Revisione del processo iniquo: la Corte costituzionale “getta il cuore oltre l’ostacolo”

Risultato della ricerca: Article

Abstract

Culminata in una decisione della Consulta, una complessa evoluzione giurisprudenziale ha riguardato l'esecuzione delle condanne della Corte di Strasburgo per "iniquità" del processo. Con la censura dell'art. 630 c.p.p., la Corte costituzionale ha segnato una svolta ermeneutica: in attesa di un intervento del legislatore, l'interprete è chiamato ora a confrontarsi con una "nuova" ipotesi di revisione, traendo spunti anche dalla comparazione con alcuni sistemi stranieri.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)839-847
Numero di pagine9
RivistaDIRITTO PENALE E PROCESSO
Volumen. 7
Stato di pubblicazionePublished - 2011

Cita questo

@article{b4cc00ecbd114c7ca30b876a482d0bd8,
title = "Revisione del processo iniquo: la Corte costituzionale “getta il cuore oltre l’ostacolo”",
abstract = "Culminata in una decisione della Consulta, una complessa evoluzione giurisprudenziale ha riguardato l'esecuzione delle condanne della Corte di Strasburgo per {"}iniquit{\`a}{"} del processo. Con la censura dell'art. 630 c.p.p., la Corte costituzionale ha segnato una svolta ermeneutica: in attesa di un intervento del legislatore, l'interprete {\`e} chiamato ora a confrontarsi con una {"}nuova{"} ipotesi di revisione, traendo spunti anche dalla comparazione con alcuni sistemi stranieri.",
author = "Lucia Parlato",
year = "2011",
language = "Italian",
volume = "n. 7",
pages = "839--847",
journal = "DIRITTO PENALE E PROCESSO",
issn = "1591-5611",

}

TY - JOUR

T1 - Revisione del processo iniquo: la Corte costituzionale “getta il cuore oltre l’ostacolo”

AU - Parlato, Lucia

PY - 2011

Y1 - 2011

N2 - Culminata in una decisione della Consulta, una complessa evoluzione giurisprudenziale ha riguardato l'esecuzione delle condanne della Corte di Strasburgo per "iniquità" del processo. Con la censura dell'art. 630 c.p.p., la Corte costituzionale ha segnato una svolta ermeneutica: in attesa di un intervento del legislatore, l'interprete è chiamato ora a confrontarsi con una "nuova" ipotesi di revisione, traendo spunti anche dalla comparazione con alcuni sistemi stranieri.

AB - Culminata in una decisione della Consulta, una complessa evoluzione giurisprudenziale ha riguardato l'esecuzione delle condanne della Corte di Strasburgo per "iniquità" del processo. Con la censura dell'art. 630 c.p.p., la Corte costituzionale ha segnato una svolta ermeneutica: in attesa di un intervento del legislatore, l'interprete è chiamato ora a confrontarsi con una "nuova" ipotesi di revisione, traendo spunti anche dalla comparazione con alcuni sistemi stranieri.

UR - http://hdl.handle.net/10447/58029

M3 - Article

VL - n. 7

SP - 839

EP - 847

JO - DIRITTO PENALE E PROCESSO

JF - DIRITTO PENALE E PROCESSO

SN - 1591-5611

ER -