TESTIMONI PRIVILEGIATI NEI CASI DI VIOLENZA: DALLE PAROLE DELLO SVELAMENTO AGLI INTERVENTI DI PROTEZIONE

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

Lo studio analizza la questione della risonanza emotiva e dei conseguenti atteggiamneti degli operatori delle Forze dell'Ordine durante gli interrogatori di presunte vittime di abuso. Il contributo riferisce alcune significative osservazioni scaturite dalla somministrazione di due strumenti (un'intervista ed un questionario) a 9 "testimoni privilegiati" che vivono l'esperienza del primo resoconto del bambino e che rappresentano vari corpi delle Forze dell'Ordine delle città di Palermo e di Trapani. La ricerca dimostra la necessità di un percorso di formazione che aiuti gli operatori a mettere in atto modalità efficaci nell'accogliere il minore e nel raccoglierne la storia, costruendo un clima di disponibilità che protegga al contempo la vittima e l'operatore.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)11-32
Numero di pagine136
RivistaMaltrattamento e Abuso all'Infanzia
Volume13
Stato di pubblicazionePublished - 2011

Cita questo