Recensione sul volume di G. Salonia (a cura di), La vera storia di Peter Pan. Quando un bacio salva la vita. Cittadella, Assisi(2016)

Risultato della ricerca: Review article

Abstract

Il volume coglie lo sfondo ermeneutico in cui si circoscrive il mondo degli “adultescenti” di oggi e dei bambini “non baciati” dai loro adulti di riferimento. Chi è Peter Pan? Si domanda innanzitutto il curatore del testo, svelando l’identità di un bambino non cresciuto e soprattutto le motivazioni per cui la sua crescita si è fermata, orientandosi invece verso il mondo delle fate, dei voli e dell’incanto. Partendo da tale sfondo, il volume rilancia il modello psicopatologico di Dan Kiley (1983) sulla Peter Pan Syndrome (Men who have never grown up), verso una lettura psicoevolutiva che viene riformulata dopo avere ascoltato i bambini e soprattutto accolto il senso del loro disagio emotivo.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)126-126
Numero di pagine1
RivistaPSICOLOGIA DI COMUNITÀ
Stato di pubblicazionePublished - 2016

Cita questo