Profili penali e problemi politico-criminali dell'intervento multilivello sugli stupefacenti

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

l contributo esamina alcuni problemi di fondo connessi all’intervento penalistico in materia di stupefacenti, assumendolo quale settore esemplare per indicare la complessità del diritto penale moderno. In particolare, si segnala tanto la difficoltà di ricostruire la prevenzione del relativo fenomeno sociale come affidato a strumenti omogenei, quanto la crisi del ruolo di extrema ratio del diritto penale all’interno di tale articolata serie di interventi. Le principali vicende italiane sulle fondamentali opzioni in materia sono quindi collocate nello scenario internazionale, che condiziona i sistemi giuridici statuali ad una strategia differenziata rispetto ai due versanti del traffico illecito e del consumo (pena / offerta di terapia). Le questioni poste da questa articolazione multilivello delle risposte in materia sono quindi considerate all’interno della stessa Unione Europea, che considera il traffico di stupefacenti uno dei settori privilegiati per il proprio impegno di armonizzazione normativa in materia penale. Alla luce della Decisione quadro UE 2004/757/GAI, si confrontano dunque le norme penali italiane con quello di un sistema penale pur non lontano come quello spagnolo, segnalandone le perduranti distanze ma anche il percorso di reciproco avvicinamento.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)85-110
Numero di pagine26
RivistaRIVISTA TRIMESTRALE DI DIRITTO PENALE DELL'ECONOMIA
VolumeXXVII
Stato di pubblicazionePublished - 2014

Cita questo