Scheda su Sentenza Corte EDU Kara c. Regno Unito n. 36528/97

Caterina Fatta

Risultato della ricerca: Article

Abstract

Non costituisce violazione dell’articolo 8 il divieto imposto ad un dipendente di sesso maschile di indossare abiti femminili sul luogo di lavoro. Quando, infatti, per la funzione svolta tale atteggiamento possa pregiudicare l’immagine e l’attività del datore di lavoro, l’interferenza nella vita privata dell’individuo deve considerarsi legittima, ai sensi del comma secondo dell’articolo 8 della Convenzione.
Lingua originaleItalian
Numero di pagine0
RivistaDIRITTI UMANI IN ITALIA
VolumeAnno I
Stato di pubblicazionePublished - 2011
Pubblicato esternamenteYes

Cita questo

Scheda su Sentenza Corte EDU Kara c. Regno Unito n. 36528/97. / Fatta, Caterina.

In: DIRITTI UMANI IN ITALIA, Vol. Anno I, 2011.

Risultato della ricerca: Article

@article{fc42be764d9248ff8fd765b7f7a01b2c,
title = "Scheda su Sentenza Corte EDU Kara c. Regno Unito n. 36528/97",
abstract = "Non costituisce violazione dell’articolo 8 il divieto imposto ad un dipendente di sesso maschile di indossare abiti femminili sul luogo di lavoro. Quando, infatti, per la funzione svolta tale atteggiamento possa pregiudicare l’immagine e l’attivit{\`a} del datore di lavoro, l’interferenza nella vita privata dell’individuo deve considerarsi legittima, ai sensi del comma secondo dell’articolo 8 della Convenzione.",
keywords = "Sentenze cedu, diritti degli omosessuali, discriminazione verso una minoranza sessuale, libert{\`a} di espressione orientamento sessuale, rispetto della privata, travestiti e dress code",
author = "Caterina Fatta",
year = "2011",
language = "Italian",
volume = "Anno I",
journal = "DIRITTI UMANI IN ITALIA",
issn = "2240-2861",

}

TY - JOUR

T1 - Scheda su Sentenza Corte EDU Kara c. Regno Unito n. 36528/97

AU - Fatta, Caterina

PY - 2011

Y1 - 2011

N2 - Non costituisce violazione dell’articolo 8 il divieto imposto ad un dipendente di sesso maschile di indossare abiti femminili sul luogo di lavoro. Quando, infatti, per la funzione svolta tale atteggiamento possa pregiudicare l’immagine e l’attività del datore di lavoro, l’interferenza nella vita privata dell’individuo deve considerarsi legittima, ai sensi del comma secondo dell’articolo 8 della Convenzione.

AB - Non costituisce violazione dell’articolo 8 il divieto imposto ad un dipendente di sesso maschile di indossare abiti femminili sul luogo di lavoro. Quando, infatti, per la funzione svolta tale atteggiamento possa pregiudicare l’immagine e l’attività del datore di lavoro, l’interferenza nella vita privata dell’individuo deve considerarsi legittima, ai sensi del comma secondo dell’articolo 8 della Convenzione.

KW - Sentenze cedu

KW - diritti degli omosessuali

KW - discriminazione verso una minoranza sessuale

KW - libertà di espressione orientamento sessuale

KW - rispetto della privata

KW - travestiti e dress code

UR - http://hdl.handle.net/10447/60502

UR - http://www.duitbase.it/

M3 - Article

VL - Anno I

JO - DIRITTI UMANI IN ITALIA

JF - DIRITTI UMANI IN ITALIA

SN - 2240-2861

ER -