Ri-costruzione del fronte a mare della Cala a Palermo

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

Giuseppe Samonà nel Piano Programma di Palermo (1979-1982) prevedeva di completare il fronte a mare della Cala con un’architettura capace di intessere relazioni fra le preesistenze. In continuità con quel punto di vista, un progetto di nuovi alloggi diviene l’opportunità per cercare di dimostrare come una lettura critica del tessuto urbano possa condurre a intervenire in un contesto storico senza ricorrere a soluzioni mimetiche pur mantenendo, o possibilmente potenziando, le peculiarità del luogo. Il sistema antico, concentrico alla sponda e interrotto dai bombardamenti, è quindi riconfigurato con un corpo semicircolare che si attesta, a est, alla chiesa di Santa Maria di Porto Salvo. L’articolazione dei fronti denuncia la varietà tipologica interna e manifesta un ritmo confrontabile, a livello dimensionale, con quello dell’edilizia “elencale” del contesto. L’apparente ripetizione è interrotta quando sono necessarie variazioni di scala e attraversamenti: in corso Vittorio Emanuele, via dei Cassari e a piazza della Fonderia, dove è garantita una permeabililità basamentale.
Lingua originaleItalian
Numero di pagine1
RivistaARC 2 CITTÀ
Volumen.1 aprile 2013
Stato di pubblicazionePublished - 2013

Cita questo