Teatro e narrativa di Umberto Barbaro

Risultato della ricerca: Book

Abstract

La monografia ripercorre l'itinerario intellettuale e letterario di Barbaro. Nella prima parte sono presi in esame i suoi scritti critici e la sua produzione teatrale e narrativa degli anni Venti, legati alla stagione dell'immaginismo, quando lo scrittore condivide gli orientamenti di quel movimento verso un'arte irrealistica che, nello scarto ironico tra piano della realtà e mondo ricreato da un visionarismo fantastico e paradossale, esprime una volontà di ribaltamento dei canoni del mondo borghese (sono evidenziati anche i rapporti con altre avanguardie, e nello stesso tempo la specificità). L'aspirazione a un'arte volta ad incidere profondamente nella realtà permane in Barbaro anche quando quell'esperienza artistica entra in crisi, Pertanto tale istanza è rintracciata anche nella narrativa e negli scritti critici degli anni Trenta che si caratterizzano per un graduale avvicinamento di Barbaro a un concetto di arte realistica. Ma è sottolineato anche come negli anni Trenta lo scrittore preferisca lo sguardo sulla realtà senza proporsi esiti mimetici, ma con quei filtri e quelle profondità che la sempre viva vocazione sperimentalistica, il bagaglio culturale europeo, le conoscenze di psicoanalisi, gli consentono. Nell'ultima parte della monografia,dedicata al periodo del secondo dopoguerra, si tende a sfatare l'immagine di un Barbaro caratterizzato da intransigenza e chiusura nella sua difesa della categoria del realismo; posizione, dunque, aperta, pur nell'adesione convinta al fronte marxista.
Lingua originaleItalian
Numero di pagine236
Stato di pubblicazionePublished - 1992

Cita questo

Teatro e narrativa di Umberto Barbaro. / Di Giovanna, Maria.

1992. 236 pag.

Risultato della ricerca: Book

@book{2521dd7ce1d84fa5af753fd349be1529,
title = "Teatro e narrativa di Umberto Barbaro",
abstract = "La monografia ripercorre l'itinerario intellettuale e letterario di Barbaro. Nella prima parte sono presi in esame i suoi scritti critici e la sua produzione teatrale e narrativa degli anni Venti, legati alla stagione dell'immaginismo, quando lo scrittore condivide gli orientamenti di quel movimento verso un'arte irrealistica che, nello scarto ironico tra piano della realt{\`a} e mondo ricreato da un visionarismo fantastico e paradossale, esprime una volont{\`a} di ribaltamento dei canoni del mondo borghese (sono evidenziati anche i rapporti con altre avanguardie, e nello stesso tempo la specificit{\`a}). L'aspirazione a un'arte volta ad incidere profondamente nella realt{\`a} permane in Barbaro anche quando quell'esperienza artistica entra in crisi, Pertanto tale istanza {\`e} rintracciata anche nella narrativa e negli scritti critici degli anni Trenta che si caratterizzano per un graduale avvicinamento di Barbaro a un concetto di arte realistica. Ma {\`e} sottolineato anche come negli anni Trenta lo scrittore preferisca lo sguardo sulla realt{\`a} senza proporsi esiti mimetici, ma con quei filtri e quelle profondit{\`a} che la sempre viva vocazione sperimentalistica, il bagaglio culturale europeo, le conoscenze di psicoanalisi, gli consentono. Nell'ultima parte della monografia,dedicata al periodo del secondo dopoguerra, si tende a sfatare l'immagine di un Barbaro caratterizzato da intransigenza e chiusura nella sua difesa della categoria del realismo; posizione, dunque, aperta, pur nell'adesione convinta al fronte marxista.",
keywords = "Percorso intellettuale e letterario, Dall'irrealismo immaginista al realismo, Persistenza dell'impegno",
author = "{Di Giovanna}, Maria",
year = "1992",
language = "Italian",
isbn = "88-7119-447-0",

}

TY - BOOK

T1 - Teatro e narrativa di Umberto Barbaro

AU - Di Giovanna, Maria

PY - 1992

Y1 - 1992

N2 - La monografia ripercorre l'itinerario intellettuale e letterario di Barbaro. Nella prima parte sono presi in esame i suoi scritti critici e la sua produzione teatrale e narrativa degli anni Venti, legati alla stagione dell'immaginismo, quando lo scrittore condivide gli orientamenti di quel movimento verso un'arte irrealistica che, nello scarto ironico tra piano della realtà e mondo ricreato da un visionarismo fantastico e paradossale, esprime una volontà di ribaltamento dei canoni del mondo borghese (sono evidenziati anche i rapporti con altre avanguardie, e nello stesso tempo la specificità). L'aspirazione a un'arte volta ad incidere profondamente nella realtà permane in Barbaro anche quando quell'esperienza artistica entra in crisi, Pertanto tale istanza è rintracciata anche nella narrativa e negli scritti critici degli anni Trenta che si caratterizzano per un graduale avvicinamento di Barbaro a un concetto di arte realistica. Ma è sottolineato anche come negli anni Trenta lo scrittore preferisca lo sguardo sulla realtà senza proporsi esiti mimetici, ma con quei filtri e quelle profondità che la sempre viva vocazione sperimentalistica, il bagaglio culturale europeo, le conoscenze di psicoanalisi, gli consentono. Nell'ultima parte della monografia,dedicata al periodo del secondo dopoguerra, si tende a sfatare l'immagine di un Barbaro caratterizzato da intransigenza e chiusura nella sua difesa della categoria del realismo; posizione, dunque, aperta, pur nell'adesione convinta al fronte marxista.

AB - La monografia ripercorre l'itinerario intellettuale e letterario di Barbaro. Nella prima parte sono presi in esame i suoi scritti critici e la sua produzione teatrale e narrativa degli anni Venti, legati alla stagione dell'immaginismo, quando lo scrittore condivide gli orientamenti di quel movimento verso un'arte irrealistica che, nello scarto ironico tra piano della realtà e mondo ricreato da un visionarismo fantastico e paradossale, esprime una volontà di ribaltamento dei canoni del mondo borghese (sono evidenziati anche i rapporti con altre avanguardie, e nello stesso tempo la specificità). L'aspirazione a un'arte volta ad incidere profondamente nella realtà permane in Barbaro anche quando quell'esperienza artistica entra in crisi, Pertanto tale istanza è rintracciata anche nella narrativa e negli scritti critici degli anni Trenta che si caratterizzano per un graduale avvicinamento di Barbaro a un concetto di arte realistica. Ma è sottolineato anche come negli anni Trenta lo scrittore preferisca lo sguardo sulla realtà senza proporsi esiti mimetici, ma con quei filtri e quelle profondità che la sempre viva vocazione sperimentalistica, il bagaglio culturale europeo, le conoscenze di psicoanalisi, gli consentono. Nell'ultima parte della monografia,dedicata al periodo del secondo dopoguerra, si tende a sfatare l'immagine di un Barbaro caratterizzato da intransigenza e chiusura nella sua difesa della categoria del realismo; posizione, dunque, aperta, pur nell'adesione convinta al fronte marxista.

KW - Percorso intellettuale e letterario, Dall'irrealismo immaginista al realismo, Persistenza dell'impegno

UR - http://hdl.handle.net/10447/204362

M3 - Book

SN - 88-7119-447-0

BT - Teatro e narrativa di Umberto Barbaro

ER -