Social Green Planning e Urban Planning ovvero della produzione giocosa di una tragedia di successo in quattro movimenti

Alvano, M; Riggio, A; Scalora, G; Pirrera, G

Risultato della ricerca: Foreword/postscript

Abstract

Il contributo riguarda la postfazione dell'intero volume. Nel contributo vengono rintracciate quattro chiavi di lettura: 1) non può esistere una pianificazione territoriale contemporanea se non è integrata; 2) la resilienza dell'ecologia nella pianificazione risiede nella capacità di cogliere i valori profondi che muovono la cittadinanza verso la autentica partecipazione; 3) Drammaturgia e Neuroscienze sono i due argomenti sullo sfondo del volume curato dai due autori: sono immanenti, sono le condizioni esterne che regolano, in caso di malfunzionamento o di proteste il piano/progetto di paesaggio confinando o limitando i protagonismi eventuali dei giocatori coinvolti; 4) il SGP è una strategia che non intende porsi come modello ma come superamento di tutti i modelli che ancora cercano di imporsi più per inerzia che per convinzione e che sbagliano solo perché tradiscono l’origine unitaria da cui provengono: la città dell’Uomo. Nelle conclusioni l'autore della postfazione sostiene che qui la 'drammaturgia' è l’approccio adottato dall’uomo che, dovendo applicare il principio di resilienza non solo per opporsi all’immanenza della Natura ma soprattutto per risolvere i problemi creati proprio dai suoi simili (la Città malata che contagia la Terra), non fa che costruire e ricostruire dispositivi di autodistruzione. Ma questo approccio consente comunque all'uomo di ritrovare all’interno dei processi corruttivi e dissipativi i nuclei di natura da ricomporre per la riaccensione degli ecosistemi dentro la città esattamente nello stesso modo in cui l’infilling ricrea le trame dei tessuti urbani lacerati dal caos del consumo di suolo e di anima della perduta città delle persone umane.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteINFRASTRUTTURE VERDI E PARTECIPAZIONE SOCIALE. Un modello bio-ispirato di rigenerazione urbana
Pagine182-185
Numero di pagine4
Stato di pubblicazionePublished - 2016

Cita questo

Alvano, M; Riggio, A; Scalora, G; Pirrera, G (2016). Social Green Planning e Urban Planning ovvero della produzione giocosa di una tragedia di successo in quattro movimenti. In INFRASTRUTTURE VERDI E PARTECIPAZIONE SOCIALE. Un modello bio-ispirato di rigenerazione urbana (pagg. 182-185)

Social Green Planning e Urban Planning ovvero della produzione giocosa di una tragedia di successo in quattro movimenti. / Alvano, M; Riggio, A; Scalora, G; Pirrera, G.

INFRASTRUTTURE VERDI E PARTECIPAZIONE SOCIALE. Un modello bio-ispirato di rigenerazione urbana. 2016. pag. 182-185.

Risultato della ricerca: Foreword/postscript

Alvano, M; Riggio, A; Scalora, G; Pirrera, G 2016, Social Green Planning e Urban Planning ovvero della produzione giocosa di una tragedia di successo in quattro movimenti. in INFRASTRUTTURE VERDI E PARTECIPAZIONE SOCIALE. Un modello bio-ispirato di rigenerazione urbana. pagg. 182-185.
Alvano, M; Riggio, A; Scalora, G; Pirrera, G. Social Green Planning e Urban Planning ovvero della produzione giocosa di una tragedia di successo in quattro movimenti. In INFRASTRUTTURE VERDI E PARTECIPAZIONE SOCIALE. Un modello bio-ispirato di rigenerazione urbana. 2016. pag. 182-185
Alvano, M; Riggio, A; Scalora, G; Pirrera, G. / Social Green Planning e Urban Planning ovvero della produzione giocosa di una tragedia di successo in quattro movimenti. INFRASTRUTTURE VERDI E PARTECIPAZIONE SOCIALE. Un modello bio-ispirato di rigenerazione urbana. 2016. pagg. 182-185
@inbook{013ecc1060324ed1b3d14648c2eeb4cc,
title = "Social Green Planning e Urban Planning ovvero della produzione giocosa di una tragedia di successo in quattro movimenti",
abstract = "Il contributo riguarda la postfazione dell'intero volume. Nel contributo vengono rintracciate quattro chiavi di lettura: 1) non pu{\`o} esistere una pianificazione territoriale contemporanea se non {\`e} integrata; 2) la resilienza dell'ecologia nella pianificazione risiede nella capacit{\`a} di cogliere i valori profondi che muovono la cittadinanza verso la autentica partecipazione; 3) Drammaturgia e Neuroscienze sono i due argomenti sullo sfondo del volume curato dai due autori: sono immanenti, sono le condizioni esterne che regolano, in caso di malfunzionamento o di proteste il piano/progetto di paesaggio confinando o limitando i protagonismi eventuali dei giocatori coinvolti; 4) il SGP {\`e} una strategia che non intende porsi come modello ma come superamento di tutti i modelli che ancora cercano di imporsi pi{\`u} per inerzia che per convinzione e che sbagliano solo perch{\'e} tradiscono l’origine unitaria da cui provengono: la citt{\`a} dell’Uomo. Nelle conclusioni l'autore della postfazione sostiene che qui la 'drammaturgia' {\`e} l’approccio adottato dall’uomo che, dovendo applicare il principio di resilienza non solo per opporsi all’immanenza della Natura ma soprattutto per risolvere i problemi creati proprio dai suoi simili (la Citt{\`a} malata che contagia la Terra), non fa che costruire e ricostruire dispositivi di autodistruzione. Ma questo approccio consente comunque all'uomo di ritrovare all’interno dei processi corruttivi e dissipativi i nuclei di natura da ricomporre per la riaccensione degli ecosistemi dentro la citt{\`a} esattamente nello stesso modo in cui l’infilling ricrea le trame dei tessuti urbani lacerati dal caos del consumo di suolo e di anima della perduta citt{\`a} delle persone umane.",
author = "{Alvano, M; Riggio, A; Scalora, G; Pirrera, G} and Ferdinando Trapani",
year = "2016",
language = "Italian",
isbn = "9788867350438",
pages = "182--185",
booktitle = "INFRASTRUTTURE VERDI E PARTECIPAZIONE SOCIALE. Un modello bio-ispirato di rigenerazione urbana",

