"Ratio aequitatis": modelli procedurali e sistemi giudiziari nel "Liber Augustalis"

Risultato della ricerca: Otherpeer review

Abstract

Il Liber Augustalis, dato da Federico II come corpus normativo per il Regnum Sicilie, contiene un consistente gruppo di norme volte a disicplinare le procedure e i riti giudiziari. Mettendo insieme le norme sul processo, sparse nella compilazione federiciana, è infatti possibile ricavare una sorta di ordo iudiciarius, che sembra essere volto a rendere concrete le molteplici affermazioni teoriche sulla giustizia che costellano l'intero complesso normativo. Si tratta di disposizioni che per quantità e complessità trovano un analogo riscontro esclusivamente nelle compilazioni canonistiche. Unicità del sistema giudiziario, conseguente eliminazione dei fori privilegiati e controllo diretto sui tribunali ecclesiastici e nobiliari; regolamentazione del processo civile e di quello penale e sostanziale recepimento del modello processuale romano-canonico; introduzione del processo inquisitorio ed equiparazione dell'eresia al crimen lese maiestatis sono i principali strumenti giuridici attraverso i quali la celeberrima endiadi del sovrano pater et filius iustitie, dominus et minister si riempie di contenuto e trova concreta applicazione
Lingua originaleItalian
Pagine67-86
Numero di pagine20
Stato di pubblicazionePublished - 2008

Cita questo