Social housing e interazione multietnica: un’ipotesi di progetto nel centro storico di Palermo

Risultato della ricerca: Other

Abstract

Nelle città odierne il diritto alla casa è sempre più compromesso da molteplici fattori, primo fra tutti le conseguenze della crisi economica attuale, per cui si assiste ad una diminuzione drastica del livello di reddito delle famiglie. Vi sono anche altri fenomeni che ostacolano l’accesso al mercato immobiliare in specifiche aree urbane, come la gentrification o diverse dinamiche di trasformazione del contesto urbano, come si rileva nella città di Palermo. In contesti sociali sempre più multietnici e caratterizzati dalla presenza di varie categorie di users che risiedono in città per periodi brevi o in modo saltuario (lavoratori che si spostano da una città all’altra in cerca di occupazione stabile, studenti, altro), il tema della disponibilità abitativa è certamente tra le priorità della gestione territoriale. Non è escluso il rischio di strumentalizzazione imprenditoriale degli interventi di edilizia sovvenzionata: tuttavia il ruolo dell’amministrazione pubblica dovrebbe essere proprio quello di tutelare gli interessi della collettività, opponendosi alle tradizionali logiche di mercato. Una strategia possibile è l’identificazione di unità immobiliari da rendere disponibili per interventi di social housing (tramite accordi con i privati o esproprio nei casi in cui gli edifici risultino disabitati e non curati dai presunti proprietari), che non siano mirati solo all’aspetto residenziale ma anche a quello relativo ai servizi a scala di quartiere. Proprio la diversità delle componenti sociali coinvolte può in tal modo diventare una risorsa, contribuendo a riattivare l’economia locale e a ridefinire i ritmi di vita negli spazi urbani collettivi.
Lingua originaleItalian
Pagine1227-1231
Numero di pagine5
Stato di pubblicazionePublished - 2015

Cita questo

@conference{e583c2aca3164911a624a09f1b0f9ff3,
title = "Social housing e interazione multietnica: un’ipotesi di progetto nel centro storico di Palermo",
abstract = "Nelle citt{\`a} odierne il diritto alla casa {\`e} sempre pi{\`u} compromesso da molteplici fattori, primo fra tutti le conseguenze della crisi economica attuale, per cui si assiste ad una diminuzione drastica del livello di reddito delle famiglie. Vi sono anche altri fenomeni che ostacolano l’accesso al mercato immobiliare in specifiche aree urbane, come la gentrification o diverse dinamiche di trasformazione del contesto urbano, come si rileva nella citt{\`a} di Palermo. In contesti sociali sempre pi{\`u} multietnici e caratterizzati dalla presenza di varie categorie di users che risiedono in citt{\`a} per periodi brevi o in modo saltuario (lavoratori che si spostano da una citt{\`a} all’altra in cerca di occupazione stabile, studenti, altro), il tema della disponibilit{\`a} abitativa {\`e} certamente tra le priorit{\`a} della gestione territoriale. Non {\`e} escluso il rischio di strumentalizzazione imprenditoriale degli interventi di edilizia sovvenzionata: tuttavia il ruolo dell’amministrazione pubblica dovrebbe essere proprio quello di tutelare gli interessi della collettivit{\`a}, opponendosi alle tradizionali logiche di mercato. Una strategia possibile {\`e} l’identificazione di unit{\`a} immobiliari da rendere disponibili per interventi di social housing (tramite accordi con i privati o esproprio nei casi in cui gli edifici risultino disabitati e non curati dai presunti proprietari), che non siano mirati solo all’aspetto residenziale ma anche a quello relativo ai servizi a scala di quartiere. Proprio la diversit{\`a} delle componenti sociali coinvolte pu{\`o} in tal modo diventare una risorsa, contribuendo a riattivare l’economia locale e a ridefinire i ritmi di vita negli spazi urbani collettivi.",
author = "Elena Giannola",
year = "2015",
language = "Italian",
pages = "1227--1231",

}

TY - CONF

T1 - Social housing e interazione multietnica: un’ipotesi di progetto nel centro storico di Palermo

AU - Giannola, Elena

PY - 2015

Y1 - 2015

N2 - Nelle città odierne il diritto alla casa è sempre più compromesso da molteplici fattori, primo fra tutti le conseguenze della crisi economica attuale, per cui si assiste ad una diminuzione drastica del livello di reddito delle famiglie. Vi sono anche altri fenomeni che ostacolano l’accesso al mercato immobiliare in specifiche aree urbane, come la gentrification o diverse dinamiche di trasformazione del contesto urbano, come si rileva nella città di Palermo. In contesti sociali sempre più multietnici e caratterizzati dalla presenza di varie categorie di users che risiedono in città per periodi brevi o in modo saltuario (lavoratori che si spostano da una città all’altra in cerca di occupazione stabile, studenti, altro), il tema della disponibilità abitativa è certamente tra le priorità della gestione territoriale. Non è escluso il rischio di strumentalizzazione imprenditoriale degli interventi di edilizia sovvenzionata: tuttavia il ruolo dell’amministrazione pubblica dovrebbe essere proprio quello di tutelare gli interessi della collettività, opponendosi alle tradizionali logiche di mercato. Una strategia possibile è l’identificazione di unità immobiliari da rendere disponibili per interventi di social housing (tramite accordi con i privati o esproprio nei casi in cui gli edifici risultino disabitati e non curati dai presunti proprietari), che non siano mirati solo all’aspetto residenziale ma anche a quello relativo ai servizi a scala di quartiere. Proprio la diversità delle componenti sociali coinvolte può in tal modo diventare una risorsa, contribuendo a riattivare l’economia locale e a ridefinire i ritmi di vita negli spazi urbani collettivi.

AB - Nelle città odierne il diritto alla casa è sempre più compromesso da molteplici fattori, primo fra tutti le conseguenze della crisi economica attuale, per cui si assiste ad una diminuzione drastica del livello di reddito delle famiglie. Vi sono anche altri fenomeni che ostacolano l’accesso al mercato immobiliare in specifiche aree urbane, come la gentrification o diverse dinamiche di trasformazione del contesto urbano, come si rileva nella città di Palermo. In contesti sociali sempre più multietnici e caratterizzati dalla presenza di varie categorie di users che risiedono in città per periodi brevi o in modo saltuario (lavoratori che si spostano da una città all’altra in cerca di occupazione stabile, studenti, altro), il tema della disponibilità abitativa è certamente tra le priorità della gestione territoriale. Non è escluso il rischio di strumentalizzazione imprenditoriale degli interventi di edilizia sovvenzionata: tuttavia il ruolo dell’amministrazione pubblica dovrebbe essere proprio quello di tutelare gli interessi della collettività, opponendosi alle tradizionali logiche di mercato. Una strategia possibile è l’identificazione di unità immobiliari da rendere disponibili per interventi di social housing (tramite accordi con i privati o esproprio nei casi in cui gli edifici risultino disabitati e non curati dai presunti proprietari), che non siano mirati solo all’aspetto residenziale ma anche a quello relativo ai servizi a scala di quartiere. Proprio la diversità delle componenti sociali coinvolte può in tal modo diventare una risorsa, contribuendo a riattivare l’economia locale e a ridefinire i ritmi di vita negli spazi urbani collettivi.

UR - http://hdl.handle.net/10447/179956

M3 - Other

SP - 1227

EP - 1231

ER -