Prove di propagazione su Capparis spinosa subsp. rupestris (Sm.) Nyman

Risultato della ricerca: Article

Abstract

Il cappero (Capparis spinosa L. subsp. rupestris (Sm.) Nyman) appartiene alla famiglia delle Capparaceae. È una specie diffusa allo stato spontaneo in tutta la regione mediterranea. Della pianta vengono utilizzati i bottoni fiorali, detti comunemente capperi, per aromatizzare diverse pietanze. La specie, oltre ad essere impiegata in gastronomia, trova interesse per impieghi medicinali ed ornamentali.Le isole minori della Sicilia (Pantelleria e Salina) vantano una lunga tradizione nell’uso e nella coltivazione di questa pianta. Tuttavia, un punto debole del settore è rappresentato dall’alto grado di empirismo che contraddistingue, soprattutto, la fase vivaistica. L’ottimizzazione della tecnica di propagazione, sia in termini di quantità che qualità della radicazione, è infatti un aspetto dell’agrotecnica da definire per la produzione su larga scala di piante con caratteristiche produttive omogenee e con standard qualitativi di pregio.Sulla base di queste considerazioni il Consorzio di ricerca CORISSIA, nel biennio 2003-2005, ha avviato la raccolta di accessioni di cappero siciliano, al fine di individuare biotipi interessati su cui prelevare materiale di base per la messa a punto della tecnica di propagazione agamica.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)527-530
Numero di pagine4
RivistaItalian Journal of Agronomy
VolumeVol. 4
Stato di pubblicazionePublished - 2009

Cita questo