Ricostruzione post-terremoto e identità nuove. I cinquant'anni della comunità belicina.

Risultato della ricerca: Article

Abstract

Il terremoto del 1968 nella Valle del Belice (Sicilia) trasformò radicalmente il territorio e le comunità. Al sisma seguirono un lungo processo di ricostruzione fisica e una più silente trasformazione e ri-definizione delle identità locali.Oggi, alle recenti conformazioni urbane si affiancano nuove relazioni istituzionali che tentano di interpretare la nuova struttura territoriale e di rafforzare una nuova identità comunitaria legata all'evento traumatico. Prima del terremoto il Belice era solo un fiume distante e impercettibile, mentre oggi la comunità belicina tenta un forzato riconoscimento identitario del territorio anche attraverso l'istituzione di nuove strutture di raccordo.Il contributo analizza il ruolo e l'incidenza reale di tali strutture nella costruzione di una visione comune sia identitaria che di sviluppo, in relazione alle specifiche identità e alle scelte politiche dei singoli comuni.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)163-167
Numero di pagine5
RivistaURBANISTICA INFORMAZIONI
Stato di pubblicazionePublished - 2017

Cita questo