SUI TITOLI NOBILIARI E SUL DIRITTO DEI FIGLI "ADOTTIVI" A SUCCEDERVI NELL'ORDINAMENTO DELLA CHIESA

Risultato della ricerca: Article

Abstract

Il presente lavoro tratta la speciale questione inerente la successione nei titoli nobiliari degli adottivi, della quale si sono occupate alcune recenti decisioni giurisprudenziali con conseguenze alquanto singolari che hanno suscitato in dottrina obiezioni fondate. Al riguardo risulta preliminare risolvere il dubbio se nel diritto canonico vigente l'adozione "ad norma iuris civili orta" abbia un effetto pienamente "legittimante" o se, un maggiore approfondimento del tema, non spinga a parlare invece, di una legittimità per così dire attenuata, ovvero "minus pleno iure". Posizione quest'ultima che è parsa a noi teoricamente sostenibile, specie considerando il regime della "inabilitas" dell'adottivo a succedere in talune prerogative che vengono riconosciute unicamente alla figliolanza di sangue.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)431-444
RivistaIUS ECCLESIAE
VolumeXIX
Stato di pubblicazionePublished - 2007

Cita questo