Spiridon Zambelios, i documenti greci dell'Italia meridionale e la storia della lingua neogreca

    Risultato della ricerca: Article

    Abstract

    Si ricostruisce l'opera svolta dallo storico ed erudito Spiridon Zambelios (1815-1881) nella riscoperta degli atti pubblici e privati in lingua greca di età normanna provenienti dalla Sicilia e dall'Italia meridionale, e si dimostra come lo studio di tali documenti, considerati come i più antichi documenti della lingua neogreca, abbia costituito un momento essenziale nella formazione del pensiero storiografico dello Zambelios e in particolare della sua rivalutazione del ruolo del medioevo greco e di Bisanzio nella formazione dell'identità nazionale greca
    Lingua originaleItalian
    pagine (da-a)441-466
    RivistaNEA ROMI. RIVISTA DI RICERCHE BIZANTINISTICHE
    Volume4
    Stato di pubblicazionePublished - 2007

    Cita questo