Scheletrizzazione di modelli di sistemi di approvvigionamento idrico regionali – Un caso di studio

Risultato della ricerca: Other

Abstract

In questo lavoro viene esaminata la possibilità di ridurre i tempi di calcolo, mediante la"scheletrizzazione" dei modelli, adottando come caso di studio un sistema di approvvigionamento idricoregionale reale, modellato in ambiente AQUATOR. La scheletrizzazione è stata in origine introdotta nelcampo dell'ingegneria idraulica al fine di includere nei modelli idraulici delle reti solo le parti dalla rete realeche hanno un significativo impatto sul funzionamento del sistema, riducendo l'onere computazionale mapermettendo comunque di ottenere risultati accurati ed affidabili (Walski et al., 2007; Eggener & Polkowski,1976; Shamir & Hamberg, 1988a,b). Il principio di base della scheletrizzazione è quello di tenere conto deglieffetti delle parti di sistema non modellate, tramite le caratteristiche (capacità idraulica, domande, perditeidriche, costi unitari, ecc.) degli elementi inclusi nel modello.
Lingua originaleItalian
Pagine1287-1290
Numero di pagine4
Stato di pubblicazionePublished - 2016

Cita questo

@conference{99a739d5d5254eadab77a03214d1d927,
title = "Scheletrizzazione di modelli di sistemi di approvvigionamento idrico regionali – Un caso di studio",
abstract = "In questo lavoro viene esaminata la possibilit{\`a} di ridurre i tempi di calcolo, mediante la{"}scheletrizzazione{"} dei modelli, adottando come caso di studio un sistema di approvvigionamento idricoregionale reale, modellato in ambiente AQUATOR. La scheletrizzazione {\`e} stata in origine introdotta nelcampo dell'ingegneria idraulica al fine di includere nei modelli idraulici delle reti solo le parti dalla rete realeche hanno un significativo impatto sul funzionamento del sistema, riducendo l'onere computazionale mapermettendo comunque di ottenere risultati accurati ed affidabili (Walski et al., 2007; Eggener & Polkowski,1976; Shamir & Hamberg, 1988a,b). Il principio di base della scheletrizzazione {\`e} quello di tenere conto deglieffetti delle parti di sistema non modellate, tramite le caratteristiche (capacit{\`a} idraulica, domande, perditeidriche, costi unitari, ecc.) degli elementi inclusi nel modello.",
author = "Claudio Arena and Mazzola, {Mario Rosario} and Marcella Cannarozzo and Antonino Fortunato and Ignazio Scolaro",
year = "2016",
language = "Italian",
pages = "1287--1290",

}

TY - CONF

T1 - Scheletrizzazione di modelli di sistemi di approvvigionamento idrico regionali – Un caso di studio

AU - Arena, Claudio

AU - Mazzola, Mario Rosario

AU - Cannarozzo, Marcella

AU - Fortunato, Antonino

AU - Scolaro, Ignazio

PY - 2016

Y1 - 2016

N2 - In questo lavoro viene esaminata la possibilità di ridurre i tempi di calcolo, mediante la"scheletrizzazione" dei modelli, adottando come caso di studio un sistema di approvvigionamento idricoregionale reale, modellato in ambiente AQUATOR. La scheletrizzazione è stata in origine introdotta nelcampo dell'ingegneria idraulica al fine di includere nei modelli idraulici delle reti solo le parti dalla rete realeche hanno un significativo impatto sul funzionamento del sistema, riducendo l'onere computazionale mapermettendo comunque di ottenere risultati accurati ed affidabili (Walski et al., 2007; Eggener & Polkowski,1976; Shamir & Hamberg, 1988a,b). Il principio di base della scheletrizzazione è quello di tenere conto deglieffetti delle parti di sistema non modellate, tramite le caratteristiche (capacità idraulica, domande, perditeidriche, costi unitari, ecc.) degli elementi inclusi nel modello.

AB - In questo lavoro viene esaminata la possibilità di ridurre i tempi di calcolo, mediante la"scheletrizzazione" dei modelli, adottando come caso di studio un sistema di approvvigionamento idricoregionale reale, modellato in ambiente AQUATOR. La scheletrizzazione è stata in origine introdotta nelcampo dell'ingegneria idraulica al fine di includere nei modelli idraulici delle reti solo le parti dalla rete realeche hanno un significativo impatto sul funzionamento del sistema, riducendo l'onere computazionale mapermettendo comunque di ottenere risultati accurati ed affidabili (Walski et al., 2007; Eggener & Polkowski,1976; Shamir & Hamberg, 1988a,b). Il principio di base della scheletrizzazione è quello di tenere conto deglieffetti delle parti di sistema non modellate, tramite le caratteristiche (capacità idraulica, domande, perditeidriche, costi unitari, ecc.) degli elementi inclusi nel modello.

UR - http://hdl.handle.net/10447/251638

UR - http://amsacta.unibo.it/5400/

M3 - Other

SP - 1287

EP - 1290

ER -