Progettazione per la realizzazione della Ricostruzione Corpo Centrale Ex Biblioteca della Stazione Zoologica Anton Dohrn

Risultato della ricerca: Other contribution

Abstract

Il recupero architettonico e funzionale della ex Biblioteca della Stazione Zoologica di Napoli ha un significato che va evidentemente oltre le ridotte dimensioni del suo ingombro e del suo volume. L’intervento cerca di interpretare il piccolo elemento - limitato dai 2 edifici storici adiacenti - come tassello di un processo rigenerativo completo, a livello di uso come di immagine complessiva, in un’area urbana tanto significativa quanto delicata.La volontà del progetto di concorso può essere descritta e comunicata attraverso una serie di parole chiave:RISEMANTIZZAZIONEDa un punto di vista della facciata e dell’immagine complessiva dell’edificio, la sostituzione della superficie collocata tra i 2 corpi storici è occasione per una risemantizzazione complessiva di tutto il volume, sia sul lato di via Francesco Caracciolo che su quello della Riviera di Chiaia. I nuovi piani verticali, uniformi, si staccano dalla composizione storica delle facciate contigue conferendo ad esse una ritrovata identità. In questo senso il progetto è anche interpretabile come un’operazione di delamination capace di svelare e di riportare alla luce, le diverse fasi storiche dell’edificazione.DISTANZA CRITICAIl volume si relazione con i due edifici laterali esistenti attraverso il raddoppiamento/inspessimento del muro esistente a tutta altezza. Il nuovo muro si distacca per poter mascherare, in modo ispezionabile, il sistema degli impianti e si smaterializza – svuota – per poter contenere materiali da archiviare e/o da esporre. Le quinte dei due edifici laterali esistenti fungono da contro-forma/calco per il nuovo volume progettato. Si definisce, in questo modo, una sospensione del nuovo volume progettato attraverso una distanza critica in termini non solo spaziali, ma anche temporali, tra il prima e il dopo, tra il vecchio e il nuovo, a testimoniare il diverso tempo dell’intervento. TORRE-SCRIGNOPur funzionalmente collegato con le zone adiacenti, il nuovo blocco edilizio si configura come una sorta di torre-scrigno autonoma, che denuncia la propria contemporaneità proprio nella marcata differenza con gli edifici storici. Tale distanza è ulteriormente rafforzata dalla volontà progettuale di non avere grandi finestre, bensì una luce zenitale.UNA FACCIATA RITROVATALa sostituzione integrale dell’involucro permette di sviluppare un nuovo rapporto tra interno ed esterno. Pur costituendo una limitata porzione di un fronte lungo circa 120 metri, l’intervento è il pretesto per un approfondimento – anche tecnologico e materico – sulla facciata: complesso elemento multi-layer, diventa il medium tra il mare (e quindi il paesaggio) e la città. Tale condizione, ibrida ed ambigua, è ulteriormente rafforzata dalla vocazione funzionale degli spazi interni, ambienti chiusi ma che comunicano ai visitatori il massimo della naturalità, in un rapporto in equilibrio tra familiare e diverso. Il sistema dell’involucro che contiene i diversi livelli determina uno spazio diaframma a sud. Uno spazio vuoto che contiene la seconda facciata, interna.ARTICOLAZIONE INTERNAProprio con riferimento agli spazi interni, la posizione strategica – sui diversi livelli – del blocco edilizio in sostituzione permette una radicale riorganizzazione distributiva complessiva. In questo senso la ricerca progettuale è stata svolta nella direzione di un rinnovato equilibrio tra la dimensione espositiva di stampo 8centesco e 9centesco con ambienti fluidi, dinamici, maggiormente coinvolgenti propri della contemporaneità. Alcune delle stesse funzioni, collocate nei nuovi ambienti, si affiancano al programma richie
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2017

Cita questo