Relazione tra indice di resistenza renale e severitàdell’aterosclerosi carotidea in soggetti conipertensione arteriosa.

Risultato della ricerca: Other

Abstract

RAZIONALE. L’indice di resistenza intraparenchimale renale (IR), valutatomediante eco-color-Doppler, è stato classicamente consideratomera espressione di resistenza vascolare distrettuale renale.Studi più recenti, tuttavia, hanno mostrato come tale indice siaanche influenzato da fattori a tergo, compliance vasale in primis, aprova di un suo possibile ruolo quale marker di alterazioni vascolarisistemiche.Diversi studi hanno dimostrato, inoltre, come lo spessore intimale(IMTc) e la placca a livello carotideo, valutati mediante ultrasonografia,siano documentati marcatori di danno d'organo subclinicononché espressioni progressive di malattia aterosclerotica.Scopo del nostro studio è quello di valutare, in soggetti ipertesi, larelazione esistente tra IR intrarenale e severità della malattia ateroscleroticacarotidea subclinica.CASISTICA E METODI. Sono stati reclutati consecutivamente 263 soggettiipertesi, di età compresa tra i 30 ed i 70 anni, con o senza ridottafunzionalità renale. Sono stati esclusi dallo studio tutti i pazienti conipertensione renovascolare ed endocrina, così come i soggetti constenosi carotidea >50% (European Carotid Surgery Trial - ECST).I pazienti sono stati divisi in 3 diversi gruppi: pazienti con IMTc≤0.9mme senza placche; pazienti con IMTc >0.9mme senza placche; pazienticon placche. Tutti sono stati sottoposti ad eco-color-Dopplerdel distretto carotideo e renale.RISULTATI. I valori di IR nel I, II e III gruppo sono stati rispettivamentedi 0.61±0.07, 0.65±0.06 e 0.68±0.06 (p<0.001). Una forte correlazionepositiva è stata osservata tra IR e IMTc nell'intera popolazione(r=0.43; p<0.001) e nei sottogruppi con (r=0.42; p<0.001) e senza(r=0.39; p<0.001) alterazione della funzione renale. Queste correlazionisono rimaste statisticamente significative anche dopo aggiustamentoper vari fattori confondenti all'analisi multivariata.CONCLUSIONI. I nostri risultati sembrano confermare una stretta associazionetra IR e severità della patologia aterosclerotica carotideain pazienti ipertesi con e senza ridotta funzionalità renale, a controprovadi un probabile ruolo dell’IR quale marker di alterazioni morfofunzionalivascolari sistemiche.
Lingua originaleItalian
Pagine165-165
Numero di pagine1
Stato di pubblicazionePublished - 2014

Cita questo