Spazi, passioni e collettività. Vivere l’aeroporto

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Di ogni viaggio si serba un ricordo, spesso mitizzato: i momenti vissuti, l’arricchimento derivante dall’incontro con l’altro, la spettacolarità di un monumento visitato, la peculiare atmosfera di un evento, la stupefacente visione di un panorama incontaminato. Eppure l’esperienza vacanziera non inizia non appena si giunge a destinazione, né tanto meno termina nel momento in cui il nostro corpo si distacca dalla meta: di essa fanno parte i preparativi, le partenze, i rientri – fasi che incorniciano la vacanza vera e propria e che ne estendono i confini. Sebbene spesso dimenticati, o quanto meno non evocati, altri spazi (non meno “simbolici” di quelli visitati a destinazione) rientrano a pieno titolo nella dimensione turistica: stazioni ferroviarie, terminal bus, porti, aeroporti. E proprio sull'aeroporto, si concentrerà questo intervento: un dispositivo eccentrico e complesso - qui analizzato in termini semiotici -, in cui soggetti, oggetti e spazi interagiscono e si ridefiniscono a vicenda.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteMetabolismo e spazio simbolico. Paradigmi mediali della Sicilia contemporanea
Stato di pubblicazionePublished - 2018

Cita questo

Giannitrapani, A. (2018). Spazi, passioni e collettività. Vivere l’aeroporto. In Metabolismo e spazio simbolico. Paradigmi mediali della Sicilia contemporanea

Spazi, passioni e collettività. Vivere l’aeroporto. / Giannitrapani, Alice.

Metabolismo e spazio simbolico. Paradigmi mediali della Sicilia contemporanea. 2018.

Risultato della ricerca: Chapter

Giannitrapani, A 2018, Spazi, passioni e collettività. Vivere l’aeroporto. in Metabolismo e spazio simbolico. Paradigmi mediali della Sicilia contemporanea.
Giannitrapani A. Spazi, passioni e collettività. Vivere l’aeroporto. In Metabolismo e spazio simbolico. Paradigmi mediali della Sicilia contemporanea. 2018
Giannitrapani, Alice. / Spazi, passioni e collettività. Vivere l’aeroporto. Metabolismo e spazio simbolico. Paradigmi mediali della Sicilia contemporanea. 2018.
@inbook{f76f7d901d90480597b5b9319037d78b,
title = "Spazi, passioni e collettivit{\`a}. Vivere l’aeroporto",
abstract = "Di ogni viaggio si serba un ricordo, spesso mitizzato: i momenti vissuti, l’arricchimento derivante dall’incontro con l’altro, la spettacolarit{\`a} di un monumento visitato, la peculiare atmosfera di un evento, la stupefacente visione di un panorama incontaminato. Eppure l’esperienza vacanziera non inizia non appena si giunge a destinazione, n{\'e} tanto meno termina nel momento in cui il nostro corpo si distacca dalla meta: di essa fanno parte i preparativi, le partenze, i rientri – fasi che incorniciano la vacanza vera e propria e che ne estendono i confini. Sebbene spesso dimenticati, o quanto meno non evocati, altri spazi (non meno “simbolici” di quelli visitati a destinazione) rientrano a pieno titolo nella dimensione turistica: stazioni ferroviarie, terminal bus, porti, aeroporti. E proprio sull'aeroporto, si concentrer{\`a} questo intervento: un dispositivo eccentrico e complesso - qui analizzato in termini semiotici -, in cui soggetti, oggetti e spazi interagiscono e si ridefiniscono a vicenda.",
keywords = "aeroporto, passioni, semiotica, spazialit{\`a}",
author = "Alice Giannitrapani",
year = "2018",
language = "Italian",
booktitle = "Metabolismo e spazio simbolico. Paradigmi mediali della Sicilia contemporanea",

}

TY - CHAP

T1 - Spazi, passioni e collettività. Vivere l’aeroporto

AU - Giannitrapani, Alice

PY - 2018

Y1 - 2018

N2 - Di ogni viaggio si serba un ricordo, spesso mitizzato: i momenti vissuti, l’arricchimento derivante dall’incontro con l’altro, la spettacolarità di un monumento visitato, la peculiare atmosfera di un evento, la stupefacente visione di un panorama incontaminato. Eppure l’esperienza vacanziera non inizia non appena si giunge a destinazione, né tanto meno termina nel momento in cui il nostro corpo si distacca dalla meta: di essa fanno parte i preparativi, le partenze, i rientri – fasi che incorniciano la vacanza vera e propria e che ne estendono i confini. Sebbene spesso dimenticati, o quanto meno non evocati, altri spazi (non meno “simbolici” di quelli visitati a destinazione) rientrano a pieno titolo nella dimensione turistica: stazioni ferroviarie, terminal bus, porti, aeroporti. E proprio sull'aeroporto, si concentrerà questo intervento: un dispositivo eccentrico e complesso - qui analizzato in termini semiotici -, in cui soggetti, oggetti e spazi interagiscono e si ridefiniscono a vicenda.

AB - Di ogni viaggio si serba un ricordo, spesso mitizzato: i momenti vissuti, l’arricchimento derivante dall’incontro con l’altro, la spettacolarità di un monumento visitato, la peculiare atmosfera di un evento, la stupefacente visione di un panorama incontaminato. Eppure l’esperienza vacanziera non inizia non appena si giunge a destinazione, né tanto meno termina nel momento in cui il nostro corpo si distacca dalla meta: di essa fanno parte i preparativi, le partenze, i rientri – fasi che incorniciano la vacanza vera e propria e che ne estendono i confini. Sebbene spesso dimenticati, o quanto meno non evocati, altri spazi (non meno “simbolici” di quelli visitati a destinazione) rientrano a pieno titolo nella dimensione turistica: stazioni ferroviarie, terminal bus, porti, aeroporti. E proprio sull'aeroporto, si concentrerà questo intervento: un dispositivo eccentrico e complesso - qui analizzato in termini semiotici -, in cui soggetti, oggetti e spazi interagiscono e si ridefiniscono a vicenda.

KW - aeroporto

KW - passioni

KW - semiotica

KW - spazialità

UR - http://hdl.handle.net/10447/330668

M3 - Chapter

BT - Metabolismo e spazio simbolico. Paradigmi mediali della Sicilia contemporanea

ER -