Quid Tum? Riflessioni sulla didattica della progettazione architettonica

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Il saggio costituisce una riflessione sulle personali esperienze didattiche, svolte nell’ambito dei laboratori di progettazione architettonica del terzo anno, ma anche del laboratorio di laurea, del Corso di Studi in Architettura magistrale a ciclo unico quinquennale, dell’Università degli Studi di Palermo, partendo da una premessa che con frequenza ha costituito il prologo agli stessi corsi e si riassume nel motto ciceroniano Quid Tum? Corsi dedicati in prevalenza al tema delle architetture e degli spazi esequiali ma anche al recupero di aree oggi al margine di insediamenti urbani, segnate da stratificazioni e da ancestrali processi di antropizzazione: dal sistema dei borghi rurali dell’entroterra palermitano alle architetture rupestri del quartiere Rabato e del parco dell’Addolorata ad Agrigento, dalle Latomie di Marsala, alle cave di Cusa e dei monti Sicani a quelle di Mazzara e di Favignana. Luoghi individuati, essenzialmente come campo di sperimentazione progettuale dei laboratori finalizzati a utilizzare la particolare dimensione fisica di specifiche aree come materia formativa e strutturante della stessa idea di progetto.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteTERRITORIO, PAISAJE Y TURISMO: metodologias docentes en las escuelas de arquitectura
Pagine162-168
Numero di pagine7
Stato di pubblicazionePublished - 2017

Cita questo

Di Benedetto, G. (2017). Quid Tum? Riflessioni sulla didattica della progettazione architettonica. In TERRITORIO, PAISAJE Y TURISMO: metodologias docentes en las escuelas de arquitectura (pagg. 162-168)

Quid Tum? Riflessioni sulla didattica della progettazione architettonica. / Di Benedetto, Giuseppe.

TERRITORIO, PAISAJE Y TURISMO: metodologias docentes en las escuelas de arquitectura. 2017. pag. 162-168.

Risultato della ricerca: Chapter

Di Benedetto, G 2017, Quid Tum? Riflessioni sulla didattica della progettazione architettonica. in TERRITORIO, PAISAJE Y TURISMO: metodologias docentes en las escuelas de arquitectura. pagg. 162-168.
Di Benedetto G. Quid Tum? Riflessioni sulla didattica della progettazione architettonica. In TERRITORIO, PAISAJE Y TURISMO: metodologias docentes en las escuelas de arquitectura. 2017. pag. 162-168
Di Benedetto, Giuseppe. / Quid Tum? Riflessioni sulla didattica della progettazione architettonica. TERRITORIO, PAISAJE Y TURISMO: metodologias docentes en las escuelas de arquitectura. 2017. pagg. 162-168
@inbook{e65216b622724854bba7ccb669ea2f89,
title = "Quid Tum? Riflessioni sulla didattica della progettazione architettonica",
abstract = "Il saggio costituisce una riflessione sulle personali esperienze didattiche, svolte nell’ambito dei laboratori di progettazione architettonica del terzo anno, ma anche del laboratorio di laurea, del Corso di Studi in Architettura magistrale a ciclo unico quinquennale, dell’Universit{\`a} degli Studi di Palermo, partendo da una premessa che con frequenza ha costituito il prologo agli stessi corsi e si riassume nel motto ciceroniano Quid Tum? Corsi dedicati in prevalenza al tema delle architetture e degli spazi esequiali ma anche al recupero di aree oggi al margine di insediamenti urbani, segnate da stratificazioni e da ancestrali processi di antropizzazione: dal sistema dei borghi rurali dell’entroterra palermitano alle architetture rupestri del quartiere Rabato e del parco dell’Addolorata ad Agrigento, dalle Latomie di Marsala, alle cave di Cusa e dei monti Sicani a quelle di Mazzara e di Favignana. Luoghi individuati, essenzialmente come campo di sperimentazione progettuale dei laboratori finalizzati a utilizzare la particolare dimensione fisica di specifiche aree come materia formativa e strutturante della stessa idea di progetto.",
author = "{Di Benedetto}, Giuseppe",
year = "2017",
language = "Italian",
isbn = "978-84-697-5584-6",
pages = "162--168",
booktitle = "TERRITORIO, PAISAJE Y TURISMO: metodologias docentes en las escuelas de arquitectura",

}

TY - CHAP

T1 - Quid Tum? Riflessioni sulla didattica della progettazione architettonica

AU - Di Benedetto, Giuseppe

PY - 2017

Y1 - 2017

N2 - Il saggio costituisce una riflessione sulle personali esperienze didattiche, svolte nell’ambito dei laboratori di progettazione architettonica del terzo anno, ma anche del laboratorio di laurea, del Corso di Studi in Architettura magistrale a ciclo unico quinquennale, dell’Università degli Studi di Palermo, partendo da una premessa che con frequenza ha costituito il prologo agli stessi corsi e si riassume nel motto ciceroniano Quid Tum? Corsi dedicati in prevalenza al tema delle architetture e degli spazi esequiali ma anche al recupero di aree oggi al margine di insediamenti urbani, segnate da stratificazioni e da ancestrali processi di antropizzazione: dal sistema dei borghi rurali dell’entroterra palermitano alle architetture rupestri del quartiere Rabato e del parco dell’Addolorata ad Agrigento, dalle Latomie di Marsala, alle cave di Cusa e dei monti Sicani a quelle di Mazzara e di Favignana. Luoghi individuati, essenzialmente come campo di sperimentazione progettuale dei laboratori finalizzati a utilizzare la particolare dimensione fisica di specifiche aree come materia formativa e strutturante della stessa idea di progetto.

AB - Il saggio costituisce una riflessione sulle personali esperienze didattiche, svolte nell’ambito dei laboratori di progettazione architettonica del terzo anno, ma anche del laboratorio di laurea, del Corso di Studi in Architettura magistrale a ciclo unico quinquennale, dell’Università degli Studi di Palermo, partendo da una premessa che con frequenza ha costituito il prologo agli stessi corsi e si riassume nel motto ciceroniano Quid Tum? Corsi dedicati in prevalenza al tema delle architetture e degli spazi esequiali ma anche al recupero di aree oggi al margine di insediamenti urbani, segnate da stratificazioni e da ancestrali processi di antropizzazione: dal sistema dei borghi rurali dell’entroterra palermitano alle architetture rupestri del quartiere Rabato e del parco dell’Addolorata ad Agrigento, dalle Latomie di Marsala, alle cave di Cusa e dei monti Sicani a quelle di Mazzara e di Favignana. Luoghi individuati, essenzialmente come campo di sperimentazione progettuale dei laboratori finalizzati a utilizzare la particolare dimensione fisica di specifiche aree come materia formativa e strutturante della stessa idea di progetto.

UR - http://hdl.handle.net/10447/242226

M3 - Chapter

SN - 978-84-697-5584-6

SP - 162

EP - 168

BT - TERRITORIO, PAISAJE Y TURISMO: metodologias docentes en las escuelas de arquitectura

ER -