Studi sulle liti di libertà nel diritto romano

Risultato della ricerca: Book

Abstract

Il lavoro è diviso in tre capitoli. Nel primo capitolo si adducono argomenti capaci di provare la risalenza delle liti di libertà - e delle regole speciali che le ispirano - all'età decemvirale. Inoltre si analizza il 'processo di Virginia' e si cercano di risolvere le antinomie e le aporie presenti nel racconto di Livio, mediante l'utilizzo di una fonte ignorata fin ora: l'Archeologia Romana di Dionigi di Alicarnasso. Nel secondo capitolo, una volta identificato il processo di Virginia con una lite di libertà, si utilizza il prezioso episodio per ricostruire alcuni tratti caratteristici delle liti di libertà nelle legis actiones: in particolare, il carattere solo eventuale dell'in ius vocatio, la proclamatio in libertatem, una nuova ricostruzione della vindicatio in libertatem, a seconda che a pronunciarla fosse il soggetto esercente la patria potestas o un terzo, l'esecuzione della sentenza mediante la ductio, l'origine in età decemvirale del collegio dei decemviri stlitibus iudicandis. Il terzo capitolo si occupa del processo formulare. Innanzitutto si è cercato di dimostrare l'inesistenza dell'asserito praeiudicium 'si controversia erit' utile secondo una parte della dottrina ad attribuire il ruolo di attore e convenuto alle parti in giudizio, mediante la scoperta di un errore nella tradizione testuale di un rescritto (C. 7.16.21) utilizzato ai fini della sua ricostruzione. Sarebbe stato compito del magistrato in iure provvedere all'ordinatio iudicii. La ricerca è proseguita con lo studio dell'editto 'de liberali causa' ai fini della sua ricostruzione. Si è cercato di dimostrare l'adattabilità dell'agere per sponsionem alle liti di libertà impostate quali vindicationes in servitutem; poi, una volta verificata l'incapacità di operare del meccanismo della condemnatio-restitutio, si è concluso nel senso di negare l'operatività della rei vindicatio per formulam petitoriam e servitute in libertatem nel caso di mancanza di acquisti e danni ai quali parametrare la litis aestimatio. In questi casi avrebbe potuto operare il praeiudicium an liber sit, attestato fin dal primo sec. d.C. dal cap. 84 della lex Irnitana e da un passo delle Institutiones Oratoriae di Quintiliano. Viceversa il corretto funzionameno del meccanismo della condemnatio-restitutio nella vindicatio in servitutem spiega la sua larga applicazione e il motivo per il quale non venne mai avvertita l'esigenza di elaborare un praeiudicium an servus sit. Il lavoro si chiude con due appendici al terzo capitolo. Nella prima si prova a dimostrare la competenza del iudex unus a giudicare in materia di liti di libertà in età classica in ipotesi nelle quali si tentava di evitare un possibile contrasto di giudicati. Nella seconda, si adduce l'origine formulare dei principi che governano la materia delle sentenze contumaciali e del principio 'ne de statu defunctorum post quinquennium quaeratur', tipici delle cognitiones extra ordinem, per fornire un criterio ermeneutico per l'intepretazione delle fonti in materia.
Lingua originaleItalian
EditoreGiappichelli
Numero di pagine368
ISBN (stampa)978-883480985-3
Stato di pubblicazionePublished - 2010

Serie di pubblicazioni

NomeAnnali del Seminario Giudico dell'Università di Palermo - Sezione Monografie

Cita questo

Sciortino, S. (2010). Studi sulle liti di libertà nel diritto romano. (Annali del Seminario Giudico dell'Università di Palermo - Sezione Monografie). Giappichelli.

Studi sulle liti di libertà nel diritto romano. / Sciortino, Salvatore.

Giappichelli, 2010. 368 pag. (Annali del Seminario Giudico dell'Università di Palermo - Sezione Monografie).

