Riflessioni sul ruolo della prohibitio nella tutela petitoria della servitus altius non tollendi

Risultato della ricerca: Article

Abstract

La ricerca intende prospettare un’analisi dell’operare della prohibitio, quale strumento di difesa extraprocessuale, in caso di tentativo di violazione della servitus altius non tollendi e delle modalità con le quali ad essa fu connessa la tutela petitoria di questa servitù. Proprio in queste modalità l’autore crede di poter scorgere la chiave di lettura di quel ius altius tollendi al quale non riconosce natura sostanziale di servitù. L’inclusione del ius altius tollendi, accanto al ius altius non tollendi, tra i iura praediorum urbanorum in Gai 2.14 fu determinata dalla particolare prospettiva adottata dal giurista, una prospettiva che guardava ai fenomeni analizzati anche in chiave processuale. Il “ius altius tollendi” ed il “ius altius non tollendi” costituivano il contenuto delle intentiones di due formule legate tra loro da un rapporto di complementarietà, perché poste a tutela di un’unica situazione, relativa al ius dei praedii vicinii, che, a sviluppo avvenuto ed in base una visione del fenomeno risolta nel suo aspetto sostanziale, era definito in termini di servitus altius non tollendi. Entrambe le azioni, la c.d. confessoria (con formula negativa) e la c.d. negatoria di servitù (con formula affermativa), furono concepite quali strumenti processuali relativi al rapporto di servitù ed esperibili, in caso di contrasto, dall’uno o dall’altro dei due soggetti, in presenza di differenti presupposti.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)83-154
Numero di pagine71
RivistaANNALI DEL SEMINARIO GIURIDICO
Volume2004
Stato di pubblicazionePublished - 2004

Cita questo

@article{c75bd264cf814dd4966b143280afe284,
title = "Riflessioni sul ruolo della prohibitio nella tutela petitoria della servitus altius non tollendi",
abstract = "La ricerca intende prospettare un’analisi dell’operare della prohibitio, quale strumento di difesa extraprocessuale, in caso di tentativo di violazione della servitus altius non tollendi e delle modalit{\`a} con le quali ad essa fu connessa la tutela petitoria di questa servit{\`u}. Proprio in queste modalit{\`a} l’autore crede di poter scorgere la chiave di lettura di quel ius altius tollendi al quale non riconosce natura sostanziale di servit{\`u}. L’inclusione del ius altius tollendi, accanto al ius altius non tollendi, tra i iura praediorum urbanorum in Gai 2.14 fu determinata dalla particolare prospettiva adottata dal giurista, una prospettiva che guardava ai fenomeni analizzati anche in chiave processuale. Il “ius altius tollendi” ed il “ius altius non tollendi” costituivano il contenuto delle intentiones di due formule legate tra loro da un rapporto di complementariet{\`a}, perch{\'e} poste a tutela di un’unica situazione, relativa al ius dei praedii vicinii, che, a sviluppo avvenuto ed in base una visione del fenomeno risolta nel suo aspetto sostanziale, era definito in termini di servitus altius non tollendi. Entrambe le azioni, la c.d. confessoria (con formula negativa) e la c.d. negatoria di servit{\`u} (con formula affermativa), furono concepite quali strumenti processuali relativi al rapporto di servit{\`u} ed esperibili, in caso di contrasto, dall’uno o dall’altro dei due soggetti, in presenza di differenti presupposti.",
keywords = "prohibitio, tutela petitoria",
author = "{De Simone}, Monica",
year = "2004",
language = "Italian",
volume = "2004",
pages = "83--154",
journal = "ANNALI DEL SEMINARIO GIURIDICO",
issn = "1972-8441",

}

TY - JOUR

T1 - Riflessioni sul ruolo della prohibitio nella tutela petitoria della servitus altius non tollendi

AU - De Simone, Monica

PY - 2004

Y1 - 2004

N2 - La ricerca intende prospettare un’analisi dell’operare della prohibitio, quale strumento di difesa extraprocessuale, in caso di tentativo di violazione della servitus altius non tollendi e delle modalità con le quali ad essa fu connessa la tutela petitoria di questa servitù. Proprio in queste modalità l’autore crede di poter scorgere la chiave di lettura di quel ius altius tollendi al quale non riconosce natura sostanziale di servitù. L’inclusione del ius altius tollendi, accanto al ius altius non tollendi, tra i iura praediorum urbanorum in Gai 2.14 fu determinata dalla particolare prospettiva adottata dal giurista, una prospettiva che guardava ai fenomeni analizzati anche in chiave processuale. Il “ius altius tollendi” ed il “ius altius non tollendi” costituivano il contenuto delle intentiones di due formule legate tra loro da un rapporto di complementarietà, perché poste a tutela di un’unica situazione, relativa al ius dei praedii vicinii, che, a sviluppo avvenuto ed in base una visione del fenomeno risolta nel suo aspetto sostanziale, era definito in termini di servitus altius non tollendi. Entrambe le azioni, la c.d. confessoria (con formula negativa) e la c.d. negatoria di servitù (con formula affermativa), furono concepite quali strumenti processuali relativi al rapporto di servitù ed esperibili, in caso di contrasto, dall’uno o dall’altro dei due soggetti, in presenza di differenti presupposti.

AB - La ricerca intende prospettare un’analisi dell’operare della prohibitio, quale strumento di difesa extraprocessuale, in caso di tentativo di violazione della servitus altius non tollendi e delle modalità con le quali ad essa fu connessa la tutela petitoria di questa servitù. Proprio in queste modalità l’autore crede di poter scorgere la chiave di lettura di quel ius altius tollendi al quale non riconosce natura sostanziale di servitù. L’inclusione del ius altius tollendi, accanto al ius altius non tollendi, tra i iura praediorum urbanorum in Gai 2.14 fu determinata dalla particolare prospettiva adottata dal giurista, una prospettiva che guardava ai fenomeni analizzati anche in chiave processuale. Il “ius altius tollendi” ed il “ius altius non tollendi” costituivano il contenuto delle intentiones di due formule legate tra loro da un rapporto di complementarietà, perché poste a tutela di un’unica situazione, relativa al ius dei praedii vicinii, che, a sviluppo avvenuto ed in base una visione del fenomeno risolta nel suo aspetto sostanziale, era definito in termini di servitus altius non tollendi. Entrambe le azioni, la c.d. confessoria (con formula negativa) e la c.d. negatoria di servitù (con formula affermativa), furono concepite quali strumenti processuali relativi al rapporto di servitù ed esperibili, in caso di contrasto, dall’uno o dall’altro dei due soggetti, in presenza di differenti presupposti.

KW - prohibitio

KW - tutela petitoria

UR - http://hdl.handle.net/10447/36095

M3 - Article

VL - 2004

SP - 83

EP - 154

JO - ANNALI DEL SEMINARIO GIURIDICO

JF - ANNALI DEL SEMINARIO GIURIDICO

SN - 1972-8441

ER -