Riflessioni sulla pena di morte, da Cesare Beccaria a Victor Hugo

Lavinia Spalanca

Risultato della ricerca: Article

Abstract

A partire da Victor Hugo le nuove generazioni di scrittori europei si sono confrontate con la grande eredità di Cesare Beccaria. L'articolo propone il confronto fra l'opera "Dei delitti e delle pene" dell'illuminista lombardo e un racconto poco noto di Victor Hugo, "L'ultimo giorno di un condannato a morte". Nella nuova coscienza romantica ad essere postulata è la frattura insanabile fra l'individuo e la società; l'oggetto della rappresentazione non è più l'insieme dei delitti e delle pene, bensì l'orrore angoscioso dell'io. L'analisi della problematica è affrontata pertanto secondo un'ottica comparatistica.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)95-102
Numero di pagine8
RivistaSINCRONIE
Volume12
Stato di pubblicazionePublished - 2008
Pubblicato esternamenteYes

Cita questo