Risultato della ricerca: Book

Sciortino, S 2010, Studi sulle liti di libertà nel diritto romano. Annali del Seminario Giudico dell'Università di Palermo - Sezione Monografie, Giappichelli.
Sciortino S. Studi sulle liti di libertà nel diritto romano. Giappichelli, 2010. 368 pag. (Annali del Seminario Giudico dell'Università di Palermo - Sezione Monografie).
Sciortino, Salvatore. / Studi sulle liti di libertà nel diritto romano. Giappichelli, 2010. 368 pag. (Annali del Seminario Giudico dell'Università di Palermo - Sezione Monografie).
@book{8e851a4624e0491dbb2b525fbfbfc656,
title = "Studi sulle liti di libert{\`a} nel diritto romano",
abstract = "Il lavoro {\`e} diviso in tre capitoli. Nel primo capitolo si adducono argomenti capaci di provare la risalenza delle liti di libert{\`a} - e delle regole speciali che le ispirano - all'et{\`a} decemvirale. Inoltre si analizza il 'processo di Virginia' e si cercano di risolvere le antinomie e le aporie presenti nel racconto di Livio, mediante l'utilizzo di una fonte ignorata fin ora: l'Archeologia Romana di Dionigi di Alicarnasso. Nel secondo capitolo, una volta identificato il processo di Virginia con una lite di libert{\`a}, si utilizza il prezioso episodio per ricostruire alcuni tratti caratteristici delle liti di libert{\`a} nelle legis actiones: in particolare, il carattere solo eventuale dell'in ius vocatio, la proclamatio in libertatem, una nuova ricostruzione della vindicatio in libertatem, a seconda che a pronunciarla fosse il soggetto esercente la patria potestas o un terzo, l'esecuzione della sentenza mediante la ductio, l'origine in et{\`a} decemvirale del collegio dei decemviri stlitibus iudicandis. Il terzo capitolo si occupa del processo formulare. Innanzitutto si {\`e} cercato di dimostrare l'inesistenza dell'asserito praeiudicium 'si controversia erit' utile secondo una parte della dottrina ad attribuire il ruolo di attore e convenuto alle parti in giudizio, mediante la scoperta di un errore nella tradizione testuale di un rescritto (C. 7.16.21) utilizzato ai fini della sua ricostruzione. Sarebbe stato compito del magistrato in iure provvedere all'ordinatio iudicii. La ricerca {\`e} proseguita con lo studio dell'editto 'de liberali causa' ai fini della sua ricostruzione. Si {\`e} cercato di dimostrare l'adattabilit{\`a} dell'agere per sponsionem alle liti di libert{\`a} impostate quali vindicationes in servitutem; poi, una volta verificata l'incapacit{\`a} di operare del meccanismo della condemnatio-restitutio, si {\`e} concluso nel senso di negare l'operativit{\`a} della rei vindicatio per formulam petitoriam e servitute in libertatem nel caso di mancanza di acquisti e danni ai quali parametrare la litis aestimatio. In questi casi avrebbe potuto operare il praeiudicium an liber sit, attestato fin dal primo sec. d.C. dal cap. 84 della lex Irnitana e da un passo delle Institutiones Oratoriae di Quintiliano. Viceversa il corretto funzionameno del meccanismo della condemnatio-restitutio nella vindicatio in servitutem spiega la sua larga applicazione e il motivo per il quale non venne mai avvertita l'esigenza di elaborare un praeiudicium an servus sit. Il lavoro si chiude con due appendici al terzo capitolo. Nella prima si prova a dimostrare la competenza del iudex unus a giudicare in materia di liti di libert{\`a} in et{\`a} classica in ipotesi nelle quali si tentava di evitare un possibile contrasto di giudicati. Nella seconda, si adduce l'origine formulare dei principi che governano la materia delle sentenze contumaciali e del principio 'ne de statu defunctorum post quinquennium quaeratur', tipici delle cognitiones extra ordinem, per fornire un criterio ermeneutico per l'intepretazione delle fonti in materia.",
keywords = "liti di libert{\`a}; legis actiones; processo formulare",
author = "Salvatore Sciortino",
year = "2010",
language = "Italian",
isbn = "978-883480985-3",
series = "Annali del Seminario Giudico dell'Universit{\`a} di Palermo - Sezione Monografie",
publisher = "Giappichelli",

