Teoria e prassi dell’architettura neogotica a Palermo nella prima metà del XIX secolo

Risultato della ricerca: Otherpeer review

Abstract

Il contributo espone l'excursus che ha portato la città di Palermo a contenere una delle maggiori concentrazioni di architettura neo-medievale in Italia e con datazioni molto precoci a livello nazionale. Difatti si parte dalla considerazione che da decenni veniva preso come esemplare particolarmente rappresentativo i cosiddetti Quattro Pizzi all'Arenella, realizzati dall'architetto Carlo Giachery tra il 1840 e il 1844. Tramite documentazione fornita da fonti primarie, a stampa o manoscritte, si è dimostra come invece quella fosse una delle ultime realizzazioni che sfruttarono le numerose precedenti esperienze assai significative, in cui però la critica locale non riusciva a riconoscere del tutto quel carattere innovativo, e in parte implicitamente rivoluzionario, che possedeva, essa piuttosto preferiva soffermarsi su fattori puramente estetici o su innovazioni tecnico-pratiche. Di conseguenza la conclusione è che la straordinaria vivacità rimaneva però confinata nell'alveo dei pochi illuminati artefici e committenti.
Lingua originaleItalian
Pagine225-237
Numero di pagine13
Stato di pubblicazionePublished - 2004

Cita questo