}

TY - CHAP

T1 - Social Green Planning e Urban Planning ovvero della produzione giocosa di una tragedia di successo in quattro movimenti

AU - Alvano, M; Riggio, A; Scalora, G; Pirrera, G

AU - Trapani, Ferdinando

PY - 2016

Y1 - 2016

N2 - Il contributo riguarda la postfazione dell'intero volume. Nel contributo vengono rintracciate quattro chiavi di lettura: 1) non può esistere una pianificazione territoriale contemporanea se non è integrata; 2) la resilienza dell'ecologia nella pianificazione risiede nella capacità di cogliere i valori profondi che muovono la cittadinanza verso la autentica partecipazione; 3) Drammaturgia e Neuroscienze sono i due argomenti sullo sfondo del volume curato dai due autori: sono immanenti, sono le condizioni esterne che regolano, in caso di malfunzionamento o di proteste il piano/progetto di paesaggio confinando o limitando i protagonismi eventuali dei giocatori coinvolti; 4) il SGP è una strategia che non intende porsi come modello ma come superamento di tutti i modelli che ancora cercano di imporsi più per inerzia che per convinzione e che sbagliano solo perché tradiscono l’origine unitaria da cui provengono: la città dell’Uomo. Nelle conclusioni l'autore della postfazione sostiene che qui la 'drammaturgia' è l’approccio adottato dall’uomo che, dovendo applicare il principio di resilienza non solo per opporsi all’immanenza della Natura ma soprattutto per risolvere i problemi creati proprio dai suoi simili (la Città malata che contagia la Terra), non fa che costruire e ricostruire dispositivi di autodistruzione. Ma questo approccio consente comunque all'uomo di ritrovare all’interno dei processi corruttivi e dissipativi i nuclei di natura da ricomporre per la riaccensione degli ecosistemi dentro la città esattamente nello stesso modo in cui l’infilling ricrea le trame dei tessuti urbani lacerati dal caos del consumo di suolo e di anima della perduta città delle persone umane.

AB - Il contributo riguarda la postfazione dell'intero volume. Nel contributo vengono rintracciate quattro chiavi di lettura: 1) non può esistere una pianificazione territoriale contemporanea se non è integrata; 2) la resilienza dell'ecologia nella pianificazione risiede nella capacità di cogliere i valori profondi che muovono la cittadinanza verso la autentica partecipazione; 3) Drammaturgia e Neuroscienze sono i due argomenti sullo sfondo del volume curato dai due autori: sono immanenti, sono le condizioni esterne che regolano, in caso di malfunzionamento o di proteste il piano/progetto di paesaggio confinando o limitando i protagonismi eventuali dei giocatori coinvolti; 4) il SGP è una strategia che non intende porsi come modello ma come superamento di tutti i modelli che ancora cercano di imporsi più per inerzia che per convinzione e che sbagliano solo perché tradiscono l’origine unitaria da cui provengono: la città dell’Uomo. Nelle conclusioni l'autore della postfazione sostiene che qui la 'drammaturgia' è l’approccio adottato dall’uomo che, dovendo applicare il principio di resilienza non solo per opporsi all’immanenza della Natura ma soprattutto per risolvere i problemi creati proprio dai suoi simili (la Città malata che contagia la Terra), non fa che costruire e ricostruire dispositivi di autodistruzione. Ma questo approccio consente comunque all'uomo di ritrovare all’interno dei processi corruttivi e dissipativi i nuclei di natura da ricomporre per la riaccensione degli ecosistemi dentro la città esattamente nello stesso modo in cui l’infilling ricrea le trame dei tessuti urbani lacerati dal caos del consumo di suolo e di anima della perduta città delle persone umane.

UR - http://hdl.handle.net/10447/225546

UR - http://www.libellulaedizioni.com/prodotto/infrastrutture-verdi-e-partecipazione-sociale/

M3 - Foreword/postscript

SN - 9788867350438

SP - 182

EP - 185

BT - INFRASTRUTTURE VERDI E PARTECIPAZIONE SOCIALE. Un modello bio-ispirato di rigenerazione urbana

ER -