Sharing economy e modelli di organizzazione

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Nel 2014 il Comitato Economico e Sociale Europeo ha pubblicato un Parere sull’impatto delle pratichericonducibili alla “maniera tradizionale di condividere, scambiare, prestare, affittare e regalare (…) ridefiniteattraverso la tecnologia moderna e le comunità”. Il riferimento è alle attività – solitamente accomunatesotto l’etichetta di sharing economy – di baratto (swap), banche del tempo, valute virtuali, scambio diattrezzi, di terreni, condivisione di giochi, uffici, co-housing, co-working, couchsurfing, car sharing,crowdfunding, bike sharing, noleggio p2p, car pooling. Il documento arriva a preconizzare che la lorodiffusione determinerà la “trasformazione concettuale del lavoro” e “la soluzione alla crisi economica efinanziaria”, darà risposta alle emergenze sociali e contribuirà al rilancio della crescita economica, in lineacon gli obiettivi di produzione e consumo sostenibili e di politica industriale sostenibile fissati da Europa2020. Di fronte ad una novità così importante si impone una riflessione sui meccanismi economici e sulleregole di governo del fenomeno.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteAtti del IX Colloquio scientifico sull'impresa sociale
Pagine1-13
Numero di pagine13
Stato di pubblicazionePublished - 2015

Cita questo

Smorto, G. (2015). Sharing economy e modelli di organizzazione. In Atti del IX Colloquio scientifico sull'impresa sociale (pagg. 1-13)