Progetto MAGIC: “L’informazione territoriale nella valutazione del rischio geologico in ambiente marino”. . In: Workshop GIS Day: "GIStales: di dati, persone e strumenti”.

Risultato della ricerca: Other

Abstract

MaGIC è un progetto quinquennale (2007-2012) finanziato dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile per l'acquisizione di dati morfobatimetrici ad alta risoluzione. Lo scopo principale del progetto è quello di definire e rappresentare i principali elementi morfologici dei fondali marini, in particolar modo quelli derivanti da dinamiche morfo-sedimentarie che implicano mobilità e/o instabilità dei sedimenti e conseguenti situazioni di pericolosità per le infrastrutture e le aree costiere urbanizzate. I rilievi morfobatimetrici vengono realizzati con un sistema ecoscandaglio radiale multifascio (Multibeam echosounder systems) calibrato ad hoc nell’area di lavoro e corretto in velocità mediante sonda in continuo (SVPC) e profilo verticale della velocità del suono (SVP). I dati batimetrici acquisiti sono inizialmente elaborati e filtrati, attraverso appositi software, e successivamente vengono esportati in maniera tale da poterli interfacciare con altre piattaforme software GIS. Il software Global Mapper è utilizzato per l’interpretazione dei dati e la realizzazione di modelli digitali 3D. Tale software è stato implementato di specifici tools realizzati unicamente per il progetto Magic dalla casa produttrice. Vengono mostrate immagini dei fondali marini del settore centro occidentale del margine continentale nord-siciliano (offshore di Palermo) e delle morfologie sommerse dell’edificio vulcanico dell’Isola di Ustica, che evidenziano le aree a maggiore rischio geologico.
Lingua originaleItalian
Numero di pagine0
Stato di pubblicazionePublished - 2010

Cita questo

@conference{78bb62cb417b41f08a859c95772cd720,
title = "Progetto MAGIC: “L’informazione territoriale nella valutazione del rischio geologico in ambiente marino”. . In: Workshop GIS Day: {"}GIStales: di dati, persone e strumenti”.",
abstract = "MaGIC {\`e} un progetto quinquennale (2007-2012) finanziato dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile per l'acquisizione di dati morfobatimetrici ad alta risoluzione. Lo scopo principale del progetto {\`e} quello di definire e rappresentare i principali elementi morfologici dei fondali marini, in particolar modo quelli derivanti da dinamiche morfo-sedimentarie che implicano mobilit{\`a} e/o instabilit{\`a} dei sedimenti e conseguenti situazioni di pericolosit{\`a} per le infrastrutture e le aree costiere urbanizzate. I rilievi morfobatimetrici vengono realizzati con un sistema ecoscandaglio radiale multifascio (Multibeam echosounder systems) calibrato ad hoc nell’area di lavoro e corretto in velocit{\`a} mediante sonda in continuo (SVPC) e profilo verticale della velocit{\`a} del suono (SVP). I dati batimetrici acquisiti sono inizialmente elaborati e filtrati, attraverso appositi software, e successivamente vengono esportati in maniera tale da poterli interfacciare con altre piattaforme software GIS. Il software Global Mapper {\`e} utilizzato per l’interpretazione dei dati e la realizzazione di modelli digitali 3D. Tale software {\`e} stato implementato di specifici tools realizzati unicamente per il progetto Magic dalla casa produttrice. Vengono mostrate immagini dei fondali marini del settore centro occidentale del margine continentale nord-siciliano (offshore di Palermo) e delle morfologie sommerse dell’edificio vulcanico dell’Isola di Ustica, che evidenziano le aree a maggiore rischio geologico.",
keywords = "GIS, MAGIC",
author = "Attilio Sulli and Valentina Pennino and Mauro Agate and Raimondo Catalano and Sabrina Polizzi and Francesco Interbartolo and Francesco Gargano and {Lo Presti}, Valeria",
year = "2010",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - Progetto MAGIC: “L’informazione territoriale nella valutazione del rischio geologico in ambiente marino”. . In: Workshop GIS Day: "GIStales: di dati, persone e strumenti”.

AU - Sulli, Attilio

AU - Pennino, Valentina

AU - Agate, Mauro

AU - Catalano, Raimondo

AU - Polizzi, Sabrina

AU - Interbartolo, Francesco

AU - Gargano, Francesco

AU - Lo Presti, Valeria

PY - 2010

Y1 - 2010

N2 - MaGIC è un progetto quinquennale (2007-2012) finanziato dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile per l'acquisizione di dati morfobatimetrici ad alta risoluzione. Lo scopo principale del progetto è quello di definire e rappresentare i principali elementi morfologici dei fondali marini, in particolar modo quelli derivanti da dinamiche morfo-sedimentarie che implicano mobilità e/o instabilità dei sedimenti e conseguenti situazioni di pericolosità per le infrastrutture e le aree costiere urbanizzate. I rilievi morfobatimetrici vengono realizzati con un sistema ecoscandaglio radiale multifascio (Multibeam echosounder systems) calibrato ad hoc nell’area di lavoro e corretto in velocità mediante sonda in continuo (SVPC) e profilo verticale della velocità del suono (SVP). I dati batimetrici acquisiti sono inizialmente elaborati e filtrati, attraverso appositi software, e successivamente vengono esportati in maniera tale da poterli interfacciare con altre piattaforme software GIS. Il software Global Mapper è utilizzato per l’interpretazione dei dati e la realizzazione di modelli digitali 3D. Tale software è stato implementato di specifici tools realizzati unicamente per il progetto Magic dalla casa produttrice. Vengono mostrate immagini dei fondali marini del settore centro occidentale del margine continentale nord-siciliano (offshore di Palermo) e delle morfologie sommerse dell’edificio vulcanico dell’Isola di Ustica, che evidenziano le aree a maggiore rischio geologico.

AB - MaGIC è un progetto quinquennale (2007-2012) finanziato dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile per l'acquisizione di dati morfobatimetrici ad alta risoluzione. Lo scopo principale del progetto è quello di definire e rappresentare i principali elementi morfologici dei fondali marini, in particolar modo quelli derivanti da dinamiche morfo-sedimentarie che implicano mobilità e/o instabilità dei sedimenti e conseguenti situazioni di pericolosità per le infrastrutture e le aree costiere urbanizzate. I rilievi morfobatimetrici vengono realizzati con un sistema ecoscandaglio radiale multifascio (Multibeam echosounder systems) calibrato ad hoc nell’area di lavoro e corretto in velocità mediante sonda in continuo (SVPC) e profilo verticale della velocità del suono (SVP). I dati batimetrici acquisiti sono inizialmente elaborati e filtrati, attraverso appositi software, e successivamente vengono esportati in maniera tale da poterli interfacciare con altre piattaforme software GIS. Il software Global Mapper è utilizzato per l’interpretazione dei dati e la realizzazione di modelli digitali 3D. Tale software è stato implementato di specifici tools realizzati unicamente per il progetto Magic dalla casa produttrice. Vengono mostrate immagini dei fondali marini del settore centro occidentale del margine continentale nord-siciliano (offshore di Palermo) e delle morfologie sommerse dell’edificio vulcanico dell’Isola di Ustica, che evidenziano le aree a maggiore rischio geologico.

KW - GIS

KW - MAGIC

UR - http://hdl.handle.net/10447/66563

M3 - Other

ER -