Sulla politica religiosa di Marciano: tra legislazione, agiografia, storiografia

Risultato della ricerca: Paper

Abstract

Nel 451, nel IV concilio ecumenico convocato a Calcedonia da Marciano, si stabiliva la condanna di nestorianesimo e monofisismo. Si trattava di una vittoria che vedeva legate Costantinopoli, che confermava il suo ruolo di primazia nell’ambito delle chiese orientali, e Roma che già con papa Leone aveva manifestato il suo accordo con il patriarcato costantinopolitano. Tutta la legislazione emessa negli anni successivi da Marciano, per affermare e difendere il credo di Calcedonia, riflette le tensioni tra centro e periferia e testimonia la reazione imperiale alle spinte autonomistiche e all’emergere di regionalismi, documentate soprattutto in ambiente siriaco e copto dalla letteratura agiografica.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2016

Cita questo

@conference{082a62cf84d3454c855e8bdade2431cd,
title = "Sulla politica religiosa di Marciano: tra legislazione, agiografia, storiografia",
abstract = "Nel 451, nel IV concilio ecumenico convocato a Calcedonia da Marciano, si stabiliva la condanna di nestorianesimo e monofisismo. Si trattava di una vittoria che vedeva legate Costantinopoli, che confermava il suo ruolo di primazia nell’ambito delle chiese orientali, e Roma che gi{\`a} con papa Leone aveva manifestato il suo accordo con il patriarcato costantinopolitano. Tutta la legislazione emessa negli anni successivi da Marciano, per affermare e difendere il credo di Calcedonia, riflette le tensioni tra centro e periferia e testimonia la reazione imperiale alle spinte autonomistiche e all’emergere di regionalismi, documentate soprattutto in ambiente siriaco e copto dalla letteratura agiografica.",
author = "Daniela Motta",
year = "2016",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - Sulla politica religiosa di Marciano: tra legislazione, agiografia, storiografia

AU - Motta, Daniela

PY - 2016

Y1 - 2016

N2 - Nel 451, nel IV concilio ecumenico convocato a Calcedonia da Marciano, si stabiliva la condanna di nestorianesimo e monofisismo. Si trattava di una vittoria che vedeva legate Costantinopoli, che confermava il suo ruolo di primazia nell’ambito delle chiese orientali, e Roma che già con papa Leone aveva manifestato il suo accordo con il patriarcato costantinopolitano. Tutta la legislazione emessa negli anni successivi da Marciano, per affermare e difendere il credo di Calcedonia, riflette le tensioni tra centro e periferia e testimonia la reazione imperiale alle spinte autonomistiche e all’emergere di regionalismi, documentate soprattutto in ambiente siriaco e copto dalla letteratura agiografica.

AB - Nel 451, nel IV concilio ecumenico convocato a Calcedonia da Marciano, si stabiliva la condanna di nestorianesimo e monofisismo. Si trattava di una vittoria che vedeva legate Costantinopoli, che confermava il suo ruolo di primazia nell’ambito delle chiese orientali, e Roma che già con papa Leone aveva manifestato il suo accordo con il patriarcato costantinopolitano. Tutta la legislazione emessa negli anni successivi da Marciano, per affermare e difendere il credo di Calcedonia, riflette le tensioni tra centro e periferia e testimonia la reazione imperiale alle spinte autonomistiche e all’emergere di regionalismi, documentate soprattutto in ambiente siriaco e copto dalla letteratura agiografica.

UR - http://hdl.handle.net/10447/223535

M3 - Paper

ER -