Semiotica del design

Risultato della ricerca: Review article

Abstract

Tra i tanti artefatti con cui la semiotica si confronta, quelli che ricadono sotto l’ampio ombrello della parola design sembrano godere di uno statuto particolare. Il pensiero va subito agli oggetti naturalmente, il cui senso, come hanno spiegato i padri fondatori della disciplina, obbedisce a un doppio criterio di pertinenza: pratico e mitico. A fianco a tali questioni tuttavia la riflessione più recente sul design ha messo in evidenza come a costituire motivo di interesse possa essere la nozione stessa di progetto. È questo il vero oggetto del design a ben pensare, non foss’altro perché i professionisti che lo praticano non esitano a dar forma tanto a oggetti quanto a un’infinità di altri artefatti – dalla grafica a internet, dal cibo ai servizi – che danno vita a quell’insieme ramificato di branche della disciplina che alcuni chiamano “galassia design”. La significazione finisce così per essere una sorta di costante del progettare (forse l’unica) e dunque la scienza che la studia uno strumento indispensabile per interrogarsi su tale attività. Scrivere di design oggi significa confrontarsi con questa complessità.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)177-178
Numero di pagine2
RivistaVS
Volume126
Stato di pubblicazionePublished - 2018

Cita questo

Mangano, D. (2018). Semiotica del design. VS, 126, 177-178.

Semiotica del design. / Mangano, Dario.

In: VS, Vol. 126, 2018, pag. 177-178.

Risultato della ricerca: Review article

Mangano, D 2018, 'Semiotica del design', VS, vol. 126, pagg. 177-178.
Mangano D. Semiotica del design. VS. 2018;126:177-178.
Mangano, Dario. / Semiotica del design. In: VS. 2018 ; Vol. 126. pagg. 177-178.
@article{625cd2f9af4c4a3d9fc0daa16715818d,
title = "Semiotica del design",
abstract = "Tra i tanti artefatti con cui la semiotica si confronta, quelli che ricadono sotto l’ampio ombrello della parola design sembrano godere di uno statuto particolare. Il pensiero va subito agli oggetti naturalmente, il cui senso, come hanno spiegato i padri fondatori della disciplina, obbedisce a un doppio criterio di pertinenza: pratico e mitico. A fianco a tali questioni tuttavia la riflessione pi{\`u} recente sul design ha messo in evidenza come a costituire motivo di interesse possa essere la nozione stessa di progetto. {\`E} questo il vero oggetto del design a ben pensare, non foss’altro perch{\'e} i professionisti che lo praticano non esitano a dar forma tanto a oggetti quanto a un’infinit{\`a} di altri artefatti – dalla grafica a internet, dal cibo ai servizi – che danno vita a quell’insieme ramificato di branche della disciplina che alcuni chiamano “galassia design”. La significazione finisce cos{\`i} per essere una sorta di costante del progettare (forse l’unica) e dunque la scienza che la studia uno strumento indispensabile per interrogarsi su tale attivit{\`a}. Scrivere di design oggi significa confrontarsi con questa complessit{\`a}.",
author = "Dario Mangano",
year = "2018",
language = "Italian",
volume = "126",
pages = "177--178",
journal = "VS",
issn = "0393-8255",

}

TY - JOUR

T1 - Semiotica del design

AU - Mangano, Dario

PY - 2018

Y1 - 2018

N2 - Tra i tanti artefatti con cui la semiotica si confronta, quelli che ricadono sotto l’ampio ombrello della parola design sembrano godere di uno statuto particolare. Il pensiero va subito agli oggetti naturalmente, il cui senso, come hanno spiegato i padri fondatori della disciplina, obbedisce a un doppio criterio di pertinenza: pratico e mitico. A fianco a tali questioni tuttavia la riflessione più recente sul design ha messo in evidenza come a costituire motivo di interesse possa essere la nozione stessa di progetto. È questo il vero oggetto del design a ben pensare, non foss’altro perché i professionisti che lo praticano non esitano a dar forma tanto a oggetti quanto a un’infinità di altri artefatti – dalla grafica a internet, dal cibo ai servizi – che danno vita a quell’insieme ramificato di branche della disciplina che alcuni chiamano “galassia design”. La significazione finisce così per essere una sorta di costante del progettare (forse l’unica) e dunque la scienza che la studia uno strumento indispensabile per interrogarsi su tale attività. Scrivere di design oggi significa confrontarsi con questa complessità.

AB - Tra i tanti artefatti con cui la semiotica si confronta, quelli che ricadono sotto l’ampio ombrello della parola design sembrano godere di uno statuto particolare. Il pensiero va subito agli oggetti naturalmente, il cui senso, come hanno spiegato i padri fondatori della disciplina, obbedisce a un doppio criterio di pertinenza: pratico e mitico. A fianco a tali questioni tuttavia la riflessione più recente sul design ha messo in evidenza come a costituire motivo di interesse possa essere la nozione stessa di progetto. È questo il vero oggetto del design a ben pensare, non foss’altro perché i professionisti che lo praticano non esitano a dar forma tanto a oggetti quanto a un’infinità di altri artefatti – dalla grafica a internet, dal cibo ai servizi – che danno vita a quell’insieme ramificato di branche della disciplina che alcuni chiamano “galassia design”. La significazione finisce così per essere una sorta di costante del progettare (forse l’unica) e dunque la scienza che la studia uno strumento indispensabile per interrogarsi su tale attività. Scrivere di design oggi significa confrontarsi con questa complessità.

UR - http://hdl.handle.net/10447/346903

M3 - Review article

VL - 126

SP - 177

EP - 178

JO - VS

JF - VS

SN - 0393-8255

ER -