}

TY - BOOK

T1 - Studi sulle liti di libertà nel diritto romano

AU - Sciortino, Salvatore

PY - 2010

Y1 - 2010

N2 - Il lavoro è diviso in tre capitoli. Nel primo capitolo si adducono argomenti capaci di provare la risalenza delle liti di libertà - e delle regole speciali che le ispirano - all'età decemvirale. Inoltre si analizza il 'processo di Virginia' e si cercano di risolvere le antinomie e le aporie presenti nel racconto di Livio, mediante l'utilizzo di una fonte ignorata fin ora: l'Archeologia Romana di Dionigi di Alicarnasso. Nel secondo capitolo, una volta identificato il processo di Virginia con una lite di libertà, si utilizza il prezioso episodio per ricostruire alcuni tratti caratteristici delle liti di libertà nelle legis actiones: in particolare, il carattere solo eventuale dell'in ius vocatio, la proclamatio in libertatem, una nuova ricostruzione della vindicatio in libertatem, a seconda che a pronunciarla fosse il soggetto esercente la patria potestas o un terzo, l'esecuzione della sentenza mediante la ductio, l'origine in età decemvirale del collegio dei decemviri stlitibus iudicandis. Il terzo capitolo si occupa del processo formulare. Innanzitutto si è cercato di dimostrare l'inesistenza dell'asserito praeiudicium 'si controversia erit' utile secondo una parte della dottrina ad attribuire il ruolo di attore e convenuto alle parti in giudizio, mediante la scoperta di un errore nella tradizione testuale di un rescritto (C. 7.16.21) utilizzato ai fini della sua ricostruzione. Sarebbe stato compito del magistrato in iure provvedere all'ordinatio iudicii. La ricerca è proseguita con lo studio dell'editto 'de liberali causa' ai fini della sua ricostruzione. Si è cercato di dimostrare l'adattabilità dell'agere per sponsionem alle liti di libertà impostate quali vindicationes in servitutem; poi, una volta verificata l'incapacità di operare del meccanismo della condemnatio-restitutio, si è concluso nel senso di negare l'operatività della rei vindicatio per formulam petitoriam e servitute in libertatem nel caso di mancanza di acquisti e danni ai quali parametrare la litis aestimatio. In questi casi avrebbe potuto operare il praeiudicium an liber sit, attestato fin dal primo sec. d.C. dal cap. 84 della lex Irnitana e da un passo delle Institutiones Oratoriae di Quintiliano. Viceversa il corretto funzionameno del meccanismo della condemnatio-restitutio nella vindicatio in servitutem spiega la sua larga applicazione e il motivo per il quale non venne mai avvertita l'esigenza di elaborare un praeiudicium an servus sit. Il lavoro si chiude con due appendici al terzo capitolo. Nella prima si prova a dimostrare la competenza del iudex unus a giudicare in materia di liti di libertà in età classica in ipotesi nelle quali si tentava di evitare un possibile contrasto di giudicati. Nella seconda, si adduce l'origine formulare dei principi che governano la materia delle sentenze contumaciali e del principio 'ne de statu defunctorum post quinquennium quaeratur', tipici delle cognitiones extra ordinem, per fornire un criterio ermeneutico per l'intepretazione delle fonti in materia.

AB - Il lavoro è diviso in tre capitoli. Nel primo capitolo si adducono argomenti capaci di provare la risalenza delle liti di libertà - e delle regole speciali che le ispirano - all'età decemvirale. Inoltre si analizza il 'processo di Virginia' e si cercano di risolvere le antinomie e le aporie presenti nel racconto di Livio, mediante l'utilizzo di una fonte ignorata fin ora: l'Archeologia Romana di Dionigi di Alicarnasso. Nel secondo capitolo, una volta identificato il processo di Virginia con una lite di libertà, si utilizza il prezioso episodio per ricostruire alcuni tratti caratteristici delle liti di libertà nelle legis actiones: in particolare, il carattere solo eventuale dell'in ius vocatio, la proclamatio in libertatem, una nuova ricostruzione della vindicatio in libertatem, a seconda che a pronunciarla fosse il soggetto esercente la patria potestas o un terzo, l'esecuzione della sentenza mediante la ductio, l'origine in età decemvirale del collegio dei decemviri stlitibus iudicandis. Il terzo capitolo si occupa del processo formulare. Innanzitutto si è cercato di dimostrare l'inesistenza dell'asserito praeiudicium 'si controversia erit' utile secondo una parte della dottrina ad attribuire il ruolo di attore e convenuto alle parti in giudizio, mediante la scoperta di un errore nella tradizione testuale di un rescritto (C. 7.16.21) utilizzato ai fini della sua ricostruzione. Sarebbe stato compito del magistrato in iure provvedere all'ordinatio iudicii. La ricerca è proseguita con lo studio dell'editto 'de liberali causa' ai fini della sua ricostruzione. Si è cercato di dimostrare l'adattabilità dell'agere per sponsionem alle liti di libertà impostate quali vindicationes in servitutem; poi, una volta verificata l'incapacità di operare del meccanismo della condemnatio-restitutio, si è concluso nel senso di negare l'operatività della rei vindicatio per formulam petitoriam e servitute in libertatem nel caso di mancanza di acquisti e danni ai quali parametrare la litis aestimatio. In questi casi avrebbe potuto operare il praeiudicium an liber sit, attestato fin dal primo sec. d.C. dal cap. 84 della lex Irnitana e da un passo delle Institutiones Oratoriae di Quintiliano. Viceversa il corretto funzionameno del meccanismo della condemnatio-restitutio nella vindicatio in servitutem spiega la sua larga applicazione e il motivo per il quale non venne mai avvertita l'esigenza di elaborare un praeiudicium an servus sit. Il lavoro si chiude con due appendici al terzo capitolo. Nella prima si prova a dimostrare la competenza del iudex unus a giudicare in materia di liti di libertà in età classica in ipotesi nelle quali si tentava di evitare un possibile contrasto di giudicati. Nella seconda, si adduce l'origine formulare dei principi che governano la materia delle sentenze contumaciali e del principio 'ne de statu defunctorum post quinquennium quaeratur', tipici delle cognitiones extra ordinem, per fornire un criterio ermeneutico per l'intepretazione delle fonti in materia.

KW - liti di libertà; legis actiones; processo formulare

UR - http://hdl.handle.net/10447/51559

M3 - Book

SN - 978-883480985-3

T3 - Annali del Seminario Giudico dell'Università di Palermo - Sezione Monografie

BT - Studi sulle liti di libertà nel diritto romano

PB - Giappichelli

ER -