Tecniche per la misura e il monitoraggio della superficie del fondo di un modello fluviale

Risultato della ricerca: Paper

Abstract

L’impiego di modelli fluviali per lo studio delle variazioni della morfologia del fondo è un argomento oggetto di interesse nel campo dell’idrologia a causa dei molteplici fenomeni interconnessi alla evoluzione di alvei naturali. Presso il laboratorio del Dipartimento di Ingegneria Idraulica e Applicazioni Ambientali dell’Università di Palermo, già da diversi anni, viene utilizzato un modello fluviale a fondo mobile per studiare i metodi di previsione della deformazione planimetrica ed altimetrica di un alveo naturale. Le ricerche condotte nel corso degli anni sono state finalizzate a ricostruire la configurazione di equilibrio del fondo deformato per effetto del deflusso della corrente. A partire dalla fine degli anni novanta sono stati condotte numerose prove per sviluppare e verificare procedure fotogrammetriche digitali che consentissero di ottenere in maniera automatica ed con un elevato livelli di accuratezza il modello digitale della superficie (Digital Surface Model – DSM) del fondo del canale. Le prove effettuate avevano consentito di ottenere risultati soddisfacenti compatibilmente con la strumentazione adoperata. Nel corso degli ultimi anni il notevole miglioramento delle procedure fotogrammetriche di image matching e lo sviluppo di sistemi laser short range o di sistemi a luce strutturata ha portato ad eseguire nuovi test per rendere le procedure di misura sempre più efficienti sia in termini di precisione metrica che da punto di vista operativo. Il lavoro proposto presenta i primi risultati ottenuti con tali tecniche su alcune zone campione del modello.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2009

Cita questo

@conference{ef2165a6f83745d3adf790d3033a7e83,
title = "Tecniche per la misura e il monitoraggio della superficie del fondo di un modello fluviale",
abstract = "L’impiego di modelli fluviali per lo studio delle variazioni della morfologia del fondo {\`e} un argomento oggetto di interesse nel campo dell’idrologia a causa dei molteplici fenomeni interconnessi alla evoluzione di alvei naturali. Presso il laboratorio del Dipartimento di Ingegneria Idraulica e Applicazioni Ambientali dell’Universit{\`a} di Palermo, gi{\`a} da diversi anni, viene utilizzato un modello fluviale a fondo mobile per studiare i metodi di previsione della deformazione planimetrica ed altimetrica di un alveo naturale. Le ricerche condotte nel corso degli anni sono state finalizzate a ricostruire la configurazione di equilibrio del fondo deformato per effetto del deflusso della corrente. A partire dalla fine degli anni novanta sono stati condotte numerose prove per sviluppare e verificare procedure fotogrammetriche digitali che consentissero di ottenere in maniera automatica ed con un elevato livelli di accuratezza il modello digitale della superficie (Digital Surface Model – DSM) del fondo del canale. Le prove effettuate avevano consentito di ottenere risultati soddisfacenti compatibilmente con la strumentazione adoperata. Nel corso degli ultimi anni il notevole miglioramento delle procedure fotogrammetriche di image matching e lo sviluppo di sistemi laser short range o di sistemi a luce strutturata ha portato ad eseguire nuovi test per rendere le procedure di misura sempre pi{\`u} efficienti sia in termini di precisione metrica che da punto di vista operativo. Il lavoro proposto presenta i primi risultati ottenuti con tali tecniche su alcune zone campione del modello.",
keywords = "fotogrammetria, DSM, modello idraulico, image matching",
author = "{Lo Brutto}, Mauro",
year = "2009",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - Tecniche per la misura e il monitoraggio della superficie del fondo di un modello fluviale

AU - Lo Brutto, Mauro

PY - 2009

Y1 - 2009

N2 - L’impiego di modelli fluviali per lo studio delle variazioni della morfologia del fondo è un argomento oggetto di interesse nel campo dell’idrologia a causa dei molteplici fenomeni interconnessi alla evoluzione di alvei naturali. Presso il laboratorio del Dipartimento di Ingegneria Idraulica e Applicazioni Ambientali dell’Università di Palermo, già da diversi anni, viene utilizzato un modello fluviale a fondo mobile per studiare i metodi di previsione della deformazione planimetrica ed altimetrica di un alveo naturale. Le ricerche condotte nel corso degli anni sono state finalizzate a ricostruire la configurazione di equilibrio del fondo deformato per effetto del deflusso della corrente. A partire dalla fine degli anni novanta sono stati condotte numerose prove per sviluppare e verificare procedure fotogrammetriche digitali che consentissero di ottenere in maniera automatica ed con un elevato livelli di accuratezza il modello digitale della superficie (Digital Surface Model – DSM) del fondo del canale. Le prove effettuate avevano consentito di ottenere risultati soddisfacenti compatibilmente con la strumentazione adoperata. Nel corso degli ultimi anni il notevole miglioramento delle procedure fotogrammetriche di image matching e lo sviluppo di sistemi laser short range o di sistemi a luce strutturata ha portato ad eseguire nuovi test per rendere le procedure di misura sempre più efficienti sia in termini di precisione metrica che da punto di vista operativo. Il lavoro proposto presenta i primi risultati ottenuti con tali tecniche su alcune zone campione del modello.

AB - L’impiego di modelli fluviali per lo studio delle variazioni della morfologia del fondo è un argomento oggetto di interesse nel campo dell’idrologia a causa dei molteplici fenomeni interconnessi alla evoluzione di alvei naturali. Presso il laboratorio del Dipartimento di Ingegneria Idraulica e Applicazioni Ambientali dell’Università di Palermo, già da diversi anni, viene utilizzato un modello fluviale a fondo mobile per studiare i metodi di previsione della deformazione planimetrica ed altimetrica di un alveo naturale. Le ricerche condotte nel corso degli anni sono state finalizzate a ricostruire la configurazione di equilibrio del fondo deformato per effetto del deflusso della corrente. A partire dalla fine degli anni novanta sono stati condotte numerose prove per sviluppare e verificare procedure fotogrammetriche digitali che consentissero di ottenere in maniera automatica ed con un elevato livelli di accuratezza il modello digitale della superficie (Digital Surface Model – DSM) del fondo del canale. Le prove effettuate avevano consentito di ottenere risultati soddisfacenti compatibilmente con la strumentazione adoperata. Nel corso degli ultimi anni il notevole miglioramento delle procedure fotogrammetriche di image matching e lo sviluppo di sistemi laser short range o di sistemi a luce strutturata ha portato ad eseguire nuovi test per rendere le procedure di misura sempre più efficienti sia in termini di precisione metrica che da punto di vista operativo. Il lavoro proposto presenta i primi risultati ottenuti con tali tecniche su alcune zone campione del modello.

KW - fotogrammetria, DSM, modello idraulico, image matching

UR - http://hdl.handle.net/10447/45206

M3 - Paper

ER -