Sicilia Architettura. Itinerari tra paesaggi e habitat

    Risultato della ricerca: Book

    Abstract

    L’autrice nel suo esaustivo saggio delimita il campo con chiarezza, ci fa capire cosa non si troverà nel libro (le architetture delle grandi città, per esempio, saranno trattate non in questo ma, presumibilmente, in un secondo volume), fa omissioni significative e non tratta di quei lavori appartenenti ad un circuito di qualità, ma estranei allo sviluppo culturale dell’architettura in Sicilia. Elmo scrive: «Oggetto di questa ricognizione sono alcuni esiti dell’architettura contemporanea di Sicilia che, in varia misura, possono dirsi ‘luogo’ di una crisi poetica, epifania di un ripensamento o di un riconoscimento, palinsesto di combinazioni inedite, come nella migliore tradizione dell’arte in Sicilia; quelle opere, cioè, in grado di reinventare la specificità dei contesti più marcati del territorio siciliano, tanto da potersi fingere lì da sempre, pur cogliendosi chiaramente l’effrazione risolutiva nel loro innesto col preesistente». Questa delimitazione di campo, la qualità della scrittura, gli interventi saggistici di Panzarella e l’esteso saggio dell’autrice accompagnano i capitoli dedicati alle cinquanta opere, che come tanti “inni” sono il vero centro di questo lavoro. (Tratto dalla presentazione di Antonino Saggio).
    Lingua originaleItalian
    EditoreLISt Lab
    Numero di pagine232
    ISBN (stampa)9788898774340
    Stato di pubblicazionePublished - 2016

    Cita questo

    Sicilia Architettura. Itinerari tra paesaggi e habitat. / Elmo, Giovanna Rita.

    LISt Lab, 2016. 232 pag.

    Risultato della ricerca: Book

    @book{c013070dfa814abda74aa7b986bea74f,
    title = "Sicilia Architettura. Itinerari tra paesaggi e habitat",
    abstract = "L’autrice nel suo esaustivo saggio delimita il campo con chiarezza, ci fa capire cosa non si trover{\`a} nel libro (le architetture delle grandi citt{\`a}, per esempio, saranno trattate non in questo ma, presumibilmente, in un secondo volume), fa omissioni significative e non tratta di quei lavori appartenenti ad un circuito di qualit{\`a}, ma estranei allo sviluppo culturale dell’architettura in Sicilia. Elmo scrive: «Oggetto di questa ricognizione sono alcuni esiti dell’architettura contemporanea di Sicilia che, in varia misura, possono dirsi ‘luogo’ di una crisi poetica, epifania di un ripensamento o di un riconoscimento, palinsesto di combinazioni inedite, come nella migliore tradizione dell’arte in Sicilia; quelle opere, cio{\`e}, in grado di reinventare la specificit{\`a} dei contesti pi{\`u} marcati del territorio siciliano, tanto da potersi fingere l{\`i} da sempre, pur cogliendosi chiaramente l’effrazione risolutiva nel loro innesto col preesistente». Questa delimitazione di campo, la qualit{\`a} della scrittura, gli interventi saggistici di Panzarella e l’esteso saggio dell’autrice accompagnano i capitoli dedicati alle cinquanta opere, che come tanti “inni” sono il vero centro di questo lavoro. (Tratto dalla presentazione di Antonino Saggio).",
    author = "Elmo, {Giovanna Rita}",
    year = "2016",
    language = "Italian",
    isbn = "9788898774340",
    publisher = "LISt Lab",

    }

    TY - BOOK

    T1 - Sicilia Architettura. Itinerari tra paesaggi e habitat

    AU - Elmo, Giovanna Rita

    PY - 2016

    Y1 - 2016

    N2 - L’autrice nel suo esaustivo saggio delimita il campo con chiarezza, ci fa capire cosa non si troverà nel libro (le architetture delle grandi città, per esempio, saranno trattate non in questo ma, presumibilmente, in un secondo volume), fa omissioni significative e non tratta di quei lavori appartenenti ad un circuito di qualità, ma estranei allo sviluppo culturale dell’architettura in Sicilia. Elmo scrive: «Oggetto di questa ricognizione sono alcuni esiti dell’architettura contemporanea di Sicilia che, in varia misura, possono dirsi ‘luogo’ di una crisi poetica, epifania di un ripensamento o di un riconoscimento, palinsesto di combinazioni inedite, come nella migliore tradizione dell’arte in Sicilia; quelle opere, cioè, in grado di reinventare la specificità dei contesti più marcati del territorio siciliano, tanto da potersi fingere lì da sempre, pur cogliendosi chiaramente l’effrazione risolutiva nel loro innesto col preesistente». Questa delimitazione di campo, la qualità della scrittura, gli interventi saggistici di Panzarella e l’esteso saggio dell’autrice accompagnano i capitoli dedicati alle cinquanta opere, che come tanti “inni” sono il vero centro di questo lavoro. (Tratto dalla presentazione di Antonino Saggio).

    AB - L’autrice nel suo esaustivo saggio delimita il campo con chiarezza, ci fa capire cosa non si troverà nel libro (le architetture delle grandi città, per esempio, saranno trattate non in questo ma, presumibilmente, in un secondo volume), fa omissioni significative e non tratta di quei lavori appartenenti ad un circuito di qualità, ma estranei allo sviluppo culturale dell’architettura in Sicilia. Elmo scrive: «Oggetto di questa ricognizione sono alcuni esiti dell’architettura contemporanea di Sicilia che, in varia misura, possono dirsi ‘luogo’ di una crisi poetica, epifania di un ripensamento o di un riconoscimento, palinsesto di combinazioni inedite, come nella migliore tradizione dell’arte in Sicilia; quelle opere, cioè, in grado di reinventare la specificità dei contesti più marcati del territorio siciliano, tanto da potersi fingere lì da sempre, pur cogliendosi chiaramente l’effrazione risolutiva nel loro innesto col preesistente». Questa delimitazione di campo, la qualità della scrittura, gli interventi saggistici di Panzarella e l’esteso saggio dell’autrice accompagnano i capitoli dedicati alle cinquanta opere, che come tanti “inni” sono il vero centro di questo lavoro. (Tratto dalla presentazione di Antonino Saggio).

    UR - http://hdl.handle.net/10447/246884

    M3 - Book

    SN - 9788898774340

    BT - Sicilia Architettura. Itinerari tra paesaggi e habitat

    PB - LISt Lab

    ER -