Sindrome del tunnel carpale: malattia professionaleo patologia correlata al lavoro?

Guido Lacca, Diego Picciotto, Calogera Colaianni, Calogero Infurna Buscarino, Francesca Faragone, Morena Fiordispina, Stefania La Bua

Risultato della ricerca: Other

Abstract

La sindrome del tunnel carpale costituisce la più frequenteneuropatia da compressione dell’arto superiore, originando dall’intrappolamentodel nervo mediano nel canale carpale. Nel determinismodella sua comparsa risultano coinvolti numerosi fattori (precedentifratture, traumatismi cronici, sport, hobbies, attività casalinghe).Vieppiù, è noto che tale malattia riconosce come primo momento etiopatogeneticonon solo ripetuti movimenti di flesso-estensione del polso, maanche malattie sistemiche o condizioni parafisiologiche (menopausa,gravidanza). La sindrome del tunnel carpale, se “secondaria” si manifestageneralmente con carattere di bilateralità soprattutto in donne tra i30 ed i 60 anni. Di conseguenza risulta fondamentale, nel riconoscimentodi una STC come malattia professionale, stabilire se la genesi sia prettamenteprofessionale, ovvero connessa unicamente all’attività lavorativasvolta, o se diversamente possa essere considerata una patologia associataal lavoro, provocata o aggravata dall’azione concomitante di fattoriprofessionali e non.Nel nostro studio abbiamo preso in considerazione un campione divideoterminalisti allo scopo di verificare la presenza di STC, attraversola ricerca di sintomi soggettivi e segni obbiettivi, associati o meno allapresenza di un’anamnesi positiva per disendocrinopatie, amiloidosi, mesenchimopatie,insufficienza renale cronica in terapia sostitutiva o conservativa,diabete mellito, menopausa, gravidanza al fine di stabilire sel’attività lavorativa sia in grado di determinare una più elevata incidenzae prevalenza in particolari gruppi di lavoratori (esposti al medesimo rischio)rispetto alla popolazione generale.
Lingua originaleItalian
Pagine190-191
Numero di pagine2
Stato di pubblicazionePublished - 2011

Cita questo