Studi di settore e obbligo di motivazione

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

L’Agenzia delle Entrate è obbligata ad evidenziare in ogni avviso di accertamento gli elementi probatori legittimanti la sua pretesa anche quando essa risulti fondata sugli studi di settore, pena l’annullamento dell’atto per vizio di motivazione. Consentire all’amministrazione di integrare la motivazione in corso di causa, fornendo gli elementi probatori non indicati nel corpo dell’atto, per giustificare l’applicabilità degli studi di settore al caso concreto, significherebbe modificare, a posteriori, i presupposti del ricorso, introducendo nel thema decidendum elementi nuovi, non conosciuti, né conoscibili da parte del contribuente.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)1726-
Numero di pagine23
RivistaRASSEGNA TRIBUTARIA
Volume6/2007
Stato di pubblicazionePublished - 2007

Cita questo