico, fitochimico e farmacologico mirato alla loro valorizzazione e allo sfruttamento agro-industriale.. pagg. 141-146.
Virga G, La Bella S. Timo. In Piante officinali in Sicilia. Studio agronomico, fitochimico e farmacologico mirato alla loro valorizzazione e allo sfruttamento agro-industriale.. 2009. pag. 141-146
Virga, Giuseppe ; La Bella, Salvatore. / Timo. Piante officinali in Sicilia. Studio agronomico, fitochimico e farmacologico mirato alla loro valorizzazione e allo sfruttamento agro-industriale.. 2009. pagg. 141-146
@inbook{61dc2e0ef3fb4246adb22589179095c3,
title = "Timo",
abstract = "Il genere Thymus appartiene alla famiglia delle Lamiacaee e comprende numerose specie distribuite nell’area mediterranea. Il nome deriva dal greco “δίμοσ” (profumo) per sottolineare l’intenso e gradevole aroma che la pianta produce. Secondo altri autori il nome trae origine dalla parola egiziana “tham”, che si riferisce ad una pianta profumata usata per le imbalsamazioni.In Italia il Pignatti descrive 17 specie di timo, delle quali quelle maggiormente interessanti da un punto di vista erboristico sono: T. vulgaris L. (timo comune), T. capitatus (L.) Hoffman et Link (timo capitato), T. serpyllum L. (timo serpillo) e T. zygis L. (timo rosso).Allo stato spontaneo sono presenti varie forme di timo, differenti, oltre che per le caratteristiche morfologiche, anche per la variabilit{\`a} nella composizione degli oli essenziali. Sulla base delle caratteristiche degli oli vengono generalmente classificati 7 chemiotipi di timo, non interamente riconosciuti dalla F.U.Il timo {\`e} una specie tipica degli ambienti caldo-temperati mediterranei, ma {\`e} presente anche nelle zone orientali dell’Europa e nel centro-sud dell’arcipelago delle Baleari.In Italia, si trova allo stato spontaneo lungo le zone costiere, nelle pendici assolate e rocciose e in luoghi aridi in prossimit{\`a} del mare. Si ritrova in ambienti con altitudine variabile da 0 a 1.500 metri s.l.m..",
keywords = "Tecnica colturale della specie, aspetti merceologici., commercializzazione, confezionamento, trasformazione",
author = "Giuseppe Virga and {La Bella}, Salvatore",
year = "2009",
language = "Italian",
pages = "141--146",
booktitle = "Piante officinali in Sicilia. Studio agronomico, fitochimico e farmacologico mirato alla loro valorizzazione e allo sfruttamento agro-industriale.",

}

TY - CHAP

T1 - Timo

AU - Virga, Giuseppe

AU - La Bella, Salvatore

PY - 2009

Y1 - 2009

N2 - Il genere Thymus appartiene alla famiglia delle Lamiacaee e comprende numerose specie distribuite nell’area mediterranea. Il nome deriva dal greco “δίμοσ” (profumo) per sottolineare l’intenso e gradevole aroma che la pianta produce. Secondo altri autori il nome trae origine dalla parola egiziana “tham”, che si riferisce ad una pianta profumata usata per le imbalsamazioni.In Italia il Pignatti descrive 17 specie di timo, delle quali quelle maggiormente interessanti da un punto di vista erboristico sono: T. vulgaris L. (timo comune), T. capitatus (L.) Hoffman et Link (timo capitato), T. serpyllum L. (timo serpillo) e T. zygis L. (timo rosso).Allo stato spontaneo sono presenti varie forme di timo, differenti, oltre che per le caratteristiche morfologiche, anche per la variabilità nella composizione degli oli essenziali. Sulla base delle caratteristiche degli oli vengono generalmente classificati 7 chemiotipi di timo, non interamente riconosciuti dalla F.U.Il timo è una specie tipica degli ambienti caldo-temperati mediterranei, ma è presente anche nelle zone orientali dell’Europa e nel centro-sud dell’arcipelago delle Baleari.In Italia, si trova allo stato spontaneo lungo le zone costiere, nelle pendici assolate e rocciose e in luoghi aridi in prossimità del mare. Si ritrova in ambienti con altitudine variabile da 0 a 1.500 metri s.l.m..

AB - Il genere Thymus appartiene alla famiglia delle Lamiacaee e comprende numerose specie distribuite nell’area mediterranea. Il nome deriva dal greco “δίμοσ” (profumo) per sottolineare l’intenso e gradevole aroma che la pianta produce. Secondo altri autori il nome trae origine dalla parola egiziana “tham”, che si riferisce ad una pianta profumata usata per le imbalsamazioni.In Italia il Pignatti descrive 17 specie di timo, delle quali quelle maggiormente interessanti da un punto di vista erboristico sono: T. vulgaris L. (timo comune), T. capitatus (L.) Hoffman et Link (timo capitato), T. serpyllum L. (timo serpillo) e T. zygis L. (timo rosso).Allo stato spontaneo sono presenti varie forme di timo, differenti, oltre che per le caratteristiche morfologiche, anche per la variabilità nella composizione degli oli essenziali. Sulla base delle caratteristiche degli oli vengono generalmente classificati 7 chemiotipi di timo, non interamente riconosciuti dalla F.U.Il timo è una specie tipica degli ambienti caldo-temperati mediterranei, ma è presente anche nelle zone orientali dell’Europa e nel centro-sud dell’arcipelago delle Baleari.In Italia, si trova allo stato spontaneo lungo le zone costiere, nelle pendici assolate e rocciose e in luoghi aridi in prossimità del mare. Si ritrova in ambienti con altitudine variabile da 0 a 1.500 metri s.l.m..

KW - Tecnica colturale della specie

KW - aspetti merceologici.

KW - commercializzazione

KW - confezionamento

KW - trasformazione

UR - http://hdl.handle.net/10447/46289

M3 - Chapter

SP - 141

EP - 146

BT - Piante officinali in Sicilia. Studio agronomico, fitochimico e farmacologico mirato alla loro valorizzazione e allo sfruttamento agro-industriale.

ER -