Raymond Queneau e la poetica dell’invenzione. Sulla genesi del romanzo

Risultato della ricerca: Book

Abstract

La Critica genetica si impone negli anni Settanta come evoluzione dello Strutturalismo, sottoponendo ad analisi il processo creativo stesso attraverso lo studio dei manoscritti moderni. Come sottolinea Grésillon, si tratta di studiare «les manuscrits de travail des écrivains en tant que support matériel, espace d’inscription et lieu de mémoire des oeuvres in statu nascendi», nel tentativo di delineare la dinamica creativa di elaborazione dell’opera. La genetica sostituisce così all’osservazione del testo quella dell’avantesto, che permette sia di delineare le metamorfosi del testo sia di individuare quella che Grésillon definisce ‘poetica dell’invenzione’. Sono quindi i momenti/movimenti della scrittura, il rapporto intimo ed esclusivo che ogni autore instaura con la propria opera ad essere oggetto di indagine critica, offrendo percorsi interpretativi ulteriori. L’analisi dei documenti preparatori, di appunti di revisione e di versioni manoscritte, anche inedite, di alcuni romanzi di Raymond Queneau, conservati presso il Fonds Queneau della “Bibliothèque Droit et Lettres” dell’Università della Borgogna e della “Bibliothèque Municipale Armand Salacrou” di Le Havre, permette di individuare le costanti della scrittura queniana come l’imposizione di una struttura numerica, la distribuzione dei personaggi, l’imposizione di una rima semantica e la progressiva saturazione dell’intrigo.
Lingua originaleItalian
Numero di pagine151
Stato di pubblicazionePublished - 2017

Serie di pubblicazioni

NomeSTUDI LETTERARI

Cita questo

Raymond Queneau e la poetica dell’invenzione. Sulla genesi del romanzo. / Tononi, Daniela.

2017. 151 pag. (STUDI LETTERARI).

Risultato della ricerca: Book

@book{3f16aa1709b340cf8e6bc6d5e0d2a183,
title = "Raymond Queneau e la poetica dell’invenzione. Sulla genesi del romanzo",
abstract = "La Critica genetica si impone negli anni Settanta come evoluzione dello Strutturalismo, sottoponendo ad analisi il processo creativo stesso attraverso lo studio dei manoscritti moderni. Come sottolinea Gr{\'e}sillon, si tratta di studiare «les manuscrits de travail des {\'e}crivains en tant que support mat{\'e}riel, espace d’inscription et lieu de m{\'e}moire des oeuvres in statu nascendi», nel tentativo di delineare la dinamica creativa di elaborazione dell’opera. La genetica sostituisce cos{\`i} all’osservazione del testo quella dell’avantesto, che permette sia di delineare le metamorfosi del testo sia di individuare quella che Gr{\'e}sillon definisce ‘poetica dell’invenzione’. Sono quindi i momenti/movimenti della scrittura, il rapporto intimo ed esclusivo che ogni autore instaura con la propria opera ad essere oggetto di indagine critica, offrendo percorsi interpretativi ulteriori. L’analisi dei documenti preparatori, di appunti di revisione e di versioni manoscritte, anche inedite, di alcuni romanzi di Raymond Queneau, conservati presso il Fonds Queneau della “Biblioth{\`e}que Droit et Lettres” dell’Universit{\`a} della Borgogna e della “Biblioth{\`e}que Municipale Armand Salacrou” di Le Havre, permette di individuare le costanti della scrittura queniana come l’imposizione di una struttura numerica, la distribuzione dei personaggi, l’imposizione di una rima semantica e la progressiva saturazione dell’intrigo.",
keywords = "Critica genetica, Raymond Queneau, Caos, XX secolo",
author = "Daniela Tononi",
year = "2017",
language = "Italian",
isbn = "978-88-98115-30-3",
series = "STUDI LETTERARI",

}

TY - BOOK

T1 - Raymond Queneau e la poetica dell’invenzione. Sulla genesi del romanzo

AU - Tononi, Daniela

PY - 2017

Y1 - 2017

N2 - La Critica genetica si impone negli anni Settanta come evoluzione dello Strutturalismo, sottoponendo ad analisi il processo creativo stesso attraverso lo studio dei manoscritti moderni. Come sottolinea Grésillon, si tratta di studiare «les manuscrits de travail des écrivains en tant que support matériel, espace d’inscription et lieu de mémoire des oeuvres in statu nascendi», nel tentativo di delineare la dinamica creativa di elaborazione dell’opera. La genetica sostituisce così all’osservazione del testo quella dell’avantesto, che permette sia di delineare le metamorfosi del testo sia di individuare quella che Grésillon definisce ‘poetica dell’invenzione’. Sono quindi i momenti/movimenti della scrittura, il rapporto intimo ed esclusivo che ogni autore instaura con la propria opera ad essere oggetto di indagine critica, offrendo percorsi interpretativi ulteriori. L’analisi dei documenti preparatori, di appunti di revisione e di versioni manoscritte, anche inedite, di alcuni romanzi di Raymond Queneau, conservati presso il Fonds Queneau della “Bibliothèque Droit et Lettres” dell’Università della Borgogna e della “Bibliothèque Municipale Armand Salacrou” di Le Havre, permette di individuare le costanti della scrittura queniana come l’imposizione di una struttura numerica, la distribuzione dei personaggi, l’imposizione di una rima semantica e la progressiva saturazione dell’intrigo.

AB - La Critica genetica si impone negli anni Settanta come evoluzione dello Strutturalismo, sottoponendo ad analisi il processo creativo stesso attraverso lo studio dei manoscritti moderni. Come sottolinea Grésillon, si tratta di studiare «les manuscrits de travail des écrivains en tant que support matériel, espace d’inscription et lieu de mémoire des oeuvres in statu nascendi», nel tentativo di delineare la dinamica creativa di elaborazione dell’opera. La genetica sostituisce così all’osservazione del testo quella dell’avantesto, che permette sia di delineare le metamorfosi del testo sia di individuare quella che Grésillon definisce ‘poetica dell’invenzione’. Sono quindi i momenti/movimenti della scrittura, il rapporto intimo ed esclusivo che ogni autore instaura con la propria opera ad essere oggetto di indagine critica, offrendo percorsi interpretativi ulteriori. L’analisi dei documenti preparatori, di appunti di revisione e di versioni manoscritte, anche inedite, di alcuni romanzi di Raymond Queneau, conservati presso il Fonds Queneau della “Bibliothèque Droit et Lettres” dell’Università della Borgogna e della “Bibliothèque Municipale Armand Salacrou” di Le Havre, permette di individuare le costanti della scrittura queniana come l’imposizione di una struttura numerica, la distribuzione dei personaggi, l’imposizione di una rima semantica e la progressiva saturazione dell’intrigo.

KW - Critica genetica, Raymond Queneau, Caos, XX secolo

UR - http://hdl.handle.net/10447/242150

M3 - Book

SN - 978-88-98115-30-3

T3 - STUDI LETTERARI

BT - Raymond Queneau e la poetica dell’invenzione. Sulla genesi del romanzo

